Fidanza: "L'Ue protegga gli italiani in Crimea"

Dopo il reportage de ilGiornale.it, Fidanza inchioda la Ue: "Si faccia carico della protezione dei nostri connazionali"

Sono circa 500 anime di origine italiana perdute nei venti di guerra della Crimea. E hanno paura, hanno paura della guerra che potrebbe scoppiare. "Se cominceranno a sparare, come ai tempi della nostra deportazione nel 1942, i primi che verranno a cercare saranno le minoranze indifese", ha raccontato Giulia Giacchetti Boico, la presidente della comunità italiana della Crimea, a Fausto Biloslavo che per Gli occhi della guerra ha documentato i timori dei nostri compatrioti. Gli italiani di Crimea, emigrati nella penisola oltre 200 anni fa, furono deportati in Siberia e decimati da Stalin, che li considerava una spina nel fianco durante la seconda guerra mondiale. Oggi guardano con terrore i venti di guerra che soffiano in Ucraina.

"Ci appelliamo alla politica e al governo di Roma - ha continuato Giacchetti Boico - chiediamo solo un cenno di solidarietà e protezione. Un aiuto in questo momento drammatico". L'appello della presidente della comunità italiana della Crimea non è caduto nel vuoto. Carlo Fidanza, eurodeputato di Fratelli d'Italia, ha infatti deciso di spendersi in prima persona sia a Roma sia a Bruxelles. Da qui l'appello al neo ministro degli Esteri Federica Mogherini e all'Unione europea perché "si facciano carico della protezione di questi nostri connazionali".

Fidanza, cosa chiede alla Farnesina e all'Europarlamento?
"Per prima cosa permettetemi di ringraziare ilGiornale.it e l'ottimo Fausto Biloslavo per aver sollevato il caso. La comunità italiana in Crimea ha conosciuto le persecuzioni etniche e le purghe staliniane. Li chiamavano 'fascisti', erano solo italiani trovatisi nel posto sbagliato al momento sbagliato. Rivolgo un appello al ministro Mogherini e un'interrogazione all'Ue perché l'Italia e l'Europa si facciano carico della protezione di questi nostri connazionali, che in caso di conflitto rischiano di subire ancora."

Qual è la posizione di Bruxelles sulla crisi ucraina?
"Tanto per cambiare l'atteggiamento dell'Ue sulla crisi ucraina è ambiguo. Solo cinque mesi fa condannava il partito nazionalista Svoboda e intimava alle altre forze anti-Yanukovich di non fare accordi con gli 'estremisti'. Ora li sostiene senza se e senza ma. L'Ue ha tifato per Maidan, ha illuso tanti ragazzi in buona fede e ora non sa che fare, perché in realtà l'Europa è debole e indecisa e fa fatica a confrontarsi con un avversario forte e deciso come la Russia di Putin."

E Putin?
"Putin si è sentito tradito dall'Occidente e dall'Europa. Si è impegnato per favorire il passo indietro di Yanukovich e ventiquattro ore dopo si è trovato un governo nemico alle porte di casa e una legge parlamentare che vietava il russo. Questo non lo giustifica ma ne spiega l'irritazione. I russi sono sempre russi ma l'Occidente non può dare lezioni, Kosovo docet."

I cecchini che hanno fatto una strage in piazza Maidan provocando la fuga e caduta del regime del deposto presidente Viktor Yanukovich avrebbero sparato sia sui rivoluzionari che sulla polizia. Una strategia della tensione che secondo la telefonata intercettata fra il rappresentante della politica estera Ue Catherine Ashton e il ministro egli Esteri estone nasconde lo zampino della stessa opposizione ucraina. Cosa c'è dietro?
"La sensazione che ci sia stata una mano esterna nell'ultimo massacro di civili trova sempre maggiori conferme. Il regime di Yanukovich ha avuto certamente molte responsabilità, ma probabilmente non quella che ne ha decretato la fine. La degenerazione delle 'rivoluzioni democratiche' sostenute dall'Occidente, come le famigerate primavere arabe, deve essere da monito."

Come si pone l'Italia davanti a questo braccio di ferro?
"L'Ue darà all'Ucraina 11 miliardi di aiuti. Di questi un paio arrivano dalle casse dell'Italia. L'equivalente di mezzo anno di Imu prima casa o di sette punti di Irap. Una cifra ingente data in piena crisi e senza garanzie di vero contrasto alla corruzione dilagante. A ciò si aggiungano visti facili con conseguenti flussi migratori verso l'Europa e meno dazi per le esportazioni, col rischio di vedere i nostri mercati invasi di ulteriori merci a basso costo. Senza contare le conseguenze energetiche dell'intera vicenda. Eppure il governo italiano pare ignorare tutto ciò e si accoda supino alle scelte di Obama o della Merkel."

Commenti

ANTONIO1956

Ven, 14/03/2014 - 16:16

Gli Italiani di Crimea hanno tutto il mio rispetto e sostegno. Ho visto anche intervista rilasciata dalla Presidente ma.... ha sempre parlato di persecuzioni all'epoca della seconda guerra mondiale e all'epoca dell'ex Unione Sovietica. Non ha mai accennato a rappresaglie di questi giorni. I Russi che vivono in Crimea e che sono la stragrande maggioranza della popolazione si sentono Russi da sempre e hanno il diritto di scegliere con chi vogliono stare. I nostri pochi italiani purtroppo si dovranno adattare, non cambierà nulla, solo il passaporto, la lingua è la stessa, non capisco tanto allarmismo. Chiamano la comunità internazionale a loro difesa ...ma difesa da chi?? Nessuno le vuole cacciare come nessuno vuole cacciare i Tatari che vivono lì da sempre. Mha...staremo a vedere... !! Poi non capisco perché i Russi della Crimea debbano avere meno diritti dei Curdi, Palestinesi, Kosovari, Bosniaci, Tibetani, ecc.

ernestorebolledo

Ven, 14/03/2014 - 16:29

Non credo che la Russia vuole fare del male a Italia. deve essere una campagna per isolare Russia

nino47

Ven, 14/03/2014 - 16:40

@ANTONIO1956: in un mio altro post dicevo praticamente le stesse cose : accettare i fatti con rassegnazione,perche' nulla cambiera' ma in compenso sotto il carattere fermo di Putin (che io certo NON ammiro) ci sara'piu' stabilita'...e poi...ricorrere alla UE per chiedere aiuro, equivale a riparasi dove piove!!!

ernestorebolledo

Ven, 14/03/2014 - 17:03

E 'molto cinismo L'Ucraina è economicamente in bancarotta nessuno vuole o può pagare i propri debiti o il consumo di gas e petrolio ottengono dalla Russia l prospettive di sviluppo e di prosperità in Ucraina sono a zero Io non credo nell'amore Merkel, l'amore per l'Ucraina dopo aver visto come si è comportata in Italia e in Grecia

Fracescodel

Ven, 14/03/2014 - 17:29

Prego IlGiornale di SMETTERLA di prenderci per il culo con queste squallide propagande, atte solo a plagiarci per sostenere delle politiche CRIMINALI contro la Russia e il "legale" e sacrosanto diritto della REPUBBLICA AUTONOMA DELLA CRIMEA di autodeterminarsi con un referendum sovrano...alla faccia delle palle che ci raccontano USA, EU, e voi giornalisti vigliacchi, che il referendum e' illegittimo e che fate passare la Russia da invasore invece che da salvatore quale e' veramente (ricordo che le ribellioni sono state create, finanziate e pilotate da USA ed EU per completare un'altro colpo di stato criminale in un'altro paese sovrano...in questo casa addirittura avvicendando UN GOVERNO DEMOCRATICAMENTE ELETTO). Un avviso al nostro governo: che si guardi dal renderci complici criminali delle politiche infami e guerrafondaie millantate dal G7 e dalla NATO! Vergogna. La Russia ha ragione da vendere; la Crimea e gli italiani in Crimea staranno parimenti bene sotto l'auge Russo; e le ingerenze USA, EU, NATO, G7 sono atti criminali inqualificabili che tradiscono in primis noi popoli che non veniamo rappresentati.

killkoms

Ven, 14/03/2014 - 18:33

@ernestorebollendo,hai ragione!perchè l'Ue minaccia ka russia per prendersi un'altra grecia?

Ritratto di bracco

bracco

Ven, 14/03/2014 - 20:33

Se sperano nell'Europa e meglio che si arrangino da soli, USA e Europa che hanno appoggiato bande fasciste, e bande teppistiche e delinquenti comuni nulla possono fare se non soffiare sul fuoco di in cui si trovano tanti disperati, stiano tranquilli con la Russia andranno a stare meglio

ernestorebolledo

Ven, 14/03/2014 - 21:01

Mi è piaciuto l'articolo, un buon giornalista, in parti testare i limiti.

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Ven, 14/03/2014 - 21:18

Fidanza farebbe bene a pensare come proteggere Fratelli d'Italia dal rischio di estinzione... L'unico vera protezione che gli Italiani di Crimea dovrebbero pretendere è dalle mire degli USA appoggiate dai loro scendiletto europei! All'interno di questa azione protettiva bisognerebbe informare dettagliatamente i suddetti Italo-crimei (che brutta questa parola che mi sono inventato!) sulle bellezze della secessione del Kosovo provocata-finanziata-imposta dagli USA alla Serbia (con naturalmente dietro l'Europa scodinzolante), dei magnifici affossamenti finanziari-sociali-produttivi-politici attuati da Merkel, Obama, BCE e finanza internazionale a danno di Grecia, Italia, Spagna, Portogallo e presto Croazia & Co. Bisognerebbe mandargli un curriculum-vitae degli eroi serbi di Otpor-Canvas che hanno istruito, diretto e armato (con pozzi di soldi americani) i 20mila che hanno defenestrato un governo legittimo di 40milioni di Ukraini. Bisognerebbe mandargli un po' di rapporti veri sul macello che sono riusciti a fare in 70anni i nipotini italiani di quello Stalin che li ha fatti soffrire così tanto; bisognerebbe fargli sapere che a noi Italiani, un comunista che è tale dal '45 e in parlamento dal '53 ci ha proibito per 3 volte consecutive di fare democratiche elezioni. Bisognerebbe che la Sig.ra Giacchetti Boico stesse ben lontana da tutto ciò che anche solo di striscio la possa collegare ai nostri equi, solidali, democratici succhiasangue rossi "diversamente inginocchiati davanti a Merkel e Obama".... ma soprattutto bisognerebbe dire a Biloslavo di smetterla con con questa propaganda anti-Russia e pro-macellai occidentali o che, perlomeno, mandi questi preziosi documenti di pietismo di facciata a qualche altra testata che la gente che compra ilGiornale non legge neanche via web. Indini, per favore, non si faccia fregare anche lei dalla disinformazione partigiana!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 15/03/2014 - 00:48

Oltre agli italiani in Crimea l'unione europea dovrebbe occuparsi di noi italiani d'Italia che da tre anni siamo costretti a subire governi messi in piedi da un capo di stato comunista. ANZICHÉ OCCUPARSI DELLA LUNGHEZZA DELLE BANANE E DELLE ZUCCHINE L'EUROPA SI PREOCCUPI DELLE TOGHE ROSSE CHE METTONO IN GALERA GLI AVVERSARI POLITICI.

Ritratto di giubra63

giubra63

Sab, 15/03/2014 - 02:00

Nella Crimea, ex-colonia della Repubblica di Genova, vivono ancora molti italiani discendenti dai genovesi, e anche con immigrazioni avvenute dopo la liberazione da parte della Russia strappandola all'Impero Ottomano che la schiavizzava e l'aveva conquistata ai genovesi, non é mai stata ucraina. Ai tecnocrati europei bisogna ricordare la ex.jugoslavia, quando Slovenia e Crozaia se e andarono, ed anche il Kossovo. Quindi é giusto il referendum per l'autodeterminazione. A proposito: l'Italia non deve dare i 2 miliardi di euro, che ci pensi la Germania, visto che vuole fare dell'Ucraina una sua colonia.

Ritratto di giubra63

giubra63

Sab, 15/03/2014 - 02:04

a proposito la Crimea é stata donata da krusov all'Ucraina quando Russia e Ucraina facevano parte di uno stato unitario denominato URSS, vi ricordate? quindi la Crimea é russa dal 1700, e ucraina dal 1950 circa.

fedele50

Sab, 15/03/2014 - 08:20

tornino a casa italia attraverso la libia , li saranno raccattati dai nostri di marelorum e, avranno di tutto e di più, casa lavoro soldi e un alloggio sicuro, gli italiani sono molto riconoscenti...........

Ritratto di Azo

Azo

Dom, 16/03/2014 - 07:07

Tutto questo che sta succedendo in Crimea,è una prova per il parlamento europeo. I bocaccioni che stanno a Brussel , compresa la Merkel e Hollander, sono solamente capaci di erogare tasse per pagarsi gli stipendi,+ i premi + gli sfarsosi lussi che si permettono. Ma quando arriva il momento cruciale, ( come questo,che sta esplodendo ) allora si vede di che pasta sono fatti. QUELLO CHE SUCCEDER? A QUESTA CASTA, NON IMPORTA!!! TUTTI I CONFLITTI,SONO CAUSATI DA UNA MANCIATA DI "CAPITALISTI, AVIDI DI DANARO CHE CON IL LORO INFLUSSO CORROMPONO LE IDEE DELLA POPOLAZIONE. IL BELLO DI TUTTO CIÒ E`CHE LA GUERRA SARA FATTO E LA POPOLAZIONE NE SUBIRÀ TUTTE LE CONSEGUENZE, MENTRE QUEL BRANCO DI EGOISTI SI PRENDERÀ GLI ALLORI E IL POTERE.

angelomaria

Dom, 06/04/2014 - 21:26

sene sono gia'lavate le mani o diciamo sela sono fatta sotto!!!