Superenalotto: si vince anche col "2", ma c'è un rincaro

Firmato il decreto per rinnovare e rilanciare il Superenalotto. È quanto anticipa l’agenzia specializzata Agimeg, spiegando che tra le novità sono previsti l’aumento del montepremi e una nuova categoria di premio

Firmato il decreto per rinnovare e rilanciare il Superenalotto. È quanto anticipa l’agenzia specializzata Agimeg, spiegando che tra le novità sono previsti l’aumento del montepremi e una nuova categoria di premio. Anche il 2015, come i 6 anni precedenti, segnerà infatti rosso per il gioco di casa Sisal. Con il trend attuale, a fine anno la raccolta dovrebbe essere inferiore ai 900 milioni di euro, dato in calo del 13%-14% rispetto all’anno scorso. Dal 2009 ad oggi, il SuperEnalotto ha fatto segnare un forte calo degli incassi (-75%) e quindi si è pensato di puntare al rilancio con delle novità che permettessero di premiare più giocatori. In tal senso va visto l’arrivo della nuova categoria di premio che permetterà di vincere anche facendo 2 punti. Attualmente sono
cinque le categorie di premio classiche (6, 5+, 5, 4 e 3) alle quali si aggiungono le 8 categorie di premio a disposizione di chi gioca con l’opzione SuperStar.

L’inserimento di una nuova categoria di premio sarà reso possibile dalla crescita del montepremi a disposizione dei giocatori che passerà dall’attuale 34% a circa il 50%. Attese comunque anche altri cambiamenti nel regolamento del concorso. La nuova categoria di vincita, che si aggiunge alle attuali cinque (6, 5+, 5, 4 e 3, oltre all’opzione ’Superstar’) dovrebbe garantire - secondo le simulazioni - in media tra i 3 e i 5 euro ai giocatore, consentendo così almeno il «rientro» della somma investita. Sale il costo di ciascuna colonna, che passa da 0,50 a 1 euro (e la giocata minima è di una colonna, non più due)