Maxi-penale per Tiffany. Condannata a pagare 328 milioni alla Swatch

Riconosciuti i danni subìti dall'azienda svizzera nei tre anni in cui aveva sottoscritto un accordo per produrre orologi con il marchio Tyffany

Una granda da 328 milioni di euro. Tiffany, il colosso del lusso americano, è stata condannata in Olanda a versare 448,79 milioni di dollari (328 milioni di euro) alla svizzera Swatch per i danni subìti da quest’ultima nei tre anni (2008-2011) in cui le due aziende avevano sottoscritto un accordo per produrre orologi con il marchio Tyffany. L’istituto di arbitraggio olandese ha riconosciuto che Tiffany, nonostante l’intesa, non collaborò mai effettivamente e anzi ostacolò il progetto e che quindi la società elvetica fu nel suo diritto quando lo rescisse nel 2011. Swatch riferisce che la corte dei Paesi Bassi ha respinto una contro-denuncia presentata nel 2012 da Tiffany. Dal canto suo, il colosso americano ha annunciato che la penale che dovrà versare a Swatch avrà un impatto sensibile sui conti dell’ultimo trimestre, stimato tra i 295 e i 305 milioni di dollari e questo abbasserà i risultati sui 12 mesi dai 3,65-3,75 dollari per azioni a 2,30-2,35 dollari. Michael Kowalski, l’Ad di Tiffany, si è detto "sconvolto ed estremamente deluso" dalla decisione dei giudici.