Fonti siriane: "I giornalisti italiani stanno bene"

Fonti dei ribelli assicurano: "Sono stati fermati e non sequestrati". Presto saranno accompagnati in Turchia: già domani potrebbero essere in Italia

Andrea Ricucci, uno dei quattro reporter italini rapiti in Siria

Stanno bene i quattro reporter bloccati in Siria. Lo dice una fonte vicina ai ribelli siriani che assicura: "Sono stati fermati e e non sequestrati. Saranno presto liberati e accompagnati in Turchia. Sono in buone condizioni di salute e i combattenti che li hanno fermati li trattano benissimo e già domani potrebbero rientrare in Italia". I ribelli starebbero effettuando solo "accertamenti per verificare che si tratti di giornalisti e non di spie come pensato in un primo momento".

Parole che confortano, ma che non placano l'ansia per la sorte del giornalista Rai Amedeo Ricucci, il fotografo Elio Colavolpe, il documentarista Andrea Vignali e la freelance Susan Dabbous, nelle mani dei ribelli ormai da diverse ore. I quattro erano nel Paese per girare un reportage per la trasmissione "La storia siamo noi". Sono in corso contatti costanti per garantirne il rilascio, ma fonti riservate vicine alla vicenda fanno notare come "casi del genere siano border-line", e dunque "i più delicati" da risolvere. L’Unità di Crisi della Farnesina si è attivata subito ed è in costante contatto con i familiari.

I quatrro reporter sono stati presi in una zona del nord del Paese in larga parte controllata dai ribelli dove i combattimenti sono frequenti e già molti operatori dei media stranieri sono stati rapiti, imprigionati o fermati. Vista la vicenda delicata, la Rai chiede un "responsabile silenzio stampa: notizie sommarie o imprecise potrebbero nuocere all’incolumità dei colleghi, nostra unica priorità".

Commenti
Ritratto di serjoe

serjoe

Sab, 06/04/2013 - 10:58

ci vuole del fegato ad operare in quelle zone. I Maro' al confronto sono 2 conigli.

sale.nero

Sab, 06/04/2013 - 11:07

...ma starebbero meglio ... liberi!

Ritratto di Pdorrrr

Pdorrrr

Sab, 06/04/2013 - 11:15

....e sappratutto sanno che potranno contare sulla coppia infallibile Monti-Napolitano.

eovero

Sab, 06/04/2013 - 11:16

sbagli serjoe,se i giornalisti sono meridionali come si legge dai nomi...lì è come fossero a casa..

sale.nero

Sab, 06/04/2013 - 11:24

serjoe ... non ho capito!! cosa c'entrano i marò!! Si metta al loro posto e poi si giudichi!!

agrimensore

Sab, 06/04/2013 - 11:34

Un'altra India ? Non ci sarebbe niente da meravigliarsi col governo girella che abbiamo !

Ritratto di paola29yes

paola29yes

Sab, 06/04/2013 - 11:58

se li liberassero e lo spero col cuore, mortimer farà il pavone!

Ritratto di EstiqaatsiX

EstiqaatsiX

Sab, 06/04/2013 - 12:15

Qualche indiscrezione sul costo previsto per il "salvataggio" per i contribuenti italiani...?

ingenuo39

Sab, 06/04/2013 - 12:24

"I giornalisti italiani stanno bene" Benissimo per la loro incolumità. Adesso, parliamo seriamente, quanto ci verrà a costare, con tutti i sistemi di informazione esistenti al mondo senza dover partecipare3 di persona e visto "dopo" i risultati e la qualità dei reportage, e sopratutto chi pagherà il "sicuro" riscatto che ci verrà richiesto?

tziubakis

Sab, 06/04/2013 - 12:26

Speriamo che se li tengano. Almeno una dozzina di anni. Che palle tutti questi giornalisti che vanno a creare problemi allo stato in ogni parte del ,spesso anche con risvolti tragici

viento2

Sab, 06/04/2013 - 12:38

serjoe-visto che i Marò sono conigli la prossima missione di scorta mandiamo lei cuor di leone poi i giornalisti in questione x il loro lavoro sono ben retribuiti mica prendono lo stipendio da fame dei soldati

mar75

Sab, 06/04/2013 - 12:52

@eovero: che commento "intelligente".... Ma lei è blues188 con un altro nick? Il livello delle stupidaggini che scrivete è lo stesso.

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 06/04/2013 - 13:26

Chissenefrega, muore tanta gente e non frega niente a nessuno, appena sono giornalisti apriti cielo, che se li tengano. Se ne stiano a casa.

fabio longhi

Sab, 06/04/2013 - 14:26

I soliti giornalisti comunisti che ci costeranno un sacco di soldi. Che cosa andate a fare in Siria? Non vi basta le veline di Assad e dei Paesi occidentali? Incontentabili. (foreza Amedeo)

fabio longhi

Sab, 06/04/2013 - 14:29

I soliti giornalisti comunisti che ci costeranno un sacco di soldi. Che cosa andate a fare in Siria? Non vi bastano le veline di Assad e dei Paesi democratici? (forza Amedeo!)