Shutdown, Obama sferza i repubblicani: "Basta con questa farsa, votate il bilancio"

Prosegue il braccio di ferro tra Casa Bianca e l'ala destra dei repubblicani. Il presidente: "Non pagherò riscatti". COMMENTO: Lo shutdown fa grande l'America

Gli effetti dello shutdown americano (la mancata approvazione del budget federale e, conseguentemente, la "chiusura" dello Stato) si fanno sentire anche in Italia: chiude il cimitero militare di Nettuno. Il sacrario, come tutti gli altri monumenti militari statunitensi, è stato temporaneamente chiuso per la mancanza di fondi. Un avviso sul sito dell’American Battle Monument Commission, l’ente che gestisce i cimiteri militari, spiega che la mancanza di fondi impedisce anche lo svolgimento dei normali servizi di informazione. Al di là di queste note di colore, i servizi essenziali (pensioni, poste, protezione civile, polizia) sono garantiti. E anche l'economia va avanti: il primo giorno di shutdown, ad esempio, Wall Street ha aperto e chiuso in positivo. L'importante è che lo scontro frontale tra democratici e repubblicani (alla base del mancato accordo sul budget) non si protragga troppo a lungo e che gli Stati Uniti non vadano in default, che potrebbe provocare effetti pesantissimi sull'economia, con una recessione addirittura peggiore di quella del 2008, secondo l'allarme lanciato dal segretario al Tesoro Jack Lew. Entro il 17 ottobre il Congresso deve approvare l’aumento del tetto del debito. In realtà il tetto è stato già raggiunto lo scorso maggio: 16.966 miliardi di dollari. Da allora si stanno utilizzando misure straordinarie che verranno esaurite, appunto, il 17 ottobre. Da quel giorno l’amministrazione non avrà più liquidi per fare fronte alle spese, a parte una riserva di circa trenta miliardi di dollari. E la riserva è assai limitata, se consideriamo il fatto che ogni giorno il governo spende circa 10 miliardi per fare fronte a diverse voci di spesa. Il 23 ottobre c'è un'altra scadenza importante per il governo: 12 miliardi di dollari di pagamenti del Social Security, vale a dire la previdenza.

Ma per gli analisti il giorno dell’apocalisse potrebbe arrivare il 1° novembre quando, con l’inizio del nuovo mese, dovrebbe trovare i 67 miliardi di dollari per pensioni, assegni di invalidità, assistenza sanitaria agli anziani, pagamenti ai militari. Senza contare che il 31 ottobre dovrà pagare 6 miliardi di interessi mensili sul suo debito. Lo shutdown che da giorni rallenta l’attività e le spese del governo, potrebbe spingere più in là, ma solo di qualche giorno, la data del giorno dell’apocalisse. Sempre che non si trovi un accordo in extremis.

Obama ai repubblicani: "Fermate questa farsa"

Il presidente mai come in questo frangente è fermo sulle proprie posizioni. Non vuole indietreggiare sulla riforma sanitaria (gli avevano chiesto il rinvio di un anno) e lancia un appello ai parlamentari repubblicani che bloccano l’adozione
del budget alla Camera "affinché mettano fine a questa farsa" che sta paralizzando l’attività dell’amministrazione. Secondo Obama "il default" degli Stati Uniti, che comporterebbe uno "shutdown dell’economia", sarebbe di gran lunga peggiore di uno shutdown del governo. "Andate e votate. Fermate questa farsa. Mettete fine allo shutdown", ha detto il presidente. Il Senato ha già approvato il budget e "ci sono sufficienti parlamentari repubblicani e democratici della Camera dei rappresentanti pronti a fare lo stesso e a mettere fine immediatamente alla paralisi", ha detto Obama. "Ma l’ala destra del partito repubblicano non è disposta a lasciare che il presidente della Camera John Boehner faccia votare questa legge". Obama ha poi fissato un paletto, ribadendo che non pagherà alcun riscatto: "Non pagherò, certamente, alcun riscatto per un aumento del tetto del debito". A Washington la guerra dei falchi va avanti senza esclusione di colpi. Nelle retrovie le colombe si danno da fare per trovare un accordo che salvi capra e cavoli. Prima che sia troppo tardi.

Commenti
Ritratto di Anna 17

Anna 17

Sab, 05/10/2013 - 20:18

Certo che Obama si sta impegnando parecchio per rovinare l'immagine USA ed il Paese USA. Non gli basta la figuraccia con la Siria per l'uso di armi chimiche, Obama, l'unico al mondo che poteva e doveva dare una lezione, se ne è fregato altamente autorizzando qualunque delinquente ad ammazzare gente inerme impunemente. Ora con i democratici ha iniziato una lotta, non per sistemare il paese ma per aumentare il debito pubblico USA. Peggio dei governanti italiani. I ns. fanno finta di non capire, Obama invece addirittura chiede l'autorizzazione allo sfascio. Pazzesco.

paolonardi

Sab, 05/10/2013 - 21:03

Mi sento affine al pensiero repubblicano; se fossi negli USA risponderei all'omuncolo: basta con le tue continue bischerate; vai a nasconderti hai fatto già troppi danni a noi e al mondo, esci di torno, sara' sempre troppo tardi.

Ritratto di Reinhard

Reinhard

Sab, 05/10/2013 - 21:08

Yes we can... Default.

ortensia

Sab, 05/10/2013 - 21:44

L'indisponibilita' di Obama a discutere con l'opposizione sulle spese e sul limite da porre al debito pubblico e' una ostinazione che un leader non dovrebbe avere. La posizione massimalista del partito repubblicano sull'Obamacare puo' dare adito a qualche critica ma e' fatta per fermare una legge sempre piu' impopolare anche tra il ceto medio. Uno shutdown, purche' breve, non e' una tragedia e l'America ne ha gia' superati ben 17 in passato.

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Sab, 05/10/2013 - 23:11

Il pagliaccio Obama che accusa i Repubblicani di smettere la farsa. Ma questo individuo non è abbronzato, ma del tutto fuso!

Ritratto di roberta martini

roberta martini

Dom, 06/10/2013 - 08:42

Come si permette di dire "farsa"? Già ho sempre pensato che fosse una nullità!

viento2

Dom, 06/10/2013 - 10:23

Obama lo specchio che oramai l'America stà decadendo

Raffi70

Dom, 06/10/2013 - 10:52

Ma mi spiegate una cosa? come mai la California stava facendo fallimento Detroit la più grossa città industrializzata porta i libri contabili in tribunale l intera America continua ad alzare il debito pubblico, e solo l Italia perde la tripla A? Ah dimenticavo e colpa di Berlusconi !!!!

censurato

Dom, 06/10/2013 - 11:23

#paolonardi le tue parole di sabato alle 21:03: "basta con le tue continue bischerate; vai a nasconderti hai fatto già troppi danni a noi e al mondo, esci di torno, sara' sempre troppo tardi". Una curiosità: se tu fossi in Italia a chi le rivolgeresti? Primo invio 11:23

Angel7827

Dom, 06/10/2013 - 11:28

Tipico delle destre, arrivare a distruggere un paese per interessi di partito, come chi entra in politica per favorire le proprie aziende e piegare il parlamento per fare leggi personali.

franco@Trier -DE

Dom, 06/10/2013 - 11:29

OBAMA VOGLIAMO VEDERE LA BELLA MICHELLE , NON TENERLA NASCOSTA ..

Silviovimangiatutti

Dom, 06/10/2013 - 11:51

Quando sta succedendo negli USA mi ha dato un'idea: dimezziamo gli stipendi di TUTTI i dipendenti statali italiani (Napolitano e pensionati compresi) e poi vediamo come va a finire ....

Ritratto di Roberto53

Roberto53

Dom, 06/10/2013 - 11:57

Questo signore purtroppo non sta sfasciando solo gli Stati Uniti. Sinistrati era il vostro idolo e mi sa che finirà come Zapatero.

Ritratto di Il Sarchiapone

Il Sarchiapone

Dom, 06/10/2013 - 12:05

Ogni Paese ha la sua Ala Estremista del Partito della Destra, in grado di bloccare la vita democratica del Paese. Obamacare, l'oggetto del contendere, e' una LEGGE FEDERALE, approvata e promulgata, ma l'ala estremista dei Repubblicani (Tea Party) vuole ora impedire che venga attuata. E qui come si chiama l'Ala Estremista Santache'/Verdini/Capezzone...??? "Fiele Party"?

Silviovimangiatutti

Dom, 06/10/2013 - 12:05

@Raffi 70. Perché negli USA la crescita c'è (il 2% del PIL) e da noi per ora no. E comunque gli speculatori negli USA e in UK utilizzano le agenzie di rating e la stampa internazionale per arricchirsi alle spalle degli Italiani. Che hanno la colpa (attraverso chi li rappresenta in parlamento) di non aver saputo cancellare certi privilegi, né di essere stati capaci di toglierli (per paura dei conflitti sociali e la perdita di voti), oltre al fatto di non aver saputo prendere di petto la situazione della giustizia che scoraggia gli investitori stranieri dal venire in Italia, e che è capace solo di combattere una parte politica a lei ostile.

gedeone@libero.it

Dom, 06/10/2013 - 13:41

Raffi 70, perché le agenzie di rating sono americane...

Raffi70

Dom, 06/10/2013 - 14:26

@silviovimangiatutti grazie per la spiegazione in parte l avevo capito da solo il problema e che in Italia qualunque cosa facesse Berlusconi a prescindere era ed è sbagliato il che mi fa dubitare sulla buona fede della sx un esempio banale Berlusconi con la legge mammi se non sbaglio salva una sua proprietà rete4 e secondo me un idiota si ferma li ma non vede che così facendo ha anche salvato 4000 posti di lavoro ma allora i della valle che con i soldi pubblici vanno in Cina a fare scarpe? O la Fiat che va all estero non solo a lavorare ma a salvare ditte americane? O calzedonia che va in Serbia tutto questo con soldi pubblici naturalmente questo va bene ma Berlusconi che nonostante tutto continua ancora a rimanere in Italia NO

Raffi70

Dom, 06/10/2013 - 15:17

gedeone@libero.it, si questo lo sapevo la mia e solo ironia nei confronti di persone che continuano a buttare merda sulla mia italia(io vivo in svizzera) e sapevo anche che in america o in qualunque altro stato prima viene la nazione e poi il resto non come in italia prima la poltrona. ad esempio in svizzera nonostante ci sia merda non la si dice sviano il problema sempre sull'italia per far vedere e sentire che almeno qui si sta bene vedete in italia che succede? un'altra domanda ironica perché al G8 di napoli il PM fece arrivare l'avviso di garanzia a Berlusconi il giorno stesso della riunione? e a Conte ( scommesopoli) il PM a ritenuto opportuno aspettare 1 mese prima di far arrivare l'avviso di garanzia a conte per non disturbare perché si stava giocando lo scudetto?(col milan) Invece a berlusconi primo ministro della repubblica italiana (cioe rappresentante di tutti noi) si e potuto disturbare il giorno stesso della riunione tanto si sputtanava solo l'italia non si poteva aspettare un giorno e no era troppo importante sputtanare noi cittadini?

Silviovimangiatutti

Dom, 06/10/2013 - 19:24

Anna 17 - Obama non ha rovinato l'immagine di nessuno. Alla fine quello che ha fatto è servito a fare in modo che i Siriani iniziassero a dismettere le loro armi chimiche. Un mancato intervento armato è stato solo un segno di saggezza. Soldati americani non avrebbero comunque messo mai piede sul suolo siriano. Inoltre ha rafforzato la collaborazione con Putin, aprendo la possibilità di estendere questa collaborazione anche contro il terrorismo. Il debito pubblico non è un problema nella misura in cui il tuo PIL ti consente di rientrare del debito. La loro economia - del resto - è molto più vivace e reattiva della nostra, nonostante l'enorme dispendio di risorse dedicate alla difesa. Se l'aumento del debito è motivato soprattutto dalla possibilità di estendere l'assicurazione sanitaria a più persone di quante non ce l'abbiano attualmente (l'aspettativa di vita media è più breve che in Italia), tutto rientra nell'ambito di ciò che è dettato dal buon senso. Magari i ns. governanti avessero mediamente l'amor patrio ed il coraggio di cui godono quelli americani: avremmo governi molto più duraturi, che metterebbero la solidità dello stato prima dei privilegi dei dipendenti pubblici. Senza paura dei così-detti "conflitti sociali" e "rapporti clientelari" con chi li vota.

Silviovimangiatutti

Dom, 06/10/2013 - 19:33

@Raffi 70 - Che la maggioranza della stampa e una parte importante della magistratura lottino in modo sleale e accecato dall'odio contro Berlusconi, per schierarsi a favore di certi poteri forti (PD & sindacati), spinti per giunta spesso da motivazioni di tipo ideologico, è cosa stranota da vent'anni. Non sorprendiamoci quindi. Stracciarsi le vesti, purtroppo, non serve a nulla. Capisco comunque il Tuo disappunto. Un caro saluto.