Maxicompenso a Marchionne: 31,3 milioni di euro nel 2014

Al manager anche azioni e un bonus da 12 milioni da riscuotere a fine mandato grazie al "ruolo chiave" giocato nella fusione Fiat-Chrysler

Sergio Marchionne ha guadagnato 31,3 milioni di euro nel solo 2014 come amministratore delegato della Fca.

Lo ha detto la stessa azienda nel suo Annual Report, rivelando che il manager ha ricevuto uno stipendio da 6,6 milioni e un’una tantum da 24,7 milioni legata al buon esito della fusione di Fiat con Chrysler, oltre ad otterenere un bonus da 12 milioni di euro che riceverà alla fine della sua carica e l’assegnazione, previo via libera dell’assembla
generale, all’amministratore delegato di 1,62 milioni di azioni restricted. Al prezzo odierno di 14,06 euro, e con un via libera dell’assemblea che dovrebbe essere scontato, Marchionne porterebbe a casa nel 2015 ulteriori 22,77 milioni di euro, con i quali la cifra complessiva dei "premi" che gli sono riconosciuti sale a 59,7 milioni.

"Il nostro successo dipende ampiamente dalla capacità dei manager di gestire il gruppo e le sue aree di attività. In particolare, l’amministratore delegato Sergio Marchionne è centrale nell’esecuzione della nuova direzione strategica e nell’attuazione del piano industriale" si legge nel rapporto, "Anche se Marchionne ha indicato la sua intenzione di rimanere amministratore delegato durante il periodo del piano industriale, se dovessimo perdere i suoi servizi o quelli di altri manager o dipendenti chiave" questo potrebbe avere "effetti avversi materiali sulle nostre prospettive di business, guadagni e posizione finanziaria". Marchionne è stato quindi "strumentale" per i maggiori risultati strategici e finanziari del gruppo: "Con la sua visione e la sua guida, è stata creata Fca, con un enorme valore per la società, i suoi azionisti, dipendenti e stakeholder". Al presidente John Elkann è stato riconosciuto un compenso di 1,68 milioni di euro, mentre a Luca Cordero di Montezemolo 2,5 milioni.

Commenti
Ritratto di dardo_01

dardo_01

Sab, 07/03/2015 - 00:21

Landini & C possono dire quello che vogliono, ma se non c'era Marchionne la Fiat sarebbe stata costretta a portare i libri in tribunale. Quindi più che meritati! Che stonano sono gli 1,68 milioni di € a John Elkann, la cui presenza è del tutto inutile, se non dannosa.

chicolatino

Sab, 07/03/2015 - 01:08

bravo dardo, concordo in pieno...chi avrebbe mai chiesto un prestito miliardario al governo Americano in quell periododo buio per comprare il gruppo Chrysler che ora sta trinando le vendite del gruppo FCA soprattutto con I marchi jeep & dodge?? scommessa quasi folle ma decisamente stravinta...un grandissimo manager..non a cso qui in Usa ci sono fior di aziende, nbanche incluse, che lo vorrebbero ingaggiare...

SanSilvioDaArcore

Sab, 07/03/2015 - 06:21

Gliene davano 30 e non serviva far fare la cassa integrazione ai dipendenti con 1000€ al mese... sono cifre che, a parer mio, stonano con una ditta che da 40 anni richiede cassa ogni anno pagata da noi. Già produce macchine di scarsa qualità, aggiungendo questi comportamenti non capisco perchè vendono tanto, andrebbero boicottati

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 07/03/2015 - 08:57

quanti operai avrebbero assunto con quei soldi. Ma che se ne fa, non saprà nemmeno dove investirli, ma aiuta piuttosto molte famiglie assumendo! Poi sarà come quell'altro, carico di soldi che si lamentadel le tasse in Italia! E chi dovrebbero pagarle le tasse, quelli che percepiscono 1000 o 2000 euro di stipendio? Oppure diminuisci prezzi delle auto, che faendo concorrenza vendi di più

Sonia51

Sab, 07/03/2015 - 09:35

Ho tirato un sospiro di sollievo leggendo la notizia e l' importo percepito da Marchionne: finalmente potrà cambiarsi quell' impresentabile maglioncino. E forse gli avanza qualcosa per andare dal barbiere ...

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Sab, 07/03/2015 - 11:04

Certo che se avessero assunto landini la fiat avrebbe triplicato le vendite.O forse avrebbe portato i libri in tribunale.!!!!

krgferr

Sab, 07/03/2015 - 11:07

@SanSilvioDaArcore--Ottima idea : con un po' di sano boicottaggio finalmente Marchionne smetterà di prendere quei trenta milioni che, per la prima volta nella storia della FIAT e degli Agnelli non sono stati pagati ad un suo dirigente od alla famiglia da Pantalone; dopo di che, inoltre, avremo anche la soddisfazione che il Governo, cioè noi, si potrà spendere qualche miliardo per mantenere i landiniani, eroicamente rimasti in difesa dello sacralità dell'impiego, a far finta di fare un lavoro che non c'è più. Geniale! Saluti. Piero

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Sab, 07/03/2015 - 11:08

Senza dubbio è una cifra imponente pagato da FCA, certo, del suo operato ha beneficiato tutta la galassia Fiat, maestranze comprese. Gradirei conoscere i compensi di manager pubblici italiani, che noi paghiamo, il cui operato è esclusivamente quello di pararsi il fondo-schiena.