Il piano di Renzi per abolire l'addizionale Irpef regionale

Ai governatori una parte degli incassi Iva: ecco come potrebbe cambiare il sistema fiscale degli enti locali

Via le addizionali Irpef regionali. È il piano del governo per razionalizzare un sistema composto da 21 regimi e aliquote differenti.

L'ipotesi, allo studio di Palazzo Chigi e rivelato da il Messaggero, sarebbe contenuto in un documento messo a punto dal deputato Pd Marco Causi, capogruppo in Commissione bilancio alla Camera e prevede di versare nelle casse delle Regioni (dove ora arrivano circa 11 milardi di euro dalle addizionali) una parte degli incassi derivanti dall'Iva, o con una quota fissa (il surplus finirebbe allo Stato) o con un sistema proporzionale.

Il piano ricalca in parte quello proposto ai Comuni qualche mese fa, quando Renzi ha proposto ai sindaci di rinunciare alle addizionali in cambio di nuove entrate con local tax e tasse sulla casa. Un ipotesi giudicata poco conveniente dagli enti locali visto che l'Irpef tende a crescere di anno in anno, mentre gli immobili garantiscono di fatto un'entrata più o meno fissa.