Sole, i vertici verso l'azione contro gli ex manager

Il presidente Fossa: «Stiamo valutando, non aspetteremo i tempi lunghi della magistratura»

Camilla Conti

Via libera dei soci all'aumento di capitale del Sole 24 Ore da 50 milioni. Di questi, 20 milioni saranno coperti da un accordo di pre-garanzia con Banca Imi per la formazione di un consorzio sull'eventuale inoptato mentre 30 verranno messi sul piatto da Confindustria che presto vedrà quindi diluita la sua quota di controllo dal 67,5% fino al 51-55%. L'operazione va chiusa entro ottobre «in modo da avere i soldi in tasca il 15 novembre quando scadono gli accordi di standstill con le banche», ha sottolineato l'ad Franco Moscetti.

«L'esborso è adeguato», ha detto ieri il presidente Giorgio Fossa, ricordando che tra aumento di capitale e vendita del 49% dell'area Formazione ed Eventi «oggi siamo vicini a una disponibilità di 90 milioni» che dovrebbe permettere «di fare investimenti». Fossa ha poi sottolineato che il fabbisogno di patrimonio è stato indicato in 70 milioni: 50 verranno appunto dall'aumento e il resto dalla cessione della Formazione per cui si è già fatta avanti Palamon Capital. «L'offerta che stiamo trattando è di 80 milioni sull'intero valore - ha spiegato il presidente - quindi se cediamo il 49% non saranno 20 milioni i soldi che entreranno ma saranno più vicini ai 40. Ritenevamo e riteniamo che 70 milioni siano sufficienti, ma è chiaro che un polmone più grande ci dà maggiore tranquillità».

Di ben altro avviso il cdr delle testate del gruppo che in assemblea ha definito la ricapitalizzazione «modesta nel volume e sconcertante nei tempi» insistendo poi sull'azione di responsabilità nei confronti degli ex amministratori (in particolare il presidente Benito Benedini e l'ad Donatella Treu) e su una azione risarcitoria per l'ex direttore del quotidiano Roberto Napoletano. Proprio su questo punto si è registrata un'apertura da parte di Fossa. «Non aspetteremo i tempi della magistratura che sono lunghi. È stato dato mandato all'ad di fare un audit che è in corso, appena si chiuderà, procederemo». Quanto a Napoletano, «la società valuterà la sussistenza di responsabilità e le conseguenti azioni risarcitorie». Ieri i dipendenti-soci hanno anche votato contro la nomina dei candidati al collegio sindacale. Nel mirino è finita Francesca di Donato, docente universitario nel cui curriculum tra i principali incarichi ricoperti spuntano anche quelli di sindaco di Sfc e Aedificatio. Ovvero due controllate di Confindustria.