Per la maxi truffa di Madoff JpMorgan paga due miliardi

Nel tentativo di lasciarsi alle spalle l'ennesimo guaio legale, Jp Morgan Chase si prepara a iniziare l'anno con un nuovo patteggiamento: secondo indiscrezioni riportate dal New York Times, la banca newyorkese pagherà circa 2 miliardi di dollari per archiviare accuse civili e penali collegate alla maxi truffa da 65 miliardi di dollari orchestrata da Bernard Madoff. Le indagini avviate erano volte ad appurare se la banca avrebbe potuto mettere in guardia le autorità di regolamentazione sulle attività di Madoff, dato che da oltre vent'anni faceva affari con il finanziere, arrestato nel dicembre 2008 e quindi condannato a 150 anni di carcere. Secondo il quotidiano l'accordo tra la banca e le autorità potrà essere trovato e ufficializzato già questa settimana.
A dicembre il Wall Street Journal aveva parlato di possibili ulteriori multe (l'entità non è stata determinata) sempre collegate allo scandalo Madoff, una parte delle quali potrà andare all'Office of the Comptroller of the Currency, l'agenzia che controlla le banche nazionali e le filiali di banche estere che operano negli Stati Uniti.
Includendo il patteggiamento con la procura federale sul caso Madoff, l'esborso della banca per questioni legali sale a 20 miliardi di dollari, la maggior parte dei quali rappresentata dall'accordo da 13 miliardi trovato a fine 2013 con il dipartimento di Giustizia per chiudere le accuse collegate a violazioni sui mutui durante la crisi. La maggior parte dei rimborsi attesi andranno comunque a favore delle migliaia di investitori bruciati dalla frode. Ad oggi però sono stati recuperati solo 11,9 miliardi dollari contro gli oltre 17 necessari.
Quanto alla banca, non è stato individuato un vero colpevole ma i regolamenti federali richiedono agli istituti finanziari di segnalare attività sospette da parte dei titolari dei conti. Nello specifico la causa civile contro Jp Morgan ha rivelato alcune mail, tra cui un «memo» del 2008, che rivelano la truffa. Tale note sono state scritte poco prima dell'arresto di Madoff che si è poi dichiarato colpevole di frode e altre accuse nel marzo 2009. Ora anche quei suoi ex-dipendenti sono sotto processo in tribunale federale di Manhattan con l'accusa di aver consapevolmente partecipato alla frode. Essi si sono dichiarati non colpevoli e hanno detto che sono stati ingannati dai loro ex-capo. Ma perché Jp Morgan ha deciso di patteggiare per somme così alte? Ebbene, l'accordo extagiudiziale evita azioni penali contro la banca e utilizza il metodo dell'azione criminale «posticipata», mai usato prima nei confronti di una grande banca a Wall Street. Questo sistema era stato introdotto per evitare che in seguito ad azioni criminali contro un'azienda si creassero reazioni a catena fino al fallimento e alla chiusura con conseguenze disastrose per dipendenti innocenti. Il caso Enron fu il più eclatante: il fallimento del gruppo energetico trascinò in un vortice di azioni criminali anche la società per la revisione dei conti Arthur Andersen, che fu costretta alla chiusura. Risultato: 28mila persone persero il lavoro.