Supereuro in Borsa. E la ripresa trema

Il dollaro ai minimi affossa i titoli del made in Italy che generano fatturato export

Il flop del dollaro sull'euro per l'economia italiana, esposta all'export, per lo più non è una buona notizia. Ne beneficiano solo i turisti che trascorreranno Oltre Oceano queste vacanze estive, magari facendo shopping a New York grazie a un cambio euro/dollaro passato dagli 1,05 di aprile agli attuali 1,15. Ieri la valuta comune ha toccato i nuovi massimi da maggio 2016, sostenuta dalla debolezza mostrata dal presidente americano Donand Trump che ha subito un pesante ko sulla riforma sanitaria e sulle attese di una stretta nella politica monetaria delle banche centrali.

E potrebbe non essere finita qui. «Mi attendo che l'euro ripieghi leggermente e si porti a 1,11-1,12 sul biglietto verde. A settembre, con il probabile annuncio della data che segnerà l'inizio della fine del quantitative easing, ovvero il riacquisto di titoli da parte della Bce, il cambio dovrebbe tornare poi a salire per attestarsi a 116-1,17» sostiene Vincenzo Longo di Ig.

La debolezza del dollaro, che ieri ha toccato i minimi degli ultimi dieci mesi anche rispetto al «dollar index» (un paniere di valute) è destinata a proseguire anche per Swisscom che, a sua volta, sottolinea «l'esitazione da parte della Fed di procedere alla normalizzazione di politica monetaria (il rialzo dei tassi, più volte rinviato, è ora preannunciato per fine anno ndr): i governatori della banca centrale americana temono che, alzando i tassi, la super-indebitata economia a stelle e strisce possa deragliare in una recessione. La seconda causa della debolezza del dollaro è rappresentata dalla struttura fondamentalmente debole del tessuto economico Usa».

Domani intanto, al temine della due giorni della Bce, il governatore Mario Draghi terrà una conferenza stampa da cui potrebbero emergere nuove indicazioni. Gli osservatori più attenti tuttavia hanno già segnato in rosso altre due date che potrebbero rivelarsi cruciali per l'annuncio del calendario del tapering, ovvero del rallentamento degli stimoli monetari che, a fine anno, dovrebbe portare gli acquisti effettuati dalla Bce nell'arco temporale di efficacia del quantitative easing a 2,3 trilioni di euro. La prima occasione è il vertice della Fed di Jackson Hole (24 al 26 agosto) a cui è invitato a parlare lo stesso Draghi. La seconda data è la riunione della Bce del 7 settembre quando i funzionari di Francoforte avranno tra le mani dati e stime più aggiornati su cui basare la decisione.

In questo scenario l'intero made in Italy che, grazie all'export e alla produzione locale fattura in dollari e riporta a bilancio in euro lancia un grido di dolore. «Ad esser potenzialmente penalizzati da un euro forte sono diversi brand tricolori come Luxottica e Campari, ma anche Prysmian, Stm, Fca e Cnh che generano parte del fatturato in dollari» sottolinea Longo secondo cui sotto pressione potrebbero esserci anche i titoli petroliferi posto che il greggio e i suoi derivai sono scambiati i dollari. «A iniziare da Eni, Saipem e Tenaris» conclude Longo.

Tra i vincitori invece Marco Palacino di Bny Mellon annovera «le grandi multinazionali Usa che esportano verso l'Europa come Microsoft, che vanta una clientela stabile e consolidata anche in Europa (soprattutto nel settore b2b), e Procter&Gamble, con brand forti e un fatturato che potrebbe beneficiare non solo dell'euro forte ma anche della ripresa degli indici di fiducia al consumo».

Commenti

pv

Mer, 19/07/2017 - 08:52

Brava Cinzia. Vallo a dire agli svizzeri che e' meglio avere una moneta debole. A te e a quelli come te, la pizza di fango, come nuova moneta debole per l' Italia va bene?

Ernestinho

Mer, 19/07/2017 - 09:30

Una volta euro debole, una volta forte, e va sempre male. Ma quando la finiscono con questi "giochetti"?

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mer, 19/07/2017 - 09:45

macchè minimi se ha toccato gli oltre 1.45,certo che è meglio avere una moneta debole maggiori esportazioni e si consuma di più.

maxfan74

Mer, 19/07/2017 - 10:40

LA MONETA C'ENTRA FINO AD UN CERTO PUNTO. E' L'ITALIA CHE NON FUNZIONA.

adolhi1889

Mer, 19/07/2017 - 11:35

Le solite sciocchezze su euro/dollaro , ma allora adottiamo il Lei Albanese cosi risolviamo tutti i nostri problemi. Vedo che serve a molto un dollaro debole all'America, solo con la Germania hanno un deficit commerciale annuale di 70 miliardi di Euro.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mer, 19/07/2017 - 12:04

ma il Lei Albanese è carta straccia non è coperto da nulla .

gpl_srl@yahoo.it

Gio, 20/07/2017 - 09:40

l' euro tedesco vince ancora??