Tasse, oltre 56 miliardi da saldare entro giugno: contribuenti nel mirino

Un salasso continuo: altri 33,6 miliardi dovranno essere versati entro il 16 luglio

Tasse, tasse e ancora tasse. Famiglie e imprese si preparano ad aprire il portafoglio. Dovranno, infatti, versare all'erario e agli enti locali oltre 56 miliardi di euro. A poco più di due settimane dalla scadenza fiscale del 16 giugno, la Cgia di Mestre ha fatto i conti in tasca ai contribuenti italiani che dovranno saldare Imu, Tasi, Irpef, addizionali sulle persone fisiche, Irap, Ires, Iva e Tari.

In termini assoluti, l’imposta che graverà maggiormente sui bilanci delle aziende italiane sarà l'Ires, l'Imposta sui redditi delle società di capitali. Secondo i calcoli effettuati dall’Ufficio studi della Cgia, il versamento del saldo 2014 e dell’acconto 2015 porterà nelle casse dello Stato 10,5 miliardi di euro. Altrettanto "impegnativo" sarà il versamento delle ritenute Irpef dei dipendenti e dei collaboratori delle imprese: queste ultime dovranno sborsare 10,4 miliardi di euro circa. Per le famiglie, invece, l'impegno economico più oneroso sarà dato dal pagamento della prima rata della Tasi: dei 2,3 miliardi di euro attesi dai Comuni, i proprietari delle abitazioni principali dovranno versare circa 1,65 miliardi di euro. "Pur essendo una delle principali scadenze fiscali dell’anno - denuncia il segretario della Cgia Giuseppe Bortolussi - ancora una volta i cittadini e gli imprenditori sono chiamati a operare in un quadro estremamente incerto". Per quanto riguarda la Tasi e l'Imu, per esempio, i Comuni avranno tempo fino alla fine di luglio per deliberare le aliquote da applicare quest’anno. "Pertanto - fa presente Bortolussi - il prossimo 16 giugno gran parte dei contribuenti verseranno la prima rata della Tasi o dell’Imu sulla base delle disposizioni riferite al 2014 e solo con la scadenza di dicembre sapranno realmente quanto dovranno pagare".

Anche gli imprenditori, purtroppo, si trovano nella stessa condizione. "Solo da qualche giorno il fisco ha messo a disposizione il software Gerico per stimare i ricavi che l’Amministrazione finanziaria si attende da loro - prosegue Bortolussi - pertanto, anche se fosse concessa una proroga, gli artigiani, i commercianti e i piccoli imprenditori avrebbero comunque poche settimane di tempo per elaborare il tax planning per l’anno in corso, con il serio pericolo di non valutare attentamente la propria posizione con il fisco". Ma le cattive notizie non terminano qui. Anche nel mese di luglio è prevista una scadenza fiscale da far tremare i polsi: tra Irpef, addizionali, Ires, Irap e Iva, i contribuenti italiani dovranno versare all’erario 33,6 miliardi di euro.

Commenti

billyserrano

Sab, 30/05/2015 - 12:15

Italiani, siate veloci a pagare le tasse, che devono pagare i grassi vitalizi e stipendi agli scrocconi che ci "governano".

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 30/05/2015 - 12:29

Pagare inesorabilmente. Bisogna garantire i vitalizi ai papponi e il Wi-Fi ai migranti.

abocca55

Sab, 30/05/2015 - 12:43

Ma quale salasso. Qui sono in pochi a rilasciare le fatture fiscali. C'è una evasione generalizzata. Pwerché i media non danno informazioni reali???

Zizzigo

Sab, 30/05/2015 - 12:58

Con l'aggravante recidiva di dovere compilare dichiarazioni arzigogolate in modo assurdo, con incomprensibili istruzioni in un pazzesco burocratese (ogni fascicolo almeno 100 pagine!)... alla faccia delle semplificazioni dei Renzini...

Ernestinho

Sab, 30/05/2015 - 13:22

Ma che c'entrano gli scontrini con il salasso? C'è sempre il solito "bastian contrario", come l'"abbocca55" che gioisce quando si pagano tante tasse!

Anonimo (non verificato)

NON RASSEGNATO

Sab, 30/05/2015 - 15:22

Pagate con gioia, servono a mantenere le risorse e gli zingari.

Ritratto di mrHope.

mrHope.

Sab, 30/05/2015 - 15:33

le tasse servono per pagare stipendi e vitalizi ai papponi della politica... chi può farlo sa cosa deve fare

eloi

Sab, 30/05/2015 - 16:53

abocca 55 provi a sustituire il Sig. Bertolussi. Credo che le sue capacità vadano oltre la Cgia di Mestre.

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Dom, 31/05/2015 - 18:34

Quello che non comprendo è il perche la TARI si paga per i mq e non per i componenti del nucleo residente.Nel primo caso è un balzello slegato al servizio quindi un balzello iniquo,legandolo ai componenti è meno iniquo e comunque è legata all'equazione chi più mangia...

unosolo

Mar, 02/06/2015 - 15:45

Svegliatevi , le tasse sono state pianificate e scagionate man mano che passano i mesi , le pensioni sono scese ( quelle alte cioè quelle Che hanno versato contributi pesanti ) la mia per esempio maggio meno 30 euro giugno adeguata al ribasso e siamo a giugno ho perso quasi 120 euro da gennaio rispetto all*anno precedente , compagni stanno regalando posti da parassiti prendendo i soldi proprio a chi ha versato contributi pesanti. Ladri. Ladri e incapaci a procurare lavoro , si mangiano più soldi di quelli che entrano solo per mantenere il potere e i loro alti stipendi.