Obama: infiltrati della Cia sono già in Siria

Indiscrezione del New York Times sui piani della Casa Bianca

Nel giorno del giallo sui due missili israeliani lanciati nel Mediterraneo orientale, Obama può segnare un punticino a suo favore: il sospirato via libera da parte del Congresso all'azione militare in Siria sembra ormai acquisito. Hanno detto sì sia il capogruppo della maggioranza repubblicana alla Camera Eric Cantor, sia il presidente repubblicano della Camera John Boehner sia la leader della minoranza democratica Nancy Pelosi. Tutti e tre, quasi con le stesse parole, hanno detto che non si può non rispondere all'uso di armi chimiche da parte del regime di Assad e che pertanto sosterranno la richiesta del presidente. Le ali estreme dei due partiti, che con motivazioni opposte dicono no ai raid, sono in minoranza.
Cominciano a filtrare informazioni su azioni americane in Siria diverse dai bombardamenti. Il New York Times riporta che Obama ha indicato ai leader del Congresso che le operazioni clandestine per armare e addestrare i ribelli siriani stanno cominciando a dare risultati: la prima cellula di 50 combattenti addestrati dalla Cia si sta infiltrando in Siria. Inoltre il senatore democratico Carl Levin, presidente della Commissione difesa, si è detto convito dopo aver incontrato Obama che gli Usa s'apprestano a dare «un più robusto sostegno all'opposizione siriana». Levin ha parlato fra l'altro di armi anti-carro: non utilizzabili - ha detto - «contro di noi»..
Gli alleati del regime di Damasco, intanto, sfornano proposte improbabili per evitare che il blitz targato Obama-Hollande abbia effettivamente luogo. L'Iran si dice addirittura disponibile a prendere in custodia l'arsenale chimico siriano per rassicurare gli occidentali che non sarà più usato: otto mesi fa, dice il ministro della Difesa Hossein Dehqan, avevamo avvertito gli americani dell'introduzione in Siria di gas nervini, ma non hanno fatto nulla e adesso pianificano un attacco che mira a rafforzare i nemici di Assad.
Da Parigi continuano a risuonare i più convinti squilli di trombe guerriere a sostegno del piano obamiano. François Hollande ha esortato gli europei a unirsi accennando tra l'altro a prossime riunioni fra i leader e i ministri degli Esteri durante le quali sarà affrontato l'argomento. Dopo le minacciose dichiarazioni di Assad al Figaro, ha detto il presidente francese, siamo ancora più determinati ad agire in Siria, ma non lo faremo da soli. Hollande non esclude di chiedere un voto del Parlamento, ma solo dopo la votazione del Congresso americano.

Commenti
Ritratto di alejob

alejob

Mer, 04/09/2013 - 09:55

Il CAPO finalmente è uscito allo scoperto in Sira dicendo; Infiltrati della CIA, (Criminali Internazionali Autorizzati) ci sono GIA'. Hanno FOMENTATO tutto Questo CASINO, solo per il piacere di ESSERE i più grandi GUERRAFONDAI DEL MONDO. I Sig. dell CIA sono la S.S. Tedesco, del sistema NAZIONALE. A loro tutto è autorizzato, puchè questo tutto, sia favorevole agli USA. Gli USA vengono in prima persona nel mondo, loro si sentono i padroni di fare quello che vogliono su tutti gli STATI. La feccia Americana, dopo aver distrutto, i VERI AMERICANI, ovvero gli INDIANI, ora vogliono distruggere tutti quelli che non si sottopongano al loro volere, fomentando ogni sorta di conflitto pur di portare nel loro carniere ogni sorta di benessere, brutta feccia.

cgf

Mer, 04/09/2013 - 13:35

è da un po che ci sono, altrimenti come avrebbero fatto i 'ribelli' ad avere soldi, armi, munizioni, logistica, istruzione, etc etc ?

Ritratto di W.A.S.P.

W.A.S.P.

Mer, 04/09/2013 - 14:06

ripeto,sono cammellari integralisti terroristi addestrati da israele in giordania...sono gli uomini di al kaeda..obama e occidente vergognatevi!!!

Ritratto di W.A.S.P.

W.A.S.P.

Mer, 04/09/2013 - 14:44

CGF, si hai ragione usa ed israele sono mesi che addestrano sti terroristi in giordania e sono 3-4 mesi forse di piu che li fanno penetrare dal territorio giordano 50-300 uomini alla volta e sono tutti stati mandati sopratutto per fare cadere damasco.assad lo sa benissimo e li sta massacrando infatti.

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Mer, 04/09/2013 - 15:05

alla faccia del premio nobel per la pace.

maxaureli

Mer, 04/09/2013 - 17:55

Hum... mi piace la foto. Sembra come se dicesse... ADDIO America!!! LOL

arte

Mer, 04/09/2013 - 21:02

alCIAeda

nino47

Gio, 05/09/2013 - 11:17

Considerate le figure da cioccolatini che la cia ha fatto finora, sono sicuro che i suoi "infiltrati" li conosceranno già uno per uno!!!

cgf

Gio, 05/09/2013 - 13:56

@W.A.S.P. io non ho menzionato il mossad ma ho solo riferito alla CIA, i ribelli hanno armi americane/francesi e non russe/israeliane. Avere il controllo della Siria significa estromettere la flotta russa dal meditterraneo e costringerla a passare tra lo stretto Bosforo, facile preda di un Paese NATO. Possibile che la sua testolina?????? i Russi, come gli israeliani, non avevano assolutamente bisogno che la primavera arrivasse a Damasco. Cmq il vento è cambiato e tanti fratelli mussulmani ora hanno altro a cui pensare, c'è da nascondere il gas e l'attrezzatura fornita ai ribelli, serve fare in fretta. Questa volta però.... la vedo dura, gli USA dicono senza fornire le prove che è stato il regime, i russi invece forniscono materiale che incolpa i ribelli, senza contare che spesso e volentieri sono false le prove fornite dai 'ribelli', una stessa foto è stata usata per Palestina, Egitto e Siria. Un morto che resuscita non appena un drone sorvola il corteo funebre, etc etc...

Ritratto di thunder

thunder

Lun, 02/02/2015 - 15:37

I sinistroidi gli hanno dato anche il Nobel ahahha ahahaha ahhh nessun presidente USA era mai arrivato a creare tanta disgrazia, ci voleva un abbronzato acclamato anche dai nostri sinistroidi, siete solo mxxxe!