Esplode palazzina a Roma: due morti 3 le persone ferite

Poco dopo le 7 un'esplosione ha devastato un palazzo nel quartiere
Mostacciano, in via Carmelo Maestrini. Le vittime sono giovani: una viveva nell'appartamento vicino a quello dello scoppio avvenuto per una fuga di gas. Ipotesi tentato suicidio

Roma - Due donne sono morte e tre persone sono rimaste ferite nell'esplosione avvenuta questa mattina, poco dopo le 7, per una fuga di gas, in un appartamento al primo piano di una palazzina a Mostacciano, nella periferia di Roma. Elisa C., 27 anni, originaria di Vercelli, è morta sbalzata nel cortile dello stabile dove viveva con il fidanzato e la madre di lui, anche loro rimasti feriti. Un'altra giovane donna, che viveva in un appartamento vicino al loro è morta schiacciata da una trave crollato sotto la spinta dell'onda d'urto.

Tre i feriti: la più grave è una donna , C.C.G., 59 anni , ricoverata in coma all'ospedale Sant'Eugenio di Roma con ustioni sul 70% del corpo e alcune fratture. Gli altri due, una donna, Concetta P. di 62 anni, che ha riportato la frattura di una clavicola e suo figlio, Cosimo M., 33 anni, fidanzato della ragazza morta sbalzata fuori dall'esplosione, sono ricoverati al Cto con fratture agli arti.

Le indagini sull'origine dell'esplosione sono a tutto campo anche se alcuni residenti della zona ipotizzano che la donna di 59 anni, che viveva da sola in un appartamento vicino a quello in cui si trovava Elisa C, abbia tentato il suicidio aprendo il gas. Secondo quanto raccontato dai testimoni, l'esplosione è stata violentissima e secondo i primi accertamenti sarebbe stata provocata da una fuga di gas. L'esplosione ha completamente distrutto l'appartamento: le mura perimetrali sono crollate e le macerie sono state proiettate molto lontano. Alcune automobili, parcheggiate in strada. sono rimaste danneggiate. La strada è stata chiusa, la palazzina completamente evacuata.