Vivendi al 28,8%, Mediaset in Consob

Il gruppo francese sale alla soglia d'Opa. Calenda: «Il mercato non è un dogma»

Vivendi arriva alla soglia dell'Opa su Mediaset con il 28,8% del capitale, pari al 29,94% dei diritti di voto una volta considerate le azioni proprie. Ieri però in Borsa il titolo è sceso del 12,4%, riportandosi a ridosso dei 4 euro. Segno che il rastrellamento è stato sospeso, perlomeno per ora, da parte di Vivendi. Troppe le incognite, comprese le possibili sanzioni che potrebbero partire da Consob e da Agcom, visti i paletti di legge sul possesso incrociato di quote cospicue in aziende dei media e delle tlc: Vivendi è già il primo socio di Telecom Italia con il 24,6%.

Liaisons dangereuses che potrebbero portare a un congelamento dei diritti di voto di Vivendi. Le Authority sono scese in campo dunque. E se Agcom ha aperto l'altro ieri una inchiesta su quanto accaduto, Consob è già passata alle audizioni dei manager. Ieri è stato il turno di Marco Giordani, direttore finanziario di Mediaset, mentre oggi sarà la volta negli uffici della Commissione di Arnaud de Puyfontaine ad di Vivendi.

«Abbiamo ricostruito la vicenda dall'inizio, che comunque era già abbastanza chiara, i fatti sono quelli che conoscete tutti, ora c'è qualcuno che dovrà giudicare» - ha detto Giordani, uscendo dalla sede milanese della Consob, dove è stato ascoltato per circa un'ora dai funzionari della Commissione sulla scalata di Vivendi. Giordani ha spiegato di non aver portato ulteriore documentazione e che per il momento non sono previsti altri incontri. «Se hanno bisogno ci chiamano», ha detto a chi gli chiedeva se tornerà in Consob. Alla domanda se fosse arrivata dai francesi una eventuale richiesta di convocare un'assemblea straordinaria (per Vivendi potrebbe essere il primo passo per ottenere rappresentanti nel consiglio del Biscione), Giordani ha risposto: «A quanto ne so, no».

Sulla vicenda è tornato anche il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda: «Dobbiamo rispettare il mercato, ma il mercato non è un dogma. Giudichiamo l'operazione in modo negativo ma questo non vuol dire che si faccia un provvedimento ad hoc anche se, a nostro giudizio, questa operazione ha connotati ancora troppo opachi per riuscire ad esprimere un giudizio completo».

In effetti è ancora difficile capire quale sia il vero scopo di Bollorè, che per comperare il 28,8% di Mediaset ha già speso 1,6 miliardi di euro. L'intento dichiarato, comunque, sarebbe quello di creare un grande gruppo europeo per la produzione di contenuti multimediali da diffondere via web tramite banda ultralarga fissa e mobile.

Mediaset, però, ha sempre detto di non aver mai ricevuto proposte in questo senso, dopo che i francesi hanno disatteso l'accordo vincolante che prevedeva l'acquisto della pay tv Premium. Con la quota in portafoglio, Vivendi può chiedere posti nel cda Mediaset che però scade nel 2018. Certo potrebbe voler entrare prima in consiglio ma ha bisogno di portare dalla sua parte altri azionisti, dato che il primo socio, Fininvest, ha il 39,77% della società televisiva.

Gli avvocati che stanno portando avanti la battaglia legale a difesa di Mediaset avrebbero poi preparato un esposto in sede europea, perché «ci sarebbero delle regole Ue non rispettate» da parte dei francesi. Oggi inoltre dovrebbe esserci, sempre secondo indiscrezioni, anche un cda di Fininvest per informare i consiglieri e valutare le prossime mosse da compiere.

Commenti

ex d.c.

Ven, 23/12/2016 - 09:25

Questa è un'altra azione negativa per il Paese, ma visto che danneggia Mediaset sarà sicuramente appoggiata dal nostro governo

puntopresa10

Ven, 23/12/2016 - 09:26

Io che non capisco niente di borsa,penso alle plusvalenze ricavate dalle azioni detenute dai soci Mediaset,nei giorni della scalata di vivendi,un sacco de schei.Quello che è incredibile,stanno guadagnando soldi anche con il titolo in discesa.Bella mossa la Famiglia si sta comprando Telecom.

Ritratto di riana

riana

Ven, 23/12/2016 - 09:47

Dogma o non Dogma, pero' se la sono cercata. Se Fininvest voleva e vuole ora cosi' fortemente non cedere non avrebbe lasciato vacante il ben 65% della quota societaria.

Fermantiport

Ven, 23/12/2016 - 10:01

Per i Francesi c'è un solo modo di lavorare insieme: devono comandare loro! Dopo 200 anni hanno ancora in mente Napoleone.

Fermantiport

Ven, 23/12/2016 - 10:04

Sono curioso di vedere se questa volta AGCOM, così attenta nei confronti di Finivest, ha qualcosa da dire (e da fare) nei confronti di Vivendi che, guarda caso, è anche azionista di riferimento di Telecom.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Ven, 23/12/2016 - 10:04

Il governo, fantoccio di Debenedetti, ossia dei Rotschild, non farà che far finta di interessarsi ma è ovviamente in combutta con la finanza "francese" (francese per modo di dire....ci siamo intesi).

Ritratto di veronika

veronika

Ven, 23/12/2016 - 10:11

i franciosi rispettano regole UE? sarebbe una novità

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Ven, 23/12/2016 - 10:19

Se ricordate Gentiloni, allora Ministro, voleva a tutti i costi ridimensionare Mediaset, punirla perché aveva successo ed ora pensate che i Parlamentari così pieni di bava alla bocca sapendo di trovarsi sempre Berlusconi che li intralcia facciano qualcosa per Noi? Illusione. Shalòm

alberto_his

Ven, 23/12/2016 - 10:20

Silvio dà una mano al governo, il governo dà una mano a Silvio

Ritratto di elkid

elkid

Ven, 23/12/2016 - 11:59

----non è che me ne freghi molto---e nel mio piccolo ho scalpato anch'io sulle oscillazioni delle azioni mediaset---ma in questa storia solo i ciechi non vedono un aggiotaggio grosso come una casa---e cioè bollorè che di proposito straccia il contratto premium facendo precipitare il valore delle azioni mediaset ed un attimo dopo cominciare a rastrellarle con società di comodo con sede estera---giochetto da ragazzi---hasta

Altoviti

Ven, 23/12/2016 - 12:43

MEDIASET POTREBBE DISTRIBUIRE DELLE AZIONI GRATUITE A CHI DETIENE LE SUE AZIONI DA PIU DI 2 ANNI PER ESEMPIO, IN TAL MODO BOLLORE NON AVREBBE DIRITTO A QUELLE AZIONI,quanto basta per impedirgli di fare la scalata e di arrivare al 51%.

Altoviti

Ven, 23/12/2016 - 12:49

Mediaset potrebbe fare un aumento di capitale e Fininvest potrebbe sottoscriverlo per riprendersi la maggioranza,basterebbe una clausola che riserva la sottoscrizione a chi deteneva le azioni da più di un certo numero di anni, e Bolloré sarebbe gabbato.

Piergiacomo74

Ven, 23/12/2016 - 16:25

Se i Francesi tolgono Barbara D'urso, Grande Fratello, Isola dei Famosi, Uomini e Donne, allora ben vengano

gpl_srl@yahoo.it

Sab, 24/12/2016 - 08:36

il governo italiano?? se ne frega:in fondo si tratta dell' odiata Mediaset e se quanto succede, succede a discapito della famiglia Berlusconi ..., ben venga anche se vengono messi a rischio migliaia di posti di lavoro.