Il nuovo Dreamliner di Neos vola da Malpensa alle mete del sole d'inverno

Atterrato il primo Boeing 787 della compagnia aerea del Gruppo Alpitour: entro il 2018 altri due velivoli nella flotta. Prima destinazione, il 21 dicembre, Guadalupa. È il primo velivolo super teconologico di questo genere a entrare in linea con un vettore italiano. Made in Italy il 14% dei componenti, realizzati nello stabilimento di Leonardo a Grottaglie

Decollerà il 21 dicembre con rotta verso le Antille Francesi, al sole d’inverno della Guadalupa il primo Boeing 787 Dreamliner di Neos, unica compagnia aerea italiana ad avere nella sua flotta questo gioiello dell’aviazione civile presentato nell’aeroporto intercontinentale di Milano Malpensa dove il vettore ha la sua base.

È arrivato in pista come un “dono” a ridosso di Natale, il nuovo 787 della compagnia del Gruppo Alpitour ed è il primo che entra a far parte della flotta perché tre anni fa partì l’ordine per tre aeromobili destinati a volare sulle rotte intercontinentali. Ed è un velivolo che ha un “cuore” italiano anche per un altro motivo: due parti della fusoliera sono il frutto dell’eccellenza industriale dello stabilimento Leonardo di Grottaglie. Da qui la decisione di battezzare Spirit of Italy questo aeroplano super tecnologico.

“Oggi scriviamo una delle pagine più belle della storia della compagnia aerea - ha detto con una punta di orgoglio Carlo Stradiotti,amministratore delegato di Neos e direttore generale del Gruppo Alpitour -. La nostra compagnia è cresciuta anno dopo anno e l’investimento che abbiamo realizzato per i treBoeing 787 Dreamliner è stato possibile grazie alla forza e alla solidità di un’azienda sana e profittevole come Alpitour, il primo gruppo turistico italiano. Un gruppo che ha saputo adattare profondamente la sua offerta ad un mercato molto diverso da quello che era solo cinque anni fa e che è stato capace di attrarre i capitali necessari per una crescita sia dimensionale che qualitativa e di cui il delivery di “Spirit of Italy” è un passo molto importante”.
“Con questi nuovi aerei - ha aggiunto - allargheremo il portafoglio delle nostre destinazioni grazie ad un range superiore, ed in questa direzione va, per esempio, la scelta di iniziare i voli verso il Vietnam, offrendo ai nostri clienti la miglior esperienza di volo quanto a intrattenimento e benessere a bordo”.

“Questa consegna rappresenta un traguardo fondamentale per Boeing e per Neos, che diventa la prima compagnia aerea italiana a operare il Dreamliner - ha sottolineato Antonio De Palmas, presidente di Boeing Italia e managing director per il Sud Europa -. Neos, grazie all’ingresso del 787 nella sua flotta può offrire ai suoi passeggeri un’esperienza di viaggio eccezionale e ci auguriamo che prosegua ancora meglio, con la consegna nel 2018 degli altri esemplari ordinati. L’ingresso del nostro 787 nella flotta Neos, con la sua tecnologia all’avanguardia, ha un valore aggiunto importante: la nostra forte partnership con Leonardo, sempre più stabile e positiva. Boeing lavora con Leonardo a un programma che rappresenta il presente e il futuro del mercato degli aerei passeggeri, realizzando un velivolo dall’anima italiana il cui 14% della struttura è realizzato negli stabilimenti di Grottaglie”.

“Dopo un anno da incorniciare, con una straordinaria crescita del traffico, chiudiamo questo periodo con grande soddisfazione per l’arrivo a Malpensa del B-787 Neos che porta nuove prospettive di crescita e di arricchimento del già ampio portafoglio di rotte - spiega Andrea Tucci, direttore aviation business development di Sea -. È un investimento di questo livello, fatto da un vettore italiano all’aeroporto di Milano Malpensa che significa molto per noi. Abbiamo lavorato intensamente per migliorare lo scalo in termini di qualità dell’infrastruttura e l’arrivo di questo nuovo aeromobile è un importante riconoscimento che ci sprona a continuare a erogare al meglio servizi per tutti i vettori che hanno scelto Milano Malpensa. Se da una parte ci sentiamo premiati dalla scelta di Neos e Alpitour di investire su Malpensa, dall’altra siamo sempre più stimolati a offrire un servizio di alta qualità ai passeggeri che voleranno a bordo di questi gioielli della tecnica”.

Boeing ha progettato la famiglia 787 con un efficienza superiore, consentendo alle compagnie di aprire produttivamente nuove destinazioni dirette: dall’entrata in servizio nel 2011, i 787 volano su oltre 500 rotte e il velivolo ha reso possibile l’apertura di oltre 150 nuove no-stop in tutto il mondo. Il 787-9, versione allungata del 787-8, trasporta nella configurazione Neos 359 passeggeri fino a 14.140 km con un carico maggiore. Con il 20-25% di minore consumo di carburante e il 20-25% di minori emissioni rispetto agli aerei che sostituisce. Il 787 inoltre vola ad una velocità simile agli aerei più veloci attualmente, 0,85 Mach. Le compagnie aeree ottengono anche una maggiore revenue capacity nel cargo – dal 20 al 45% di vantaggio rispetto agli aerei sostituiti.
I passeggeri trovano notevoli migliorie a bordo come i finestrini più grandi su ogni aereo; aria più pulita, maggiore umidità e una maggiore pressione della cabina per un miglior comfort; cappelliere più grandi con spazio sufficiente per il bagaglio di ogni passeggero; illuminazione a led rilassante e una tecnologia che percepisce e contrasta le turbolenze per un viaggio più tranquillo.

Leonardo produce lo stabilizzatore orizzontale, la sezione centrale e la centro-posteriore della fusoliera (il 14% dell’intera struttura) attraverso la Divisione Aerostrutture che realizza le componenti del velivolo con impianti, macchinari e processi produttivi di nuova concezione. Per il piano di coda, che viene prodotto in materiali compositi in un pezzo unico, viene adottato una specifica soluzione industriale e avanzate tecnologie di cui Leonardo detiene il brevetto. Lo stabilimento Leonardo di Monteiasi-Grottaglie (Taranto) è dedicato interamente al programma Boeing 787 Dreamliner e impiega circa 1.000 addetti.

Commenti

cgf

Mar, 19/12/2017 - 12:35

la foto non è l'interno del 787 ma di aereo della concorrenza, A320/1