Serve un vaccino contro la paura

«Da quando ho vinto il Premio Nobel per l'economia, nel 2002, il mondo è profondamente cambiato. Eppure neanche la crisi profonda che abbiamo vissuto dal 2008, ha aperto gli occhi agli investitori che continuano a comportarsi commettendo gli errori macroscopici di sempre». Daniel Kahneman è uno psicologo israeliano. Nel 2002 ha vinto il Nobel per l'economia. Questa la motivazione: «Per avere integrato risultati della ricerca psicologica nella scienza economica, specialmente in merito al giudizio umano e alla teoria delle decisioni in condizioni d'incertezza». Di fatto la sua ricerca ha fondato una nuova scienza: la Finanza Comportamentale. Gli ultimi anni ci hanno insegnato come la paura, i comportamenti scorretti, rischiano di influire sui risultati degli investimenti più della qualità dei prodotti scelti. Ospite a Milano della convention di Banca Mediolanum, Kahneman ha puntualizzato, come oggi sia indispensabile il ruolo della consulenza. «Più che tecnici del risparmio - spiega - gli advisor dovrebbero essere psicologi, in grado di comprendere il tipo di cliente che hanno di fronte e strutturare piani finanziari adeguati ai profili psicologici di ciascuno di loro. Un buon portafoglio dovrà essere a prova di rimpianti». Non basta, sarà fondamentale la comunicazione preventiva. «Bisognerà conoscere in anticipo a quali oscillazioni si potrebbe andare incontro. La preparazione alla volatilità agisce come un vaccino e le persone vaccinate non si ammalano, non cedono al rimpianto e alla voglia di cambiare le scelte d'investimento rischiando di comprare a prezzi troppo alti e di vendere quando i mercati scendono. Ma il vaccino non deve prevedere un eccesso d'informazione. Un portafoglio azionario sarebbe giusto controllarlo una volta l'anno, non ogni tre mesi. La storia ci insegna che i risparmiatori che hanno dimenticato i loro investimenti, sono quelli che hanno ottenuto i risultati migliori». Di questo si parlerà nel corso della trasmissione Mercati che Fare in onda domenica alle 14.30 su TgCom24.

leopoldo.gasbarro@me.com