Sky vuole anche i cellulari inglesi e Vodafone pensa a una tv in fibra

Lo sviluppo della banda ultralarga porterà anche a nuovi servizi video

Maddalena Camera

L'intreccio tra tlc e contenuti è sempre più stretto. Lo sanno bene Vivendi e Mediaset che, tramite l'intesa sulla pay tv Premium e sulla creazione di contenuti, puntano, magari anche con l'aiuto di Telecom, di cui Vivendi è il maggior azionista con il 24,9%, alla creazione di un accordo capace di creare valore. Va da sè che i concorrenti non stanno certo a guardare.

In Gran Bretagna la pay tv Sky già offre connessioni a banda ultralarga, avendo acquisito la rete in fibra di O2, e conta di diventare presto un cosiddetto «quadruple play». Quindi non solo tv, chiamate da linea fissa e connessione a Internet ma anche telefonia mobile, diventando un operatore virtuale. Per far questo ha già stretto un accordo di massima sempre con O2, l'operatore mobile inglese che fa capo a Telefonica e che, via libera delle Authorities permettendo, dovrebbe presto passare sotto l'ombrello di H3g. Sky è dunque pronta a rispondere all'offensiva di British Telecom, che ha acquisito non solo l'operatore mobile EE ma anche i diritti di Champions e di Premium League di calcio, da trasmettere sulla sua rete a banda ultralarga. Sul fronte della complementarietà tra tlc e video il parere degli esperti del settore è pressochè unanime. Il video, infatti, deve diventare, per le telco, un servizio base da fornire come la voce. Gli operatori di tlc sono dunque ben posizionati per costruire un'offerta efficace, sfruttando le infrastrutture proprietarie e grazie anche al rapporto di fiducia instaurato con i clienti. Lo pensa anche Vodafone che anche in Italia pensa di lanciare servizi tv. La mossa favorisce indubbiamente l'acquisizione di nuovi clienti per i servizi a banda ultralarga fissa che saranno potenziati dopo l'accordo con Enel per la realizzazione della rete. A oggi una pagina del sito di Vodafone Italia promette cambiamenti nel modo di guardare la tv. Il servizio sarà erogato con un set top box dedicato ma la data di lancio non è stata ancora definita.