Datagate, Usa al contrattacco: "Se smettiamo si rischia un altro 11 Settembre"

Il capo della Nsa difende il lavoro dell'intelligence poi scarica il barile su politici e ambasciatori che avrebbero chiesto all'intelligence di intercettare i leader mondiali

Lo scandalo datagate ha raggiunto il suo acme e la tensione tra Washington e Berlino è a livelli altissimi. Le dichiarazioni del presidente Obama sulla politica egoistica della Merkel sono un termometro efficace della temperatura algida scesa tra i due paesi. Ma gli Stati Uniti non ci stanno a passare davanti agli occhi del mondo intero come "spioni". E lo scenario da "vite degli altri" tratteggiato dalla talpa Snowden ha sensibilmente opacizzato l'iimmagine degli Usa nel mondo. Così Washington va al contrattacco e lo fa attraverso le parole del capo della Nsa Keith Alexander: "Ci piacerebbe smettere con i nostri programmi di intelligence. Ma se lo facessimo la nostra paura è che si creerebbe un vuoto, che potrebbe provocare un altro 11 settembre. E cos non avremmo fatto il nostro dovere: lo ha detto il capo della Nsa, Keith Alexander, intervenendo a un evento a Baltimora". Non solo. Il numero uno dell'intelligence punta il dito contro la politica e gli ambasciatori che gli avrebbero chiesto espressamente di tenere sotto controllo le utenze telefoniche dei leader mondiali.

Un messaggio chiaro e ultimativo: senza le intercettazioni e tutto il lavoro di intelligence che gli Stati Uniti svolgono, il terrorismo internazionale potrebbe tornare a colpire indisturbato. "Non mi sono sposato con questi programmi - ha proseguito Alexander- e se potessimo avere un modo migliore per portarli avanti lo faremmo. Portiamo in mano un nido di calabroni per il bene del Paese - ha aggiuntoriferendosi in particolare alle intercettazioni telefoniche -. Ci piacerebbe metterlo già, ci piacerebbe gettarlo via, ma se lo facessimo la nostra paura è che si creerebbe un vuoto e ci sarebbe il rischio di un potenziale nuovo 11 settembre. E così non avremmo fatto il nostro dovere". Si torna, dunque, al quesito che tante volte è stato posto dopo il tragico attacco alle Torri Gemelle: simao disposti a cdere un po' della nostra privacy in cambio di un mondo più sicuro?

Commenti

andrea24

Ven, 01/11/2013 - 17:31

...Sistema euro-atlantico(ed occupazione militare)catalizzato allora dalla Guerra Fredda,ed ora,dalla "questione 11 settembre".Non sanno più cosa inventarsi.Quando i popoli europei ritorneranno ad essere padroni a casa propria,l'Europa diventerà di nuovo il nemico numero uno del sistema plutocratico occidentale.

Ritratto di Reinhard

Reinhard

Ven, 01/11/2013 - 17:36

Quindi spiava la culona perché avevano paura che dirottasse un aereo e lo facesse schiantare sui grattacieli USA? Non sanno più che scusa inventarsi.

odifrep

Ven, 01/11/2013 - 18:23

Non è vergognoso nascondersi dietro...."il rischio di un potenziale nuovo 11 settembre"? Ecco perché i magistrati italiani spiano BERLUSCONI......"perché si spaventano di un nuovo 26 gennaio" come quello del 1994. Che meschini questi Kompagni.

Kaiser Karl V

Ven, 01/11/2013 - 19:26

Il nuovo 11 Settembre l'hanno già avuto quando gli hacker cinesi hanno fatto una "visita ufficiosa" negli archivi elettronici del Pentagono. Che patetici, a trovare una scusa perché sono stati beccati con le mani nella marmellata,una superpotenza vera se ne infischierebbe, ma a quanto pare gli yankees si stanno accorgendo di contare sempre meno nel mondo (e, strano a dirsi, persino nella "loro" Europa!)

manente

Ven, 01/11/2013 - 19:30

La toppa è peggiore del buco. Lo spionaggio della Nsa, serve essenzialmente al controllo politico ed economico degli altri Paesi, in particolare degli "alleati" europei, Gran Bretagna esclusa naturalmente. Il fatto che la troika taccia, è la prova della illegittimità della tecnocrazia bancaria che governa l'Europa contro gli interessi dei cittadini e delle Nazioni.

-cavecanem-

Ven, 01/11/2013 - 19:56

Mi sembra piu' una minaccia...Come se non si fosse capito che l'11 Settembre l'hanno voluto loro per aver carta bianca su quasi tutto ormai. Sistema classico: destabilizzare la pace per imporre una forma di governo e controllo.

Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Ven, 01/11/2013 - 20:28

Ma quale altro 11 settembre! L' 11 settembre 2001 l'avete organizzato voi Amerikani! Per avere un Casus Belli contro Afghanistan, Irak, ecc. ec..

gamma

Ven, 01/11/2013 - 20:51

Ormai, purtroppo il presidente degli Stati Uniti non è più credibile. Come ci si può fidare di un uomo che ha detto un sacco di bugie e combinato una serie inenarrabile di errori in politica estera?

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Ven, 01/11/2013 - 21:37

Ma se lo hanno architettato loro!! veramente non sanno più cosa inventarsi questi!!

Hilbert_Space

Ven, 01/11/2013 - 23:11

Obama pagliaccio. Tutto il mondo libero sa che l'11 Settembre è stato progettato da una fazione golpista all'interno del governo USA. Si è saputo che avevano pure il codice giornaliero per il lancio dei missili nucleari. Tutto scritto nero su bianco, su libri e documentari video.

Ritratto di Carlito Brigante

Carlito Brigante

Ven, 01/11/2013 - 23:18

Forse gli USA hanno paura di un attacco terroristico tedesco?!? E poi anche la Bonino ha dichiarato che gli amici si spiano! E io che invece pensavo si facessero confidenze... Va bè, ad ogni modo spero solo che almeno gli italiani in USA non ci spiino. benny.manocchia anche tu ci spii?

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 02/11/2013 - 00:22

Finiamola di fare le finte verginelle. In Italia abbiamo una magistratura che può dare dei punti agli USA in merito alla quantità di intercettazioni. PIANTATIAMOLA DI ACCUSARE OBAMA. Preoccupiamoci piuttosto dei milioni di euro che sprecano le procure di tutta Italia per le intercettazioni. E PREOCCUPIAMOCI DELL'INSULTO CHE NE DERIVA ALLA NOSTRA DEMOCRAZIA.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 02/11/2013 - 00:26

Aggiungo che nel nostro paese le intercettazioni sono diventate l'ancora di salvataggio di magistrati impreparati che non sanno, o non vogliono, impegnarsi nel condurre indagini. E' MOLTO PIU' FACILE ALLUNGARE LE ORECCHIE STANDOSENE SEDUTI IN POLTRONA.

Silviovimangiatutti

Sab, 02/11/2013 - 06:12

Dovrebbe spiegare cosa centrano i capi di governo (occidentali) con il terrorismo. O ha un problema di comunicazione o mente.

Ritratto di Baliano

Baliano

Sab, 02/11/2013 - 09:31

Hmmmm... obamaobama, finché intercetti i vari "napoletani" incollati sul Colle, lo possiamo anche capire, fidarsi dei vecchi, o rinverditi filo-komunisti succedutisi negli ultimi venti-trentanni è come fidarsi dei vibrioni o dei mamba. Ma della "culettina", via obamuccio non è più della DDR, ormai è solo il "kapò del IV° Reich" ahahah... - Ma Sì, forse un po' hai ragione, mai fidarsi del tutto dei filo-ex-nazi-komunisti, comunque camuffati, sparsi in Europa. - Però, anche te Obama, come tutti i Presidenti USA, comandi fino alle 11.45, a mezzogiorno, il vero comando "strategico", lo assumono la NSA, la CIA e pure l'FBI. Nemmeno Te, nessun Presidente USA, ha mai conosciuto e conosce tutti gli "arcani" del tuo Paese: Ma questo è "normale". O No!? Poi ci spiegherai perché. - Campa cavallo...

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 02/11/2013 - 12:17

ahhaahaha ancora con queste st... te !!!!

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 02/11/2013 - 12:19

I Cinesi sono uno stato sostanzialmente compatto razzialmente (90% Han), con 5000 anni di storia e una grandiosa cultura alle spalle. Gli americani sono una massa eterogenea ignorante volgare e diretta da una minoranza criminale. Non c'è storia .

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 02/11/2013 - 12:21

Non so chi abbia organizzato l'11 settembre. Di certo c'è che è servito come casus belli per fare guerre progettate molto tempo prima (e ci sono le prove su questo).

Raoul Pontalti

Sab, 02/11/2013 - 17:20

Pezo el tacon del buso...Così si ammette apertis verbis di avere spiato i governi alleati e per di più di averlo fatto su sollecitazione impropria perché non possono certamente essere gli ambasciatori a disporre e nemmeno a proporre certe azioni illegali. Il terrorismo poi è una scusa puerile o davvero si vuole insinuare che i governi alleati sostengano o fomentino il terrorismo? Forse sì e si coglierebbe nel segno... Ma in genere i governi occidentali sostengono il terrorismo in combutta proprio con gli USA...