L'Irak alla prova di maturità Primo voto senza americani

Le prime elezioni parlamentari in Iraq dopo il ritiro delle truppe americane nel 2011 si sono svolte con successo, nonostante gli attacchi dei terroristi legati ad Al Qaida. Una prova di maturità in un Paese scosso da una nuova ondata di violenze scaturita dall'atavico braccio di ferro fra sciiti e sunniti.
Ieri 20 milioni di iracheni sono stati chiamati alle urne per scegliere fra oltre 9mila candidati i 328 parlamentari dell'assemblea nazionale, che eleggerà il primo ministro ed il presidente. Nelle urne si sfidavano 39 coalizioni, ma il favorito è il blocco «Stato di diritto», che sostiene il premier uscente Nouri al Maliki appoggiato sia dagli Usa che dall'Iran.
«La nostra vittoria è certa, ma aspettiamo di vedere di che misura», ha affermato Maliki dopo aver votato. Il premier sciita al suo secondo mandato ha invitato gli iracheni a recarsi in massa alle urne «per mandare un segnale di deterrenza, uno schiaffo in faccia ai terroristi». L'affluenza è stata soddisfacente nonostante una serie di attentati abbiano provocato 17 morti. Nella provincia sunnita di Anbar, al confine con la Siria, soprattutto a Falluja ed in parte a Ramadi i seggi sono rimasti chiusi. Dallo scorso dicembre le tribù sunnite locali si sono alleate con al Qaida contro il potere sciita a Bagdad. Questo mese in Iraq sono morte oltre 500 persone per attentati e violenze settarie e dall'inizio dell'anno 2700.
La rivolta sunnita nella provincia di Anbar è alimentata dalla guerra in Siria. Le frange estreme della ribellione contro Damasco considerano i due paesi un solo terreno di battaglia dove fondare un Califfato secondo l'ideologia di Al Qaida. Non solo: L'Arabia Saudita preoccupata per il rischio di venir spodestata dall'aumento della produzione petrolifera dell'Iraq governato dagli sciiti, sta alimentando sotto banco l'insorgenza sunnita.
La minaccia del terrore non ha impedito al Paese di andare alle urne. Il segretario di stato americano, John Kerry, ha elogiato «il coraggio» di milioni di elettori. Washington sta accelerando la consegna a Bagdad di 36 caccia F-16, 24 elicotteri Apache e 500 missili Hellfire per fronteggiare Al Qaida.
La lotta al terrorismo è stata uno dei cavalli di battaglia della campagna elettorale del premier uscente Maliki. In realtà le indiscrezioni sul voto di poliziotti e militari, che si è tenuto lunedì, indicano che il capo del governo non ha ottenuto un buon risultato. Maliki è accusato di aver marginalizzato i sunniti provocando l'insana alleanza fra tribù e terroristi nella provincia di Anbar. Adesso propone una grande coalizione aperta «ad arabi, curdi, turcomanni, musulmani, cristiani, a patto che credono nell'unità dell'Iraq».
La coalizione del primo ministro non teme il fronte sunnita, che si è presentato alle urne più diviso che mai. La spina nel fianco è la crescita di nuove compagini sciite, che riusciranno a rosicchiare la maggioranza al premier uscente. In ogni caso il governo sarà di coalizione ed i tempi per formarlo lunghi e tribolati. L'alleanza politica sciita al Muaten (il cittadino) guidata da Ammar al Hakim potrebbe aggiudicarsi la guida del prossimo esecutivo. L'ago della bilancia è rappresentato più che mai dai curdi, che vivono nei loro territori al Nord in una specie di altro Iraq, polo di attrazione per gli investimenti stranieri. Il nodo da sciogliere sarà lo sfruttamento del petrolio e l'esportazione che i curdi gestiscono da soli.
www.gliocchidellaguerra.it

Commenti
Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 01/05/2014 - 11:16

L'occidente dovrebbe guardarsi dalla possibilità, tutt'altro che remota, che questo scambio di cortesie a colpi di tritolo tra i figli di Allah non venga esportato sotto il proprio cielo. A rate, sui barconi.

Ritratto di stock47

stock47

Gio, 01/05/2014 - 16:00

l'Irak alla maturità? Non posso crederci! Tra i giornalisti ci sono ancora chi ci crede che la democrazia sia esportabile in nazioni islamiche! Da quelle parti sono divisi in tre grandi gruppi etnici, ormai lo sanno anche gli infanti: sunniti, sciiti e armeni. Gli armeni per ora se ne stanno tranquilli nel loro territorio perchè i sunniti e gli sciiti sono occupati, per il momento, a scannarsi tra di loro, con bombe e attentati vari, in maniera illegale o per via legale, salvo ripassare alle maniere forti se non prevalgono. I sunniti hanno da sempre l'appoggio dell'Arabia Saudita mentre gli sciiti hanno l'appoggio dell'Iran dei fondamentalisti. Fin tanto che una delle due fazioni non prenderà il controllo totale, continueranno ad esserci attentati e l'apparenza democratica sarà solo una scusa nei confronti dell'occidente e di tutti i fessi che vi credono. Il controllo di una delle due fazioni si vedrà quando incominceranno i fastidi contro gli armeni. Salame leck!

Raoul Pontalti

Ven, 02/05/2014 - 15:20

Il bastone del morto che parla (stock47) scambia orrendamente i Curdi con gli Armeni...E' una cappella oltretutto infame perché i Curdi (sunniti ma di stirpe iranica e quindi indoeuropea e non turco-tatara o semitica) sono stati storicamente i massacratori degli Armeni nel corso dei secoli e in quello appena avviatosi anche degli Assiri (sì i discendenti di quelli della Bibbia che già nei primi secoli della nostra era si convertirono tutti al cristianesimo). Confondere vittime con carnefici può solo uno che comincia con la grappa sin di prima mattina.

giuliana

Dom, 04/05/2014 - 15:21

Poverette, cos'hanno vinto, forse un nuovo sacco della spazzatura dentro cui nascondersi per la vergogna di essere nate donne? Il termine "democrazia" senza il riconoscimento dei diritti umani, è solo la vittoria della maggioranza. Se la maggioranza è formata da cannibali, pedofili e stupratori...significa che saranno governati da cannibali, pedofili e stupratori.