Eurofollie: sulle monete sì a Tito, no a croci e aureole

La Slovacchia modifica l’immagine dei santi "per non offendere le altre religioni"

 

Niente aureole e croci troppo visibili... siamo europei. I santi Cirillo e Metodio, osannati nell'Europa orientale come da noi Pietro e Paolo, possono comparire sulla moneta unica, ma senza ostentare simboli religiosi. Non è uno scherzo. Nel vecchio continente cristiano i burocrati di Bruxelles e qualche stato membro della Ue con manie laiciste hanno bocciato la moneta di 2 euro che la Slovacchia era pronta a coniare nel 2013. Bratislava, in occasione del 1150° anniversario della missione di Cirillo e Metodio, voleva dedicare il soldo unico ai santi.
La bozza iniziale prevedeva l'effige dei monaci, simbolo dell'Europa slava cristiana, con le aureole e l'abito talare ricoperto da grandi croci. Una copia dell'immagine che ci viene tramandata da secoli.
La puntigliosa Commissione europea ha detto «niet» chiedendo alla Slovacchia «di rimuovere i simboli religiosi» dalle monete, più precisamente «le aureole e le croci dai loro abiti». Lo ha rivelato la Banca nazionale di Bratislava, costretta a fare marcia indietro. Un cambiamento indispensabile per Bruxelles e qualche stato membro, non ben identificato, per riportare i 2 euro slovacchi «al principio del rispetto della diversità religiosa, come prescrive l'articolo 22 del Trattato sui diritti fondamentali dell'Ue».

Peccato che gli zelanti gnomi spirituali di Bruxelles non abbiano avuto nulla da obiettare per l'euro sloveno già in circolazione con il faccione di Franc Rozman, un generale di Tito, il maresciallo jugoslavo boia di italiani. L'alto ufficiale viene raffigurato con la bustina partigiana ed una grande stella a cinque punte, quella rossa dei comunisti.
Secondo la Conferenza Episcopale Slovacca «la rinuncia ai simboli essenziali delle immagini dei santi Constantino-Cirillo e Metodio sulle monete commemorative è una svolta culturale e una mancanza di rispetto per la propria storia». Cancellare le aureole dall'euro è «come togliere la croce alla cattedrale di San Martino a Bratislava» ha dichiarato l'europarlamentare popolare slovacca Anna Zaborska. La vicepresidente del parlamento di Bratislava, Erika Jurinova, ha definito «assurdo» il diktat di Bruxelles.

In Bulgaria la stampa locale ha ricordato che era stato il regime comunista a vietare le aureole nelle raffigurazioni dei santi Cirillo e Metodio.
La moneta epurata dagli zelanti burocrati europei vedrà comunque la luce il prossimo anno. I santi saranno senza aureola e con altri abiti, ma almeno si è riusciti a salvare la doppia croce del bastone pastorale, simbolo nazionale slovacco.
Lo smacco alle tradizioni cristiane europee è ancora più pesante tenendo conto che nel 1980 fu proprio Giovanni Paolo II a dichiarare i due santi copatroni dell'Europa elevandoli ad «Apostoli degli slavi». Nell'anno 862 i fratelli Costantino, detto Cirillo, e Metodio hanno tradotto per la prima volta i libri sacri cristiani nell'antica lingua slava. In seguito si spostarono nell'attuale Bulgaria e Macedonia dove si diffuse la scrittura cirillica.
La sacra storia di mezza Europa viene sacrificata sull'altare politicamente corretto della "neutralità religiosa" invocata da Bruxelles.
www.faustobiloslavo.eu

Annunci

Altri articoli
Commenti

cgf

Sab, 24/11/2012 - 09:18

A Brussels hanno fatto 'outing' ancora una volta, ma cosa ci restiamo a fare in 'europa'?

Acquila della notte

Sab, 24/11/2012 - 09:25

l'europa del laicismo e dell'ateismo. il cattolicesimo con l'europa si sta scavando la fossa da solo!!

Ritratto di Fuchida

Fuchida

Sab, 24/11/2012 - 09:25

E' proprio diventata Eurabia...

plaunad

Sab, 24/11/2012 - 10:58

Quanto aveva ragione Oriana Fallaci! Altro che "Eurabia", oggi non hanno neppure più paura di cadere nel ridicolo pur di compiacere gli invasori.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Sab, 24/11/2012 - 11:07

Fuori da questa "europa"!!

Prameri

Sab, 24/11/2012 - 11:08

A Fuchida. Ma perché non scrivi in italiano? Si scrive Eurrabbia!

Ritratto di davide1967

davide1967

Sab, 24/11/2012 - 11:13

CGF ha ragione, ma che benefici ha portato questa europa ai suoi 500milioni di cittadini,a parte quello che non ci dobbiamo fermare alla dogana e a cambiare i soldi quando andiamo in Francia? lo dico io: nessuno!l'Europa è una colossale truffa e l' euro è lo strumento con cui la finanza angloamericana sionista ha reso l' Europa loro schiava. Senza moneta un paese ha le mani legate e dipende dal banchiere.

Ritratto di nontelomandoadiretelodico

nontelomandoadi...

Sab, 24/11/2012 - 11:21

livello del mio sentimento di appartenza europeo: 51 % negativo 49 % positivo trend invertito

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 24/11/2012 - 11:44

La Russia è l' unico paese che continua a voler conservare la sua identità (pur essendo multietnico e multireligioso, 20 milioni di islamici, tatari, popoli turcomanni ecc..).

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 24/11/2012 - 11:48

Bruxelles (in italiano Borsella.... nome ideale) è la capitale ideale per l' UE: la città più anonima, insignificante, neutra fino alla nullità che esista in Europa. Una città che non ha nulla da dire.

Claudio 73

Sab, 24/11/2012 - 11:52

Sulle monete si coniano facce di personaggi storici, reali (piu o meno discutibili). Miti leggende, santi, cristi e madonne che c'entrano? Essere cristiani, o musulmani, o juventini è un fatto personale. Gli Italiani, specie gli Italiani Forzuti, continuano a spalancare la bocca stupiti: din don sveglia! L'europa e (mi spiace per voi) anche l'Italia sono entità laiche. Ma già da un po'... Se poi non siete daccordo sono fatti vostri. Io per esempio posso essere buddista, ma non frigno se non mi celebrano Budda sulle monete o nelle scuole...

Ritratto di stock47

stock47

Sab, 24/11/2012 - 12:29

E' divenuto chiaro a tutti l'intento degli speculatori, che hanno preso in mano la sovranità dell'Europa, di cancellare l'identità stessa di ogni singolo popolo. Non possiamo continuare a rimanere in un simile miscuglio senza identità, che disconosce la stessa comune identità cristiana e greco romana europea.

vince50

Sab, 24/11/2012 - 14:49

Non potremo MAI essere uniti.Siamo popoli diversi,culture diverse,lingue diverse e ancora più importante DNA DIVERSI in particolare la fascia mediterranea o mediterronea,fate voi.Inevitabilmente alcuni stati si dovranno sottomettere,però come ci è stato detto "per noi è una grande occasione".Andare per la seconda volta a braccetto con la tedeschia sarà un secondo errore storico(anche se il resto l'ho sempre condiviso),noi siamo diversi,SIAMO SUPERIORI.Per questo e altro ancora,testa alta petto in fuori e aff...lo l'Europa e l'euro.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 24/11/2012 - 15:27

L' UE è un progetto delle elite. Le elite si impongono sempre su masse sradicate e senza identità. Come Stalin, mirano con l' immigrazione a distruggere i popoli. Finirà come la Yugoslavia.

Claudio 73

Sab, 24/11/2012 - 15:33

Lo ammetto. Leggendo questi commenti mi rendo conto che siamo diversi dal resto d'Europa. E lo pensano anche tutti gli altri Europei, che siamo su un altro livello. Diverso. Molto piu basso. Ma molto.

Ritratto di deliziosagrc

deliziosagrc

Sab, 24/11/2012 - 16:32

"EURSS" (Unione Europea delle Republiche socialista Sovietiche) Di Bukovskij Ed. Spirali

masquenada

Sab, 24/11/2012 - 16:40

L'euro e l'Europa in effetti sono decisamente lontani dall'assomigliare agli USA, ma tornare indietro, alla lira, sarebbe una catastrofe!!Solo un piccolo esempio: uno stipendio di 1000€ se si dovesse tornare alla lira, lo cambierebbero con un milione di lire, mica penserete che tornerebbe con lo stesso cambio fatto tra lira e euro vero??? Quale sarebbe il potere d'acquisto? sempre peggio. Purtroppo abbiamo l'euro e ce lo dobbiamo tenere, volenti o nolenti!!!!

giovannibid

Sab, 24/11/2012 - 16:57

BUFFONIi E VIGLIACCHI

Ritratto di miladicodro

miladicodro

Sab, 24/11/2012 - 17:10

Se volevamo cambiare la storia dell'Europa con tutti gli annessi e connessi, compreso le religioni e i simboli religiosi di ogni nazione, quello che non è riuscito a fare la storia stessa lo stanno facendo questi strapagati incapaci che abbiamo, noi Europei, mandato a rappresentarci in quel Parlamento Europeo che è diventato una sorta di fucina del diavolo, dove si legifera sul diametro dei piselli, la lunghezza delle carote, il conio delle monete, l'accettare ogni sorta di immigrati e così via. Roba da voltastomaco, poi quando pensi che costoro sono stati premiati con il Nobel e dal nostro compagno di lunga data, è tutto un dire. Cacciamoli tutti.

Tergestinus.

Sab, 24/11/2012 - 17:13

Claudio 73 che fa tanto il saputello. Gesù, Maria e anche Cirillo e Metodio sono personaggi storici. Su questo nessuno studioso serio nutre alcun dubbi. Quelli che mettevano in discussione la storicità di Cristo erano i positivisti, nella seconda metà dell'Ottocento, gente ormai morta e sepolta. Da allora la scienza ha fatto qualche progresso. Din don, sveglia! Claudio è diverso dagli altri, sta su un altro livello, molto, molto più basso: crede di essere ancora nel 1850.

Raoul Pontalti

Sab, 24/11/2012 - 17:28

I simboli massonici sul dollaro ci possono stare, le aureole dei santi e le croci sull'euro no... Forse è giusto così, Cristo non ha nulla a che vedere con la rappresentazione tangibile del dio Mammona.

andrea24

Sab, 24/11/2012 - 17:28

Ma se l'Europa si stracciò le vesti persino nei confronti della nuova costituzione dell'Ungheria...

plaunad

Dom, 25/11/2012 - 09:47

Claudio73. Hai perso una buona occasione per stare zitto. Il tuo asservimento ai nuovi padroni é semplicemente disgustoso.

andrea24

Dom, 25/11/2012 - 12:12

Infatti meglio di no.Per certi versi può sembrare un blasfemia.

Raoul Pontalti

Dom, 25/11/2012 - 16:39

per andrea24: lascia perdere la costituzione ungherese voluta da Orbàn, il Berlusconi magiaro, ché era una fetecchia e non solo per le parti censurate dalla UE. Non fare com i bananas di questi forum che si orgasmano addosso al rinvenimento di certe frasi senza senso in un testo costituzionale e così non vedono il resto che dannoso o almeno pericoloso.