Renzi festeggia il tax day: con uno schiocco di dita porterà a casa 44 miliardi

Il 16 dicembre è una scadenza fiscale che fa tremare i polsi. Una pioggia di scadenze che potrebbe mettere in seria difficoltà famiglie e pmi

Un giorno orribile, il 16 dicembre, segnato con un cerchio rosso sul calendario di tutti gli italiani. È il tax day. Entro martedì prossimo i contribuenti del Belpaese sono chiamati dallo Stato a versare al Fisco ben 44 miliardi di euro. Il premier Matteo Renzi e il sodale all'Economia Pier Carlo Padoan si fregano le mani e si preparano a incamerare il bottino. Ma che fine faranno tutti quei soldi? Saranno divorati dalla pachidermica macchina statale. Uno schiocco di dita e già non ci saranno più. Volatilizzati nel nulla. Non andranno a coprire alcun investimento.

Il tax day di fine anno si avvicina. È dietro l'angolo. L'ufficio studi della Cgia di Mestre ha stimato intorno ai 44 miliardi il gettito che ciascuna scadenza assicurerà al fisco o ai Comuni italiani. Euro più, euro meno. Il versamento dell’Iva garantirà l’importo più cospicuo: all'incirca 16 miliardi di euro. Dalle ritenute Irpef dei lavoratori dipendenti, invece, le casse dell'Erario incasseranno altri 12 miliardi, mentre l’ultima rata dell’Imu, che in grandissima parte affluirà nei forzieri dei primi cittadini, costerà agli italiani ben 10,6 miliardi di euro. La Tasi, che in questa speciale graduatoria è presente per la prima volta solo da quest'anno, consentirà ai Comuni di incassare 2,3 miliardi. Dalla Tari, vale a dire il nuovo tributo sull’asporto rifiuti, l'ultima rata per il 2014 assicurerà un gettito di quasi 1,9 miliardi, mentre dal versamento dell'Irpef dei lavoratori autonomi arriverà un altro miliardo di euro. Infine, dall’imposta sostitutiva sulla rivalutazione del Tfr e dalle ritenute sui bonifici per le detrazioni Irpef, lo Stato porterà a casa rispettivamente 231 e 72 milioni di euro.

"Il 16 dicembre - denuncia il segretario della Cgia Giuseppe Bortolussi - è tradizionalmente una scadenza fiscale da far tremare i polsi: una pioggia di scadenze che potrebbe mettere in seria difficoltà molte famiglie e altrettante piccole imprese a causa della cronica mancanza di liquidità". Con il perdurare della crisi economica questo impegno rischia di diventare per molti imprenditori un vero e proprio stress test. Gli artigiani di Mestre ricordano, infatti, che nel 2014 la pressione fiscale in Italia è lievitata al 43,3%. Un livello tra i più elevati in tutta Europa. "Ma la pressione fiscale reale - conclude Bortolussi - vale a dire quella che grava sui contribuenti onesti, che si misura togliendo dal Pil nominale il ’pesò dell’economia non osservata, si colloca appena sotto il 50% attestandosi, secondo una nostra stima, al 49,5%: oltre 6 punti percentuali in più del dato ufficiale". Il pil nazionale include, infatti, anche la cifra imputabile all’economia sommersa prodotta dalle attività irregolari che, non essendo conosciute al Fisco, non pagano né tasse né contributi. Secondo le ultime stime dell'Istat l’economia non osservata, che ora include anche il valore aggiunto "prodotto" dal contrabbando di sigarette, dalla prostituzione e dal traffico di stupefacenti, si aggira attorno ai 200 miliardi di euro all'anno.

Commenti

marcomasiero

Sab, 13/12/2014 - 09:41

RENZI !!! ascolta bene !!! NON C'E' 'NA LIRA !!! dunque TU la EU la stabilità e tutto il cesso di istituzioni annesse e connesse FOTTETEVI !!!

Ritratto di MAFIAcapitale..

MAFIAcapitale..

Sab, 13/12/2014 - 09:59

i parassiti ed i mafiosi festeggiano

vaigfrido

Sab, 13/12/2014 - 10:05

Bisogna affamare la bestia per ottenere qualcosa . Più ne prendono , più ne divorano.

Ritratto di semovente

semovente

Sab, 13/12/2014 - 10:08

Che vi vadano di traverso.

canaletto

Sab, 13/12/2014 - 10:15

MA CON CHE SOLDI PAGHIAMO LE GABELLE SE CI AVETE PROSCIUGATO???? E' UNA VERA E PROPRIA OPPRESSIONE E OSSESSIONE FISCALE QUESTA. BASTA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Zizzigo

Sab, 13/12/2014 - 10:57

Tra novembre e dicembre se ne va più del 30% del reddito di chi paga le tasse. E l'altro 30% se ne è già andato entro giugno. Non ci sono più denari per sopravvivere... BASTA! CACCIAMO IL BLABLATORE!

Ritratto di giordano

giordano

Sab, 13/12/2014 - 10:59

anch'io festeggio, brindo al cancro ai coglioni e o alle ovaie che vi auguro

Ritratto di giordano

giordano

Sab, 13/12/2014 - 11:05

un paese dove si deve andare in banca a chiedere un prestito per pagare le tasse e' un assurdo.

Ritratto di Amsul Parazveri

Amsul Parazveri

Sab, 13/12/2014 - 11:11

Ci vuole un NO FISCALE!

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 13/12/2014 - 11:41

Ragazzi ma facciamo un analisi seria, questo ciarlatano sparaballe stato riconfermato in due elezioni consecutive con il 40% dei votanti, ha ricevuto un mandato per poterci massacrare e derubare. Il dramma è' questo, questi psicosinistronzi ideologizzati votano anche Pacciani se lo mettono in lista, anche se poi gli ammazza la figlia.

vince50_19

Sab, 13/12/2014 - 12:09

La Troika schiocca le dita e ... E poi ha pure il coraggio di dire che proprio la Troika potrebbe e venire in casa nostra dopo di lui. Non sarà che crede di essere Mosè? .. ahahahahaha..

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Sab, 13/12/2014 - 12:20

MA Renzi non è (era) il nuovo che "avanza" ? Beh,forse se avanza è arrivato anche per lui il momento del cassonetto dei rifiuti.

magnum357

Sab, 13/12/2014 - 13:09

Se lui schiocca le dita, beh un calcio nel sedere è più che doveroso !!! E' stato un disastro in tutti i settori, non ne ha azzeccata una !!!!

Ritratto di giordano

giordano

Sab, 13/12/2014 - 14:28

c'e' chi schiocca le dita, a pittibimbo e' schioccato il cervello e noi siamo nella mxxxa. Basta schioccare per favore.

daniperri

Sab, 13/12/2014 - 15:55

Tutta la tredicesima se ne va in tasse. Sai che spese folli per Natale. Sono anni che non mi compro più nulla di abbigliamento. Almeno vedessimo dei risultati. Invece quello che vediamo sono solo scandali.

griso59

Sab, 13/12/2014 - 18:02

Tra imu tasse universitarie rifiuti bollo titoli ho già speso il doppio della tredicesima che deve arrivare. E poi vogliono i consumi questi sono pazzi da legare. Ci vuole la rivoluzione

ammazzalupi

Sab, 13/12/2014 - 18:03

La necessità di pagare le tasse finirà nel momento in cui tutti i komunisti saranno stati messi sul fuoco. Bastardi!!!

Zizzigo

Sab, 13/12/2014 - 18:04

Sig. Bortolussi, occorre sapere fare bene di conto! La pressione fiscale vale, per molti, oltre il 60%... non si tratta più di fisco, ma di rapina! Ed anche con redditi decenti non resta di che sopravvivere, senza mangiarsi i risparmi. Così non si investe, ma si va in malora!

dascaniogiuseppe

Sab, 13/12/2014 - 18:06

Qualcuno può dirmi in forma comparativa se ci fosse Berlusconi cosa avremmo pagato?. Grazie.

dascaniogiuseppe

Sab, 13/12/2014 - 18:28

ammazzalupi sappi che Berlusconi non è della sua idea. tutti i komunisti saranno stati messi sul fuoco.

eolo121

Sab, 13/12/2014 - 20:09

bastaaaaaaaaa alle mafie rosse..

ammazzalupi

Sab, 13/12/2014 - 21:44

Se Berlusconi NON è della mia idea, non è un problema. I komunisti meritano SOLTANTO di essere messi sul fuoco: 1) per aver sempre imbrogliato i più deboli; 2) per aver mistificato la realtà con la menzogna; 3) perché tutto il loro sistema è fondato sull'imbroglio e sulle ruberie! Può bastare?

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Dom, 14/12/2014 - 00:11

Le tasse di questi incoscienti non ritornano in servizi per i cittadini. LE SPRECANO A MANTENERE PARASSITI CLANDESTINI E ROM. QUESTA È L'ENORME IDIOZIA DEL GOVERNO DI RENZI. Un sentito grazie a tutti i trinariciuti ed ai citrulli che li hanno votati.

Ritratto di filatelico

filatelico

Dom, 14/12/2014 - 07:23

Dopo aver derubato gli Italiani con tasse criminali per 3 anni consecutivi la pazienza sta finendo e consiglio i politici di rivedere la fucilazione di ceausescu! Quello li attende se CONTINUERANNO!!!

fraferra

Lun, 15/12/2014 - 14:15

Con le lautissime TREDICESIME che Roma sborsa ai tantissimi ladroni politici e statali inutili, tutti i miliardi che arrivano a Roma saranno tutti prosciugati,,, e Renzi con Padoan dovranno pensare a nuove tasse da applicare,,, oppure nascondere la giusta contabilità,,,,

lucacare

Lun, 15/12/2014 - 14:53

ma se pagassimo tutti con "un po" di ritardo cosa succederebbe??? Ho solo 23 anni e da 3 anni la maggior parte dei miei soldi li dò allo stato e a quell'ente ladro chiamato INPS. Rimandiamo i pagamenti a gennaio-febbraio...Natale dobbiamo farlo anche noi o no? Sono deluso e avvilito di questo paese di MxxxA. Ho un sogno... e non è quello di crearmi un futuro qui ma è quello di lasciare l'italia il prima possibile!