Nautica, mercato in ripresa e il Salone di Genova anticipa dal 21 al 26 settembre

All'assemblea generale di Ucina Confindustria la presidente Carla Demaria ha tracciato il bilancio di un anno positivo "grazie alla tenacia degli imprenditori". Nel 2106 fatturato globale cresciuto dal 13%. Centralità della manifestazione genovese e partecipazione a quattro grandi fiere all'estero

"La quantità e la qualità dei risultati ottenuti, così come i progetti in cantiere per il 2017, sono la prova che Ucina è fedele alla propria missione di rappresentare, difendere e promuovere tutta la filiera della nautica in Italia e all'estero. Le nostre aziende guardano al futuro e lo hanno dimostrato scegliendo di continuare a investire sul Salone Nautico Internazionale di Genova perché qui la nautica è tornata a crescere grazie alla tenacia degli imprenditori e alla governance dell'associazione confindustriale".
Carla Demaria, presidente di Ucina Confindustria Nautica, ha sintetizzato così l'attività dell'associazione nell'anno della ripresa. Lo ha detto a margine dell'assemblea generale dei soci che si è svolta a Roma nella suggestiva cornice della Pinacoteca del Tesoriere di Palazzo Patrizi. E ha dato un'altra notizia: il prossimo Salone Nautico Internazionale di Genova si svolgerà dal 21 al 26 settembre 2017. Decisione - si legge in una nota - che conferma la soddisfazione degli operatori del settore nei confronti della manifestazione riconosciuta quale asset strategico per presentare al mercato internazionale i propri prodotti e per consolidare e promuovere l’immagine delle proprie aziende.

In apertura del convegno La Nautica riparte. Ripartiamo con la Nautica, è stato confermato il trend di crescita del mercato per l’anno nautico 2015-2016. Dall'indagine condotta dall’Ufficio Studi Ucina, infatti, emerge un significativo +13% del fatturato globale e un trend stabile per la chiusura del 2016. Complessivamente, il 73% degli addetti ai lavori stima una crescita per il 2017 fino al 20% (il 43% degli intervistati indica un incremento fino al 10%, il 22% fino al 20% e il 5% oltre il 20%).

Al convegno hanno partecipato in rappresentanza delle istituzioni: Fabrizia Lapecorella ( direttore generale Dipartimento Finanze del Ministero delle Finanze), Renato Loiero (capo del Servizio del Senato), l'onorevole Ignazio Abrignani (presidente Osservatorio parlamentare sul Turismo) e il senatore Raffaele Ranucci (relatore provvedimenti sulla nautica).
L’assemblea è stata l’occasione per sottolineare i numerosi provvedimenti 2016 per il settore, che hanno riguardato il recepimento Direttiva Ue sulle unità da diporto, il decreto sulla semplificazione dei dragaggi nei porti turistici, l’avviamento di 12 tavoli tecnici per la stesura dei decreti attuativi della riforma del Codice della Nautica, la semplificazione delle procedure doganali, il decreto di riconferma dell’Iva al 10% per gli ormeggi inferiori all'annualità dopo la sentenza della Corte Costituzionale, la conferma della direttiva Bollino Blu volta a evitare doppi e tripli sulle unità da diporto da diversi corpi di polizia.

Negli ultimi cinque anni, la costante azione di Ucina Confindustria Nautica ha ottenuto 30 interventi legislativi parlamentari, 3 leggi regionali, 19 circolari del ministero dei Trasporti e delle Agenzie statali, la modifica del redditometro. Ora l’obiettivo è il completamento della riforma del Codice della Nautica e la risoluzione del contenzioso sull'aumento indiscriminato dei costi delle concessioni demaniali che mette a rischio fallimento i porti turistici italiani.

L’assemblea dell'associazione presieduta da Carla Demaria, ha poi approvato il piano di presenze internazionali ai principali saloni esteri con la formula di presenza istituzionale e collettiva di aziende. Nel 2017, Ucina sarà presente a Boot di Düsseldorf (21-29 gennaio 2017), al China International Boat Show (Shanghai, 26-29 aprile 2017), al Fort Lauderdale Boat Show (novembre 2017) e al Mets Trade di Amsterdam (14-16 novembre 2017).

Novità assoluta di quest’anno, infine, l’indagine di Customer Insight realizzata sugli espositori del Salone Nautico di Genova da Grs Research&Strategy, società del network di ricerca mondiale Explori con un portafoglio di oltre 1.200 fiere a livello globale, e oltre 100 esposizioni in Italia.
"Proprio questa indagine - ha detto Alessandro Campagna, direttore commerciale del Nautico di Genova - ha rivelato che il 77 % dei nostri espositori è stato soddisfatto dell’anticipazione della data e conferma un interesse concreto a partecipare all’edizione 2017. Grazie anche alla collocazione anticipata, siamo l’unico Salone nautico del Mediterraneo che consente a tutte le barche in acqua di uscire in mare: nel 2016, sono state oltre 2.400 le prove in acqua con un importante incremento rispetto all'anno precedente".