24mila schiavi nell'Ue. E in Italia è record

I dati choc di Bruxelles denunciano l'esistenza, diffusa e in crescita, della schiavitù nel Vecchio continente

Nell’Unione Europea vivono circa 24mila schiavi, cioè persone che sono vendute o tenute in stato di cattività per svolgere attività sessuali, lavori forzati o mendicare. E i numeri sono in crescita.

Il dato emerge dal primo rapporto Ue sul traffico di esseri umani, dal quale inoltre risulta che oltre un quinto (circa 6500 persone) dei nuovi schiavi (identificati e presunti tali) ha vissuto in Italia nel periodo preso in considerazione, il biennio 2008-2010.

A noi, dunque, la maglia nera e nonostante il problema si acutizzi proprio nello Stivale, ciò non ha comunque spinto le autorità italiane ad adeguarsi alla direttiva Ue contro il traffico di esseri umani che la Commissione ritiene essere un utile strumento contro questa pratica disumana. Il termine per l’adozione della direttiva è scaduto il 6 aprile scorso, ma - ad onor del vero - solo 6 paesi Ue l’hanno finora adottata nelle rispettive legislazioni nazionali.
Bruxelles segnala infine che la maggior parte delle vittime del traffico di esseri umani proviene da Bulgaria e Romania ed è di etnia rom.

Commenti

pansave

Lun, 15/04/2013 - 14:31

Tutti nella Chiesa di proprietà della Boldrini, lei saprà sicuramente cosa fare , ovviamente senza i soldi dell'ONU.

Massimo Bocci

Lun, 15/04/2013 - 15:10

E i 50 milioni di Italiani non li hanno calcolati???? Escluso 10 milioni di extra comunitari (ospiti imposti) e 5 milioni ci cooptati comunisti di regime il conto dovrebbe essere giusto 65 milioni di asserviti (coattamente) EURO.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Lun, 15/04/2013 - 15:18

Ma non erano delle risorse? sì, risorse per togliere lavoro agli italiani e far guadagnare pseudo idustriali. Magari un controllino non sarebbe male, ma in Italia è solo una barzelletta.

killkoms

Lun, 15/04/2013 - 16:13

non chiamateli schiavi ma folli!gli schiavi erano sottratti con la forza alle loro terre(gli africani dall'africa e gli europei meridionali dalle loro terre)per essere condotti schiavi i primi in america ed i secondi in africa!gli attuali schiavi pagano"loro"chi li porta quì!e li pagano anche bene!

franco@Trier -DE

Lun, 15/04/2013 - 16:28

cosa si pretende dalla Italia?Mica è Germania o Svezia, in Italia sono schiavi con politici al governo comunisti.

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 15/04/2013 - 18:51

Perche' un precario non e' uno schiavo?

paolodb

Mar, 16/04/2013 - 11:56

"Bruxelles segnala infine che la maggior parte delle vittime del traffico di esseri umani proviene da Bulgaria e Romania ed è di etnia rom" ... magari potrebbero specificare che a schiavizzarli sono altri rom, ma non sarebbe politically correct.

Ritratto di abj14

abj14

Mar, 16/04/2013 - 14:10

Come già accennato da pansave 15/04 14:31 basterebbe incaricare la nostra 2a Carica, tale Boldrini, per risolvere il problema (magari coadiuvata dall'ex 2a Carica, tale Fini). In realtà, il problema sarebbe efficacemente risolvibile impedendo l'entrata a chicchessia e rispedendo in patria tutti gli irregolari e nullafacenti nonché quanti, regolari o meno, siano stati giudicati colpevoli per qualsiasi delitto/crimine (così, tra l'altro, risolviamo in buona parte anche il problema del sovraffollamento delle carceri). – (2° invio)

EmanueleS

Mar, 16/04/2013 - 14:53

I dati diffusi, sempre che siano precisi e veritieri, sono la prova incontrovertibile che l'uomo non cambia. E nonostante ci si faccia grandi dietro parole come "democrazia" e "libertà", in realtà la schiavitù (il dominio di un uomo su un altro uomo) è come se non fosse mai stata abolita completamente. Perché, poi, non si è in grado di combattere la criminalità diffusa che usa queste pratiche per arricchirsi. Forse è ora di smetterla col falso buonismo e con la politica immigrazionista folle ed incontrollata, che non produce nulla di utile.