Il salvataggio Alitalia: spunta Easy Jet-Delta

Si apre una nuova strada sul salvataggio Alitalia. Spunta il blocco Delta-Easy Jet sulla strada della nostra ex compagnia di bandiera

Si apre una nuova strada sul salvataggio Alitalia. Spunta il blocco Delta-Easy Jet sulla strada della nostra ex compagnia di bandiera. Secondo quanto riporta Bloomberg, il consiglio di amministrazione di Ferrovie dello Stato sta lavorando da qualche giorno ad un dossier per decidere se il percorso di salvataggio possa essere aperto anche a nuovi partner industriali. Nella giornata di domani, il ministro del Lavoro, Luigi Di Maio incontrerà i sindacati. A quanto pare il blocco Easy Jet-Dekta Air Lines, sarebbe già in una trattativa avanzata. Infine come riporta l'Ankronos, la compagnia low cost britannica aveva presentato, il 31 ottobre scorso, la propria manifestazione di interesse per "una Alitalia ristrutturata".

Un interesse, sottolineava la compagnia, coerente con la sua strategia per l'Italia. E sul caso Alitalia è intervenuto anche il segretario della Cgil, Maurizio Landini: "Su Alitalia bisogna assolutamente fare presto, è passato troppo tempo e non si può più aspettare. Bisogna prendere una decisione che sia in grado di salvaguardare l’occupazione e di dare un futuro concreto. Ci auguriamo che domani ci sia una risposta precisa sul tipo di accordo che si intende fare su quali sono i partner e quale sia il progetto che si vuole realizzare". Infine, in serata, il governo ha dato l'ok all'ingresso del Ministero dell'Economia per una nuova compagnia: "Si è appena concluso un vertice a Palazzo Chigi alla presenza del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, del vicepresidente Luigi Di Maio e del ministro dell’Economia, Giovanni Tria, all’esito del quale si è convenuta la disponibilità del governo di partecipare alla costituzione della Nuova Alitalia, tramite il Mef, a condizione della sostenibilità del piano industriale e in conformità con la normativa europea".

Commenti
Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Mer, 13/02/2019 - 18:49

Avvertire Landini che in Alitalia c'é il doppio del personale necessario. Che i nuovi proprietari dovranno disfarsi di metá di quella zavorra che tra l'altro é maleducata, arrogante e parla solo romanesco (mi sono chiesto sempre perché), che dovrá essere rieducata a lavorare sul serio. Che fará il Landini di fronte a questa situazione? Proporrá una nuova serie di scioperi? Altri disagi per gli utenti? Tanto non sanno far altro. Dipendesse da me chiuderei i battenti per sempre, venderei gli eromobili e strutture al miglior offerente e la zavorra a casa, fur di ball. Se poi il Landini lo desidera mandi la zavorra da quel somaro Maduro che lui piace tanto. Mein Gott, e mai possibile che da quelle parti sino tutti cosí? Fine della storia.

scorpione2

Mer, 13/02/2019 - 19:38

alitalia un pozzo senza fondo, quanti salvataggi ha avuto, fatela fallire e' un vantaggio per il paese.

scorpione2

Mer, 13/02/2019 - 19:42

noi cittadini onesti stiamo pagando il famoso salvataggio alitalia dell'era berlusconi.

sfn65

Mer, 13/02/2019 - 22:16

Tutto è meglio di Lufthansa!!! Ci lavoro o vi assicuro che sono degli squali,nessun rispetto per il dipendente come essere umano, si sono impossessati a due lire di Swissair, Austrian e purtroppo pure di Air Dolomit!Rispecchiano la politica” padrona” e prepotente della Germania, sotto finte spoglie fanno credere di aiutare e poi ti schiavizzano... tipo con la Grecia... Fraport ( compagnia tedesca di servizi aereoportuali) si sono rubati a due lire, mentre si vendevano come i salvatori della Grecia, tutti gli scali greci!!! I tedeschi sono quelli di sempre!!L’ Italia aveva fatto bene nella prima guerra mondiale!!!

leopard73

Gio, 14/02/2019 - 08:49

Fate fallire questo marciume tenuto in vita solo per rubare miliardi BASTA!!!!!

audionova

Gio, 14/02/2019 - 09:08

perche' il solo evadere l'iva o non farsi fare la fattura o non chiedere lo scontrino e' rubare allo stato e lo stato siamo noi.