Maledizione islamica contro la top model: "Premio a chi la sfregia"

La sua colpa: è in uno spot pro contraccezione voluto dal governo. Gli integralisti: "Diecimila dollari a chi le getta l'acido sulla faccia"

Lo spot è davvero banale e infantile, e se non fosse per il condom incriminato verrebbe sdoganato tra quelli che muovono a qualche sorriso e nulla più. Eppure in Pakistan una celebre modella, Mathira Mohamad, è incappata nelle ire di Al Qaeda per aver fatto da testimonial a una marca di preservativi. «Diecimila dollari e la benedizione di Allah a chi sfigura il viso di quella prostituta», tuona Farouk Moutallab, uno dei leader più influenti della cellula jihadista a Islamabad.
C'è odio, disprezzo e rancore nel suo appello delirante. Mathira, 29 anni, una sorta di Paris Hilton d'oriente, ci ha messo la faccia, ma non vuole certo rimettercela per quello spot che è andato in onda nel mese di agosto sulla tv di Stato. Il canale PTV ha dovuto ritirare le immagini sia per le minacce qaediste che per le denunce presentate da alcune organizzazioni islamiche «pacifiste» che non hanno perso l'occasione per definire la starlet «una meretrice senza il minimo senso del pudore». La ragione del contendere è racchiusa in un filmato di cinquanta secondi. Mathira appare per pochi istanti, non tiene tra le mani la confezione di preservativi, che appare solo negli ultimi fotogrammi, ma si limita a consigliarne l'uso a una coppia di innamorati. In un Paese islamico parlare di condom è ancora un argomento indigesto, anche se il ministro per la Salute, la signora Saira Afzal Tarar, in accordo con il premier Nawaz Sharif, aveva dato il suo beneplacito alla realizzazione dello spot, che ha avuto anche un sequel nella cartellonistica a Islamabad, Karachi e Lahore. Ora pure i manifesti sono stati rimossi, molti bersaglio di atti di vandalismo, imbrattati con la vernice o «autografati» con l'universale epiteto «bitch».
«Non ci aspettavamo una reazione così violenta», si legge in una nota ministeriale che rivela «la volontà di proseguire nel programma di prevenzione sulle malattie veneree». Pur spaventata, Mathira non ha perso l'entusiasmo per quella che lei ritiene «una battaglia di civiltà. Ho accettato di fare da testimonial - ha spiegato - perché i pachistani hanno bisogno di consapevolezza. Non si può vivere nel regno delle favole. La prostituzione è diffusa come in Occidente e anche a queste latitudini l'aids sta diventando una piaga sociale. Però si preferisce far finta di nulla». Secondo il messaggio sconclusionato di Al Qaeda la donna sarebbe al servizio di Israele, che tenterebbe attraverso il suo volto noto e affascinante, «di pubblicizzare il condom per ridurre le nascite in Pakistan e privare Allah del suo esercito di combattenti. Per queste ragioni il volto ammaliatore e impuro va cancellato con l'acido».
Parole terribili che hanno indotto la modella a lasciare il Pakistan. Negli ultimi giorni è stata avvistata dalle parti dei magazzini «Liberty's» di Londra, marcata stretta dagli uomini della sua agenzia. Pur vivendo la condizione della rifugiata si smarca dalle accuse mosse dai jihadisti. «Al servizio di Israele? Non ho percepito alcuna somma di denaro per girare lo spot. Sono pakistana e ho a cuore i problemi della mia nazione. Fortunatamente non siamo tutti integralisti. L'islam è sano. Quello che mi sta capitando va oltre qualsiasi concezione religiosa. Il fanatismo è più spaventoso dell'acido».
Sulla vicenda Juan Enrique Garcia, responsabile commerciale per il Medioriente del marchio dei condom, appare turbato. «Mathira era la ragazza ideale per girare quei cinquanta secondi. È giovane, affascinante ed emancipata. Siamo dispiaciuti che sia accaduto tutto questo». L'essere emancipate viene scambiato per diabolica tentazione. Chiodo fisso dei fanatici che si nascondo dietro al nome di Allah.

Commenti

Tobi

Sab, 28/09/2013 - 08:57

Terribile sfigurare con l'acido una giovane e bella donna, o qualunque altra persona. Peccato però che la "cultura" odierna ritenga ormai normale uccidere con una pillola di acido la vita nascente (le varie pillole cosiddette contraccettive ma nei fatti abortive). Non è altrettanto terribile ciò? Se non si da alcun valore alla vita nascente, che valore volete possa essere attribuito a qualunque altra persona, a prescindere che sia embrione o infante o adulta? Le persone così diventano mere consumatrici di prodotti delle multinazionali contraccettive/abortive. Loro si che ci guadagnano, la società meno.

franz44

Sab, 28/09/2013 - 09:15

e questo sarebbe l Islam che dicono moderato. Iniziamo a selezionare chi viene nel nostro paese, altrimenti siamo destinati a sparire come l'Impero Romano franz

Ritratto di Aurora Aronsson

Aurora Aronsson

Sab, 28/09/2013 - 09:26

Il problema è la religione della pedofilia e dell'assassinio degli infedeli. Non c'è un paese musulmano che - nonostante soldi senza fine dal petrolio - non sia arretrato e liberticida: in tutti vige l'apartheid contro le donne e l'oppressione delle stesse, diseguaglianza di diritti di fronte alla legge, nonché assenza di diritti civili e giuridici per non musulmani. Dove ciò non succede è perché la costituzione è anti-islamica. È ora che tutto il mondo civile, cioè gli altri 4,5 miliardi di persone, si sveglino!

cgf

Sab, 28/09/2013 - 09:33

meglio darsi da fare per prendere 10 MILIONI di dollari per dare informazioni per la cattura del mullah Mohammed Omar se proprio non si vuole fare in proprio, in quel caso sarebbero 25 milioni.

paolonardi

Sab, 28/09/2013 - 10:06

Voces clamantes in deserto! Interventi di estremo buon senso, ma proprio per questo, non possono diventare patrimonio degli ottusi pronunciatori di slogan per la loro ancestrale incapacità di raziocinio. I primi della fila, che predicano l'accoglienza a tutti i costi, sono il parroco di campagna che chissà perché si e' travestito da pontefice e il (Boldrini questo e' italiano corretto!) ministro oculista che non riuscendo a fare il medico, come Il sindaco di Roma, si e' dedicato ad altro.

buri

Sab, 28/09/2013 - 10:10

le converrà espatriare se vuole vivere tranquilla e non è detto che anche all'estero sia al sicuro

aredo

Sab, 28/09/2013 - 10:45

Ecco i santi compagnucci della sinistra.. gli islamici.. il loro nuovo amore. Accantonati gli ebrei, che ora possono essere sterminati alla Stalin dai '68ini comunisti, il loro nuovo amore sono gli islamici...

aredo

Sab, 28/09/2013 - 10:46

@buri: grazie alla Chiesa cattolica cattocomunista ed alla sinistra '68ina oramai ovunque è infestato da criminali pazzi esaltati islamici pronti a fare attentati ed a picconare impunemente la gente per le strade. Tanto i compagni magistrati di sinistra non li toccano. Anzi li premiano.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 28/09/2013 - 10:49

#Tobi. I normali contraccettivi in commercio non sono affatto abortivi. Impedendo, di fatto, solamente l'ovulazione. Altra cosa è la pillola "del giorno dopo" cui forse Ti riferisci. Resta sempre attuale, comunque, il giudizio tutt'altro che lusinghiero sulla grande civiltà islamica di cui alcuni babbei nostrani sono strenui e fieri difensori.

Ritratto di stegalas

stegalas

Sab, 28/09/2013 - 11:17

Presto anche noi avremo queste bellezze. No, non la modella. Il maomettano che mette taglie sulla gente...

giuliana

Sab, 28/09/2013 - 12:02

I musulmani sono ossessionati dal sesso, tutto il loro mondo ruota intorno al loro pisello. Non basta un preservativo per limitare la nascita di idioti. Per impedire la moltiplicazione di fuori di testa (anche questa ragazza molto normale non è se definisce "sano" l'islam'islam), ci vuole la castrazione fisica.

enron

Sab, 28/09/2013 - 12:33

non fino a questo punto, ma mi sembra che pure i cattolici e altre chiese e religioni non siano troppo teneri sulla contraccezione. negli USA poi sono stati uccisi medici che praticavano l'aborto da fanatici cristiani. l'ortodossia e il fanatismo religioso purtroppo non è un'esclusiva di un solo paese o una sola religione.

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 28/09/2013 - 12:42

I nostri futuri padroni. Ho la vaga impressione che tra vent'anni, di questo passo con l'invasione strisciante benedetta da comunisti e preti, il motto femminista, la f... E' mia e la gestisco io, non varrà' più'.

gibbivu

Sab, 28/09/2013 - 13:20

TOBI: sei completamente fuori strada. i preservativi servono ad impedire gravidanze indesiderate, ma soprattutto per difendersi dalle malattie veneree anche mortali. in paesi dove l'abuso sessuale ai danni delle donne rappresenta una terribile piaga, parlare di contraccettivi consigliati e voluti dal ministero della sanità è espressione di rispetto. ti consiglio di leggere il libro "dietro il velo" oppure qualche pagina di cronaca o testimonianze di quella schifezza che si perpetra sulle donne. La pillola contraccettiva impedisce la fecondazione dell'ovuto. La pillola del giorno dopo invece potrebbe uccidere una cellula uovo gia' fecondata, ma non puo' un uomo sindacare sulla decisione di una donna a ricorrere a questo farmaco. Ogni caso va' visto a sè, perchè NESSUNO puo' sapere le ragioni giustificatrici di questa decisione.

andrea24

Sab, 28/09/2013 - 13:42

Una volta compiuta la corruzione dei costumi in Occidente,dagli anni cinquanta vi è stata infatti una escalation,si continua nel mondo arabo islamico,ma la vedo dura.Va detto che la corruzione è sempre progressiva.

Ritratto di Kayleigh

Kayleigh

Sab, 28/09/2013 - 14:15

Il messaggio di Tobi è ridicolo. Una donna ha tutto il diritto di abortire se lo ritiene opportuno. Naturalmente prima di arrivare a tanto bisognerebbe pensarci prima, non per niente esistono i contraccettivi e i preservativi. Ciò non toglie che una gravidanza indesiderata è giusto che non venga portata avanti. Detto questo, che poco c'entra in realtà con l'articolo, trovo aberrante il messaggio del santone musulmano di turno, vergognoso e spregevole. E questa sarebbe civiltà? E noi dovremmo accettarla passivamente? No, mai.

andrea24

Sab, 28/09/2013 - 14:43

Così come la stessa Chiesa ha contrastato la propaganda di questo genere in Africa,lo stesso si può dire relativamente ad altri luoghi.

maxaureli

Sab, 28/09/2013 - 14:53

Aurora Aronsson, il suo commento e' alquanto contraddittorio a cio' che lei ha scritto in un'altro sito (the algemeiner.com). Lei scrive: - "Women are NOT equal to men. EACH ONE HAS HIS/HER ROLE." - "Judaism IS NOT about equality at all, but about valuing the difference, about DIFFERENTIATION and at times even separation." - "We thank God for differences and separation." - Traduzione del suo commento: Le donne non sono uguali agli uomini, ogni uno (donna/uomo) ha le sue regole. Il Giudaismo non e' per l'uguaglianza, ma valuta le differenze, e' la Differenziazione e a volte anche la separazione. Ringraziamo Dio per le differenze e separazioni. - Il suo commento gentile Aurora Aronsson, scritto da una Giudea Ortodossa, non si "DIFFERNZIA" affatto da un commento scritto da un fondamentalista Islamico. Come dire, il commento da lei riportato oggi su Il Giornale, mi ricorda, con tanto suo rispetto, un vecchio proverbio Italiano: Il bue che dice cornuto all'asino. Concludo a scanzo di equivoci con queste parole: ringrazio di cuore Dio per il Riformismo Giudaico nel quale crede nella equalita' tra uomo e donna.

Ritratto di Aurora Aronsson

Aurora Aronsson

Sab, 28/09/2013 - 14:56

@ enron: non facciamo d'ogni erba un fascio. Per l'ebraismo, questa cosa tanto vituperata quanto ignota in Italia, la contraccezione è addirittura obbligatoria se la donna ha problemi di salute che possono essere aggravati da gravidanze (da cose che non pongono rischi immediati, come vene varicose, che però possono porli in futuro, al diabete e l'ipertensione, che rappresentano un rischio immediato), ed è assolutamente permessa per spaziare le nascite. L'aborto, anche fino al termine della gravidanza se non ci sono alternative, è permesso, anzi, obbligatorio, se la vita e la salute della madre sono in pericolo (non certo come contraccettivo!!). Infatti, il feto è considerato parte del corpo della donna e, quando ne mette in pericolo la vita, come un inseguitore intenzionato a uccidere che va fermato a tutti i costi, anche a quello della sua vita. Infatti, che sia parte del corpo della madre è dimostrato da quanto scritto nella Bibbia, dove un uomo provoca involontariamente un aborto a una donna incinta. Se lei non muore, la pena è pecuniaria, come se le avesse danneggiato un arto o un organo, pena pecuniaria che sarebbe impossibile se si trattasse d'omicidio.

Ritratto di stock47

stock47

Sab, 28/09/2013 - 15:02

La cosa buffa di questi pazzi fantici è che fanno tutto questo casino per una questione sessuale non rilevante mentre fantasticano di scoparsi nell'al di là 72 vergini e di poterle deflorare in continuazione, visto che la loro verginità si rigenera continuamente, in un abbandonarsi in una lussuria senza freni e limiti, oltre a riempirsi di ettolitri di bevande alcoliche. Il tutto è però vietato nella vita reale dell'al di qua, come se fosse un delitto imperdonabile che meriti solo la morte. La logica gli fa evidentemente difetto ma d'altronde, occorre dire, che essi da sempre rifiutano la logica perchè secondo loro essa può essere modificata, in un senso o nell'altro, dall'intervento di Dio. L'unica cosa che rimane da chiederci è se sia possibile accettare gente del genere, fanatici senza regole che l'assassinio altrui e il disprezzo per chiunque non sia dei loro, fra noi occidentali figli della logica e del rispetto per tutti, oltre che dell'eccessivo perdonismo e buonismo, che decade nel vero e proprio suicidio.

Ritratto di Aurora Aronsson

Aurora Aronsson

Sab, 28/09/2013 - 15:06

@maxaureli: Uguaglianza DI FRONTE ALLA LEGGE, non vuol dire UGUAGLIANZA TOUT COURT. È triste che lei non si renda conto della differenza, e mi spiace per sua moglie, o marito che sia. Io sono diversa da un uomo - e ne vado fiera. Lascio la confusione ad altri. L'uomo è piú forte, io piú resistente, per esempio. Si faccia qualche studio in materia... Pretendere di negare una natura PROFONDAMENTE DIVERSA non ha causato che disastri. Ne basti uno: in Italia sono oltre vent'anni che c'è un tasso di natalità negativo o vicino allo zero. Senza bisogno di molti sforzi, tra meno di 50 anni al posto delle chiese avrete minareti. Lei, nel frattempo, se la prenda pure con gli Ebrei, cosa nella quale l'Italia ha un'antichissima tradizione.

Tobi

Sab, 28/09/2013 - 15:18

Kayleigh, ma ha capito quello che ho scritto? Eppure mi sembrava di esser stato chiaro. Allora con lei provo ad esserlo ancora di più. Lei scrive "Una donna ha tutto il diritto di abortire se lo ritiene opportuno." Però, così facendo, lei nega il diritto ad un bambino di nascere. Secondo lei quindi il diritto della donna prevale su quello del bambino. Questa mi sembra una prepotenza da parte sua, perché reclamando un suo diritto assegna la morte a qualcun altro. Ed ora mi riaggancio all'articolo per farle comprendere c'entra molto con esso, facendole un domanda. Di che cosa si lamenta lei se poi anche il "santone musulmano di turno" rivendica il suo diritto di violenza? Lei, che mi parrebbe di capire che è una donna, e che è a favore dell'uccisione dei bambini nel grembo di una madre si ritiene meno prepotente del "santone musulmano" di turno? Ci pensi.

Ritratto di Aurora Aronsson

Aurora Aronsson

Sab, 28/09/2013 - 15:18

@maxaureli: lei, evidentemente in possesso di una sfera di cristallo "scarica", etichetta una che non conosce come "Giudea Ortodossa", ma non si rende neppure conto che oggi è Sabato e i "giudei ortodossi" di Sabato non scrivono... UUUPS! Che gaffe!

maxaureli

Sab, 28/09/2013 - 16:25

Gentile Aurora Aronsson, dire a me "se la prenda pure con gli Ebrei" non ha senso. Le mie opinioni riportate da me su Il Giornale o in altri siti giornalistici, non contengono commenti diffamatori o provocatori contro gli Ebrei. Anzi, probabilmente lei ha perso l'occasione di finire di leggere l'ultima frase del mio precedente commento: "Concludo a scanzo di equivoci con queste parole: ringrazio di cuore Dio per il Riformismo Giudaico nel quale crede nella equalita' tra uomo e donna." Lascio ad altri giudicare il resto del suo commento riportato Sab, 28/09/2013 - 15:06. ... Hum... "giudei ortodossi" di Sabato non scrivono... come dire i musulmani non bevono alcolici... LOL LOL Risposta infantile la sua. Shabbat Shalom Aurora, B'ezrat HaShem.

Ritratto di Kayleigh

Kayleigh

Sab, 28/09/2013 - 16:28

@tobi: grazie a Dio sono abbastanza intelligente da capire cosa lei ha scritto, anche senza che me lo parafrasi nel tentativo di renderlo più comprensibile. Posso riflettere quanto vuole, ma di certo non paragono la mia idea di libertà sull'aborto, con la bestialità di questo capo musulmano. Sono stata anche chiara nel premettere che prima di arrivare all'aborto (posso solo immaginare cosa può voler dire dover arrivare a farlo e il dolore che si prova dentro), ci sono tanti modi per evitare una gravidanza indesiderata. Forse lei pensa che una donna che va ad abortire, lo faccia per togliersi un peso o per non dover rinunciare alla discoteca o alla bella vita. Sicuramente ci sono donne che lo fanno per quello e io non le considero neanche degne di appartenere al genere femminile, ma ci sono molte più donne che attuano l'aborto per motivi di salute, economici, o perché vivono in famiglie violente ecc. Lei sente di poterle condannare? Lei crede che meritino la sfigurazione con l'acido? Io no. Saluti.

Ritratto di marforio

marforio

Sab, 28/09/2013 - 16:45

Metodi Mafiosi , che chiaramente dimostrano da dove provengono. L ´occupazione Siciliana degli arabi ,ha lasciato il segno perenne.

Tobi

Sab, 28/09/2013 - 16:50

x Kayleigh: neanche io credo che le donne che abortiscono meritino la sfigurazione con l'acido. Io ho scritto di una mentalità diffusa che fa propaganda all'aborto come diritto a prescindere, e so bene che le donne che abortiscono sono anch'esse vittime (con il figlio) volenti o nolenti. Mi disgusta una società che si indigna (giustamente) se una bella donna è sfigurata con l'acido, mentre tace se a milioni i bambini vengono uccisi nel ventre delle loro madri. Parlare di aiuto e sostegno alle future madri invece niente. E neanche pubblicizzare il parto in anonimato, per poi cedere il bambino sempre in anonimato che poi potrà essere adottato da qualcun altro. Di questo la nostra società non parla. Ci capiamo?

Ritratto di Kayleigh

Kayleigh

Sab, 28/09/2013 - 17:20

@tobi: sono assolutamente d'accordo con lei per quanto concerne la disinformazione riguardo il parto anonimo e sulla mancanza di sostegno psicologico ma soprattutto economico nei confronti delle donne troppo spesso lasciate sole in un momento così difficile. Continuo però a contestarle il paragone tra una donna che decide di abortire e chi mette una taglia su una ragazza colpevole di pubblicizzare dei preservativi. Indipendentemente dalla sua bellezza fisica, anche se fosse storpia non meriterebbe una punizione simile. L'aborto non è un hobby o una passeggiata di salute: pensi alle vittime di stupro fecondate dai loro aguzzini o alle madri bambine vittime anche dell'ignoranza e della loro condizione sociale e/o familiare, fino a coloro che son costrette agli aborti terapeutici. Lungi da me fare la femminista, più volte su questo sito ho espresso il mio disappunto verso certe idee da suffragetta dell'ultima ora, ma su libertà come queste, mi perdoni, ma non transigo.

Raoul Pontalti

Sab, 28/09/2013 - 19:38

Menabellenius se la civiltà islamica è rispetto dei valori dello spirito (e lo è), promozione della cultura (e lo è), difesa della dignità della persona umana dal concepimento sino alla morte (e lo è), io apprezzo la civiltà islamica. Se gli islamici si oppongono alla corruzione morale, alla pornografia dilagante, alla mercificazione dei corpi (prostituzione maschile e femminile), alle pratiche sessuali contro natura, alla distruzione della vita nel ventre della madre o al termine di un'esistenza ritenuta inutile secondo i canoni perversi di un certo occidente, alla disintegrazione della famiglia, etc. io sono il primo e strenuo alleato degli islamici e lo affermo da cattolico tradizionalista. Per i bananas che scambiano lucciole per lanterne: solo per voi il più puro prodotto yankee (pur confezionato sotto la supervisione estetica saudita) ossia al Qaida può rappresentare l'islam e la generalità degli islamici. L'interessata stessa alla minaccia ha già risposto, affermando che quei folli non sono l'islam, così come gli eruttatori padani alla Trota & C. non sono l'Italia e nemmeno la Padania, ma solo il letame decomposto di qualche stalla della pianura.

Ritratto di stufo

stufo

Sab, 28/09/2013 - 19:47

Nulla in contrario se contraggono malattie per l'integralismo contro i preservativi. Però se li usassero, qualche mussulmano in meno.....

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Sab, 28/09/2013 - 20:04

Personalmente mi sconcerta la chiosa finale, "L'essere emancipate viene scambiato per diabolica tentazione. Chiodo fisso dei fanatici che si nascondo dietro al nome di Allah." Mica si NASCONDONO, loro AGISCONO per conto di Allah. Come corano comanda. Abbandoniamo una volta per tutte la pia illusione di un fantomatico Islam moderato. Gli islamici NON attivi sono semplicemente individui che subiscono l'Islam e si adeguano per sopravvivere. Gli altri. gli attivi, di UMANO (inteso come individuo senziente razionale) non hanno nulla.

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Sab, 28/09/2013 - 20:18

Pontalti, ci risiamo. Il matrimonio Orfi e prostituzione legalizzata . Puoi sposare una prostituta e divorziare dopo lo zumzum. Pura ipocrisia. Per quanto riguarda la promozione della cultura altra baggianata. sono così arretrati perchè nel 12° secolo gli Ashariti chiusero la porta della conoscenza stabilendo che tutto ciò di cui ha bisogno l'uomo è scritto nel Corano essendo il creato IRRAZIONALE ed escusivamente volontà di Allah.

sorciverdi

Sab, 28/09/2013 - 22:24

Alla luce di questa ennesima fatwa c'è ancora qualche imbecille che vuole raccontarci che l'islam è un paradiso di pace? Vero nche quanto scrive TOBI ma col suo commento riesce solo a dimostrare che comunque la violenza contro gli altri è TUTTA da condannare. A Tobi vorrei ricordare poi che non è certo che nell'islam l'aborto sia sconosciuto.

Ritratto di marforio

marforio

Dom, 29/09/2013 - 13:22

xkaylight-Io invece proporrei di castrare chi violenta o abusa di minori, si risolverebbe qualcosa, minimo impedira la recidivita del fatto.

Mario Mauro

Dom, 29/09/2013 - 17:44

Beh, almeno quando l'Islam diventerà maggioranza in Europa Barilla potrà dire che preferisce la famiglia composta da uomo e donna. Però è triste vivere in un mondo in cui che potrebbe essere necessario scegliere tra i seguaci del politicamente corretto che, in mancanza di altre opzioni derivate dal comunismo sovietico o dal nazismo, zittiscono e umiliano chi manifesta opinioni diverse dalle loro, e i seguaci del fondamentalismo islamico che minacciano le vite di chi non si sottomette al loro fanatismo.

buri

Lun, 30/09/2013 - 10:44

Speriamo solo che l'occidente ed i nostri vari fautori dell'accoglienza "senza se e senza ma" si ravvedano o ci toccherà espatriare

Ritratto di Aurora Aronsson

Aurora Aronsson

Lun, 30/09/2013 - 12:02

Un mio conoscente usa come firma il seguente testo: Non mi sottometterò (Islam significa sottomissione in Arabo) né mi abbasserò al livello dell'islamicamente corretto - Lan astaslem لن استسلم Siamo di fronte a una minaccia mortale che si chiama Islam. L'Islam è un movimento politico-religioso totalitario e liberticida fondato sul Jihad, con molti punti in comune col nazismo (come Churchill scriveva oltre mezzo secolo fa). Uno dei suoi fondamenti è "territori in cambio di pace": cioè se i non musulmani vogliono vivere in pace devono cedere la sovranità territoriale ai musulmani e in quel caso potranno continuare a sopravvivere come dhimmi, sebbene alla mercé dei musulmani, umiliati, discriminati e sottomessi alla Sharia, cioè quasi senza diritti civili. Lo scopo dell'Islam è sottomettere i non musulmani [Islam in Arabo vuol dire sottomissione, NON VUOL DIRE PACE!], imporre la legge islamica e la dhimmitudine in tutto il mondo, attraverso la conquista degli stati con mezzi occulti ed elettorali ove possibile, per mezzo del terrorismo ove necessario, spesso con una combinazione dei due metodi. Ci sono centinaia di milioni di praticanti e credenti dell'Islam, cosí come c'erano decine di milioni di credenti e praticanti del nazional socialismo. Cercano di tranquillizzarvi dicendovi che l'Islam è solo una religione, intesa in senso occidentale, cioè cristiano; il che è una menzogna, trattandosi di un sistema totalizzante, ma soprattutto intollerante e totalitario, in cui gli elementi giuridici, politici e di culto sono inseparabili. Per abbindolare il pubblico occidentale parlano di un'utopica "età d'oro" andalusa di fioritura e crescita, in cui - sostengono loro - l'Islam avrebbe coabitato pacificamente con Cristianesimo ed Ebraismo; tale asserzione, tuttavia, non ha una base storica ma solo propagandistica e ideologica [vedi, fra gli altri, il libro: Eurabia, di Bat Yeor, che ha raccolto fonti a iosa].

franco@Trier -DE

Lun, 30/09/2013 - 13:00

bella donna io la sfregerei non con acido ma con altra cosa,,

franco@Trier -DE

Lun, 30/09/2013 - 13:02

a voi ebrei il pisello serve solamente per prolificare una volta avuti figli lo usate solamente per pisciare parole sante di una donna Israeliana sposata, io chiedo sempre mi informo voglio sapere....

franco@Trier -DE

Lun, 30/09/2013 - 14:44

Aurora Aurosson ma lo hai mai letto il Corno tu? Io dico che si assomiglia alla religione cattolica,leggilo bene prima poi scrivi.Auronsson il tuo nome mi sembra ebreo, quindi non criticare i musulmani quelli vi fanno un culo come una casa.Allah u Akbar!

franco@Trier -DE

Lun, 30/09/2013 - 14:46

buri con una buona operazione facciale sarebbe apposto magari con il viso della Golda Meyer...

franco@Trier -DE

Lun, 30/09/2013 - 15:15

LETTO IL CORANO

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Lun, 30/09/2013 - 15:38

ho visto una donna col burka ieri. a ripensarci credo sia la miglior forma di preservativo.

maxaureli

Lun, 30/09/2013 - 16:36

franco@Trier -DE... LOL LOL mi fai pisciare sotto dalle risate!!! Altro che Grillo!! LOL LOL .... Se le porte di Auschwitz venissero riaperte solo ed esclusivamente per te io porto le chiavi!! LOL LOL

franco@Trier -DE

Lun, 30/09/2013 - 19:07

ieri in auto sono passato da Dachau di ritorno dal Tirolo bei posti un gran verde questi sono posti salubri a parte ore di code in autostrada.Comunque maxaureli ti consiglio di fare una visita dall' urologo se ti pisci sotto per delle risate la tua prostata non è normale.