Spread, Savona accusa: "Ci sono incongruenze. La Bce deve intervenire"

Savona a Draghi: "Ognuno si assuma le proprie responsabilità". E sulla manovra economica: "Non cambierà per colpa dello spread"

"Il governo non cambierà la manovra ma la rinvierà tale e quale a Bruxelles". A metterlo in chiaro una volta per tutte è il ministro per gli Affari europei, Paolo Savona, intervistato dal direttore Sarah Varetto su Sky Tg24. "La manovra non sarà corretta, su questo non c'è alcun dubbio", ha spiegato ricordando che, se lo spread tra Btp e Bund tedeschi dovesse sfuggire dalle mani del governo, così come è stato deciso in Consiglio dei ministri, noi verrà riesaminata la manovra economica, ma il contesto nel quale si pongono.

Replicando al presidente della Bce Mario Draghi, secondo cui l'istituto di Francoforte non può pagare i deficit degli Stati membri dell'Eurozona, Savona ha tagliato corto: "Ognuno si assuma le proprie responsabilità" (guarda il video). Secondo il ministro per gli Affari europei, infatti, "calmierare lo spread e tenerlo sotto controllo è compito della Banca centrale europea". Per questo bisognerebbe "dare più poteri" all'istituto di Francoforte e "affrontare le incongruenze". "Alla Bce - ha dichiarato il ministro a Sky Tg24 - dovrebbe spettare il compito di indicare soluzioni per evitare la crisi sistema bancario ed eventualmente intervenire. Se lo spread si innalza e nessuno interviene per calmierarlo - ha, poi, fatto notare - ed è un tipico compito delle banche centrali europee, inevitabilmente la caduta del valore dei titoli mette in difficoltà le banche. Avendo fatto l'unione bancaria chi è responsabile della stabilità delle banche?".

L'imput che Savona lancia sia alla Bce sia all'Unione europea è di "risolvere il problema" quanto prima. "Non possiamo avere un'istituzione che avoca a sé i poteri di controllo delle banche, avoca a sé i poteri monetari - incalza - e non svolge quelle funzioni tipiche che una banca centrale compresa la Banca d'Italia, ha sempre svolto in Italia. Quindi - continua - vi sono incongruenze che vanno affrontate". Poi, però, il ministro mette in chiaro: "Se ci sfugge lo spread, noi non riesamineremo la manovra, ma il contesto entro cui ci muoviamo. Se le responsabilità della stabilità del sistema bancario passano nelle mani della Banca centrale europea - conclude - dovrebbe essere la Bce a intervenire per evitare che il sistema bancario entri in crisi".

Commenti
Ritratto di Leonida55

Anonimo (non verificato)

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Gio, 25/10/2018 - 20:04

Savona come sempre è chiaro: se lo spread sale non cambieremo manovra ma usciremo dalla UE. Visto che lo spread salirà (nessuno pensa si fermi a 400 p.b.) se non si cambia la manovra SIAMO FUORI DALLA UE. Savona può dirsi soddisfatto.

Gianni11

Gio, 25/10/2018 - 20:13

Torniamo alla nostra moneta e riprendiamoci la nostra banca centrale. Basta ai ricatti. SOVRANITA'!

cgf

Gio, 25/10/2018 - 20:30

la BCE vuole solo onori senza oneri

Ritratto di pensatoreindipendente

pensatoreindipe...

Gio, 25/10/2018 - 20:31

Ancora Savona(quello che fino a poco fa secondo i giornali avrebbe un fondo speculativo all estero).ma è quello che sta facendo,draghi. DRAGHIIIIII.Compra e ricompra altrimenti lo spread sarebbe a 500 600. Non si può salvare buttandosi con la tuta alare senza paracadute.la manovra é espansiva, troppo per uno stato indebitatissimo. Neppure la Bce può fare i miracoli. Mica sono scemi quelli in europa.sarebbero stati i primi a spingerci a fare debito.spero che ci sia un futuro anche per noi e non solo per quelli che il loro futuro ormai trapassato remoto,lo hanno vissuto serenamente. lo dico senza offendere nessuno, ma non ci potete lasciare debiti che saranno per noi impagabili.oramai l'economia è piatta, non ci saranno più i miracoli economici,le riprese al 10%. Tutto è bloccato e se non si lavora sulla sostenibilità, si va incontro al default.

lavieenrose

Gio, 25/10/2018 - 20:31

per4 favore stia zitto che ogni volta che apre bocca fa danni.

lavieenrose

Gio, 25/10/2018 - 20:31

per4 favore stia zitto che ogni volta che apre bocca fa danni.

brunog

Gio, 25/10/2018 - 20:37

Il professor Savona sta preparando il terreno per mettere la BCE di fronte alle responabilita' e obblighi per proteggere il sistema bancario. Lo spread nei confronti dell'Italia e' uno stratagemma per deviare l'attenzione dalle banche tedesche che hanno seri problemi di debiti e devivati. https://www.bloomberg.com/news/articles/2018-10-25/several-german-regional-banks-are-said-to-weigh-combination-plan

rokko

Gio, 25/10/2018 - 20:47

Per me questo è completamente fuori di testa se pensa che tedeschi, francesi, austriaci e company tireranno fuori soldi per aiutare l'Italia, tra l'altro dopo che i nostri due assi li hanno sfanculati in tutte le salse. Ci diranno di prendere i soldi degli italiani, i risparmi, e salvare le banche. Sicuro come l'oro.

Marguerite

Gio, 25/10/2018 - 20:58

Tanto , Savona, che t’importa....i tuoi soldi sono al sicuro in Svizzera !!!!!!

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Gio, 25/10/2018 - 21:08

"Se ci sfugge lo spread, noi non riesamineremo la manovra, ma il contesto entro cui ci muoviamo" Della serie "ragazzi non provate a strizzarci le 00, potremmo decidere di fare lo stesso, se non peggio, CON LE VOSTRE. Noi non lo vogliamo fare, ma se ci costringete...

Ritratto di lucabilly

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Giano

Giano

Gio, 25/10/2018 - 21:18

Ma il golpe del 2011 (con spread incluso) non ci ha insegnato niente?

cotia

Gio, 25/10/2018 - 21:33

Egr. prof. Savona , ricordi al suo governo di vendere i cespiti inutili da cui si stimava un ricavo di oltre 100 mildi di E, inoltre si spremi le rimembranze e altri 100 mildi possono venire dall' aumento delle concessioni in termini quantitativi soprattutto nel campo dei beni culturali che oggi sono alla mercè di pochi burocrati intoccabili : i sovraintendenti .... -dei casi loro.

Anonimo (non verificato)

cotia

Gio, 25/10/2018 - 21:40

lo spread è frutto della speculazione ma ritengo che se il governo interviene con misure drastiche e più incisive per ridurre in termini quantitativi il debito, il differenziale si ridurrà anche al di sotto la deutch. Ma lo deve fare subito senza indugio!

Ritratto di MyriamZ.

MyriamZ.

Gio, 25/10/2018 - 21:47

Semplicemente una perfetta e chiara spiegazione della situazione. Se Draghi non provvede, peggio per le banche! Sono ciechi e sordi.

FrancoS73

Gio, 25/10/2018 - 21:49

Faccia il Pensionato e l'investitore in proprio - Non c'è posto per chi cerca una rivincita a qualunque costo - quando la storia ha già sentenziato !!

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 25/10/2018 - 22:33

Altro che incongruenze. Gl istessi parruccon isinisrti europei qunado Renzi, Makkaron, Merkel sforavano al 3 % non disser onulla. Ora fann ocadere i lmondo per i l2,4 %. Coerenza? No nsanno neppure dove sia di casa. Puzza molto di malafede, politica.

Ritratto di Zagovian

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Mona

Mona

Gio, 25/10/2018 - 23:54

Incongruenza è dire: la BCE favoreggia la Germania, la Francia e qualche altre e tratta l'Italia come uno straccio da torcere per cavarne il più possibile di guadagno. Draghi, ha fatto tutto per salvare la Germania nel 2008, e aiutare la Francia di Sarkozy e Hollande, e tutto pure per sgambettare questo Governo. Draghi cerca di mettere l'Italia in ginocchio per poi dirigerla da Francoforte come vuole. Una cosa sarebbe opportuno ricordarsi: L'EU è una moneta senza un solo ligotto d'oro in collaterali, è una montagna di carta che potrebbe essere distrutta con un solo soffio. Se il soffio arriva, il più grandi a perdere saranno la Germania e la Francia.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Ven, 26/10/2018 - 01:03

Daccordo con Savona. Se lo spread dovesse sfuggire di mano al governo? «Così come abbiamo deciso in Consigli dei ministri, noi non riesamineremo la manovra, ma il contesto nel quale ci poniamo», ha risposto Savona. Queste affermazioni avranno deluso Draghi (non si sopportano vicendevolmente): a parte che lo spread NON si manifesta subito nelle sue conseguenze ma dopo alcuni anni (quello che conta è l'euribor che è stabile), la Bce aveva posto fiducia in un accordo sulla manovra fra Bruxelles e Roma. Ma gnente: il problema è eminentemente politico. Draghi, persona intelligente, pur di non far morire l'euro (e l'Ue) le prova tutte. Vedremo gli sviluppi..