Leggi la preghiera punk delle Pussy Riot

Ecco il testo tradotto della "preghiera punk" cantata dalle Pussy Riot nella loro performance anti Putin nella cattedrale moscovita di Cristo Salvatore

Ecco il testo tradotto della "preghiera punk" cantata dalle Pussy Riot nella loro performance anti Putin nella cattedrale moscovita di Cristo Salvatore e che è costata al gruppo la condanna per atti di vandalismo motivato da odio religioso.

"Madre di Dio, Vergine, caccia via Putin! caccia Putin, caccia Putin!
Sottana nera, spalline dorate.
Tutti i parrocchiani strisciano inchinandosi.
Il fantasma della libertà è nel cielo.
Gli omosessuali vengono mandati in Siberia in catene.
Il capo del Kgb è il più santo dei santi.
Manda chi protesta in prigione.
Per non addolorare il santo dei santi le donne devono partorire e amare.
Spazzatura, spazzatura, spazzatura del Signore.
Spazzatura, spazzatura, spazzatura del Signore.
Madre di Dio, Vergine, diventa femminista.
Diventa femminista, diventa femminista.
Inni in chiesa per leader marci, una crociata di nere limousine.
Il prete viene oggi nella tua scuola.
Vai in classe, portagli il denaro.
Il Patriarca crede in Putin.
Quel cane dovrebbe piuttosto credere in Dio.
La cintura della Vergine Maria non impedisce le manifestazioni.
La Vergine Maria è con noi manifestanti.
Madre di Dio, Vergine, caccia via Putin.
Caccia via Putin! caccia via Putin!».

Commenti

flashpaul

Ven, 17/08/2012 - 18:46

Se questo non è delirio.... Le proteste si possono fare in maniera molto più seria e credibile con tutti gli strumenti informatici che si hanno a disposizione sempre che si abbiano ragioni ben documentate e sostanziose. Ma perchè tanta pubblicità per queste sceme?

andrea24

Dom, 19/08/2012 - 00:21

"Vergine diventa femminista" è una bestemmia.

andrea24

Dom, 19/08/2012 - 20:20

E' una bestemmia comunque tutto l'operato.

Sisti Michele

Mer, 16/01/2013 - 21:30

«fare le proteste in modo più serio» è un'assurdità: la Russia è un paese grande e popoloso, c'è un numero incredibile di persone che probabilmente confonde gugol con Gogol e pensa che Gogol sia un amico di gioventù di Stalin. credo che a Dio la verità tutto sommato non dispiaccia e queste ragazze hanno sicuramente in comune una cosa con gli scemi: il coraggio. ma che ci vuoi fare? in fondo, oggi, sì può portare il crocefisso in processione anche dentro una limousine nera, l'importante è che qualcuno PAGHI LA LIMOUSINE.

Sisti Michele

Mer, 16/01/2013 - 21:43

Una protesta seria non è mai "seria", una protesta credibile non è mai "credibile", una protesta fatta come Dio comanda è sempre una bestemmia contro un dio falso, contro quella divinità che il sovrano e l'arcivescovo invocano ogni tre per due in nome dell'ordine, della disciplina e... delle loro prerogative. La Russia, se non lo sapeste, è un paese grande, molto grande, e popoloso, davvero molto popoloso. Nelle campagne la gente crede alla stessa tiritera da almeno mezzo secolo o più. Se in un paesino chiedi di Gugol è possibile che qualcuno lo confonda con Gogol e alle volte se chiedi di Gogol qualcuno potrebbe dirti che era un amico di gioventù di Stalin. Queste ragazze hanno una cosa in comune con gli scemi: non sono delle vigliacche. E si è visto.