Lo sconcerto dei generali: «Leoni guidati da agnelli»

«Pronto generale?». Dall'altra parte della linea c'è un attimo di silenzio. Poi l'alto ufficiale in servizio sbotta: «Non più. Dopo quello che è accaduto ieri con i marò mi sento come se fossi stato degradato e radiato dalle forze armate. Non ho parole». Il triste sfogo di un alto ufficiale, che ne ha viste tante, sul rientro in India di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, ordinato dal governo, è solo la punta di un iceberg.
La rabbia nelle forze armate sta esplodendo. La rappresentanza dei marinai in armi esprime «lo sconcerto e il disorientamento del personale della Marina di ogni grado e ruolo in merito al destino di Latorre e Girone che stanno rientrando in India». Secondo il Cocer Marina «alla fermezza di un Paese straniero le nostre massime istituzioni non hanno saputo reagire con la stessa fermezza e determinazione».
Le reazioni dei militari in servizio sono pesanti. Sui social network un giovane ufficiale di Marina si chiede: «Qualcuno aveva detto "sciogliamo il fiocco giallo"?». Il simbolo di solidarietà lanciato dai marinai, che è stato riposto dopo l'11 marzo, quando il governo aveva deciso di non rimandare in India i due marò. La prima risposta di un altro ufficiale è lapidaria: «È ancora un altro 8 settembre» in riferimento al 1943 quando abbiamo cambiato fronte.
Nel tam tam dei marinai la frase più gettonata è ripresa da un famoso film: «Non ho mai visto tali leoni guidati da simili agnelli». Lo stesso ammiraglio Giuseppe De Giorgi, Capo di stato maggiore della Marina, ha appreso la notizia dell'inversione ad U governativa dalle agenzie. «È incazzato nero» sostiene chi l'ha incontrato.
L'ammiraglio Giuseppe Lertora, che non è più in servizio, ma ha avuto al suo comando Latorre e Girone rivela che allo «scalo negli Emirati arabi, prima di volare a Delhi, i fucilieri erano demoralizzati e amareggiati. Avrebbero non voluto partire, ma diciamo che li hanno “spintaneamente” convinti». Secondo Lertora è «una Caporetto che si poteva benissimo evitare».
Chi ha combattuto in Afghanistan parla con disgusto di «decisioni prese da pagliacci». Un altro veterano si chiede: «Andiamo in prima linea e questo è il ringraziamento?». Un ufficiale superiore tocca il tasto più delicato: «Il sentore generale è che il destino dei due marò domani può capitare a ciascuno di noi che porta le stellette. Il governo con l'avallo del Parlamento ci manda in Afghanistan, in Mali o chissà dove in futuro. Se succede qualcosa, come nel caso di Latorre e Girone, lo stato non mi tutela, come altre nazioni. Nel giro di dieci giorni hanno preso, sulla pelle dei marò, due decisioni una contraria dell'altra». Molti militari sentono sul collo le preoccupazioni delle famiglie: «Come possiamo partire tranquilli? Con il timore dei nostri cari che in caso di incidente verremo giudicati non in Italia, ma in un altro paese?».
Le voci fuori dal coro sono poche. Un alto ufficiale della Marina spiega al Giornale che «rimandando Latorre e Girone in India si è scelto il male minore». L'ex capo di stato maggiore della Difesa, Vincenzo Camporini, ribadisce: «Bisognava mantenere la parola invece che decidere di tenerli in Italia creando vane illusioni e speranze, poi tradite in maniera plateale».
Il più lapidario ed efficace è l'ex generale Mario Arpino: «Siamo di fronte ad una vergogna totale ed un danno enorme per tutto il sistema militare. Ci dicono che rimandiamo in India i fucilieri di Marina perché gli indiani hanno dato garanzie che non li condanneranno a morte. Non occorre: li abbiamo già fuciliati noi».
www.faustobiloslavo.eu

Commenti

Raoul Pontalti

Sab, 23/03/2013 - 09:11

Punto primo: i militari devono stare zitti (non sono pagati per parlare ma per fare, magari la guardia ad un bidone di benzina vuoto). Punto secondo: i vertici militari devono preoccuparsi di non fare cazzate che compromettono l'incolumità dei soldati (come a Nassiriyya dove l'imbecillità di chi decise di organizzare in quel modo e in quel luogo la base pose le premesse per l'orrenda strage) o espongono i militari ad azioni improprie (come nel caso dei due marò con protocolli imbecilli che hanno fatto sì che si sparassero colpi di avvertimento da nave civile con i risultati che si sono visti). Punto terzo tutti, non solo i militari, sarebbero dovuti insorgere quando fu data la disposizione da parte del governo ai due marò di non rientrare in India perché in tal modo si costringeva due militari a tradire la parola d'onore. Punto quarto: dei militari con un minimo di spina dorsale dovrebbero rallegrarsi della decisione di far rientrare in India i marò per rispettare la parola data. Ultimo punto: Fausto non mi censurare.

MALEFICO59

Sab, 23/03/2013 - 09:13

Signori mi ricordo il mio giuramento da militare prima e da sottufficiale dopo, GIURO DI ESSERE FEDELE ALLA REPUBBLICA ITALIANA E AL SUO CAPO......., DI SERVIRE IL POPOLO ITALIANO FINO ALLA MORTE ma se i tuoi capi politici a cominciare dall'inquilino del colle che come capo supremo delle Forze Armate non ha aperto bocca e detto una parola per tutelare i suoi figli in servizio per avere fatto il proprio dovere, penso che questo giuramento rimane nei confronti dei Fratelli Italiani, anche per quelli che ci buttano fango addosso, ma non vale più per questi farabutti di politicanti. TANTO PER RINFRESCARE LA MEMORIA AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GLI RICORDO CHE NON HA APERTO BOCCA SULLA VICENDA PUR ESSENDO, COME DICONO COMANDANTE SUPREMO DI TUTTE LE FORZE ARMATE, ma mi sembra solo per le parate. Per i miei colleghi traggano le conclusioni ed agiscano di conseguenza se veramente vogliono salvare l'Italia e tenere fede al proprio giuramento...

@ollel63

Sab, 23/03/2013 - 10:38

Ma chi ha messo al governo questi conigli? Non dimenticate che il responsabile è uno che sta al colle, un miserabile agnellino terrorizzato, rincorso da dalla canea dei sinistrati bersananti latranti con la bava alla bocca che vogliono a tutti i costi impadronirsi del governo. E che ti hanno combinato questi citrulli? Hanno messo su un presidente del consiglio che appariva una statua di marmo pregiato di carrara solido, lucido, splendente di luce europea..... cos'era, cos'è in realtà? E' bastato vederlo da vicino, sfiorarlo con un ditino: s'è scoperto l'iganno dei sinistrati komunisti (l'orrore dell'universo), compreso quello del colle. Si trattava, si tratta NON di una statua di marmo, ma di ammasso informe, coperto da una patina di cera giallastra, morbidiccia, viscida. Cos'è quest'ammasso informe coperto di ceretta? Cac-ca. Mer.., sì, proprio quella. E' venuto fuori il contenuto: escrementi dal puzzo inconfondibile di fogna... una diarrea cosmica nascosta da un involucro di cera giallastra viscida. Evviva l'Italia!!

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Sab, 23/03/2013 - 11:00

#raul pontalti. Punto primo, uno Stato che non protegge chi lo difende non é degno di mandare soldati allo sbaraglio consegnandoli ad un Paese che distrugge prove prima di farli esaminare, Punto secondo, i Soldati sono degli esseri umani é non dei Robot che non possono dire nulla anche se sono pagati, é chi mi consegna ad un Paese dove viene negato al mio Paese ogni controllo di esaminare i documenti di balistica é di autopsia non é degno che io difendo questo paese!, Punto terzo, i 2 Maró non hanno ucciso i 2 Pescatori proiettili trovati nei corpi non erano stati sparati dalle armi in dotazione ai 2 Maró é alla Nato!, Punto quarto, é questo riguarda lei personalmente, quando la smetterete voi di sinistra a disprezzare il nostro Paese é i Soldati che lo difendono?, in tutto il Mondo non ci sono dei balordi piú balordi della sinistra Italiana, che condannano a prescindere chi difende l,Italia, e le forze armate siano queste Poliziotti oppure Soldati!.

eloi

Sab, 23/03/2013 - 11:12

Non dimentichiamo che l'inquilino del Colle è compaesano di Schettino.

lamwolf

Sab, 23/03/2013 - 11:18

Ho partecipato a missioni all'estero so cosa provano i nostri due militari. Siamo di fronte ad una vergogna la solita quella dei nostri politicanti ora tecnici che hanno contribuito in maniera vigliacca alla fine di questa nazione e adesso anche traditori e voltaspalle. Hanno rimandato in India i fucilieri perché gli indiani hanno dato garanzie che non li condanneranno a morte. Non occorre: li abbiamo già fuciliati noi». Chi ha preso questa decisione dovrebbe essere trasportato a forza e lasciato in mano agli indiani che in più di un anno non hanno cavato un ragno dal buco. Vergogna!!!!! In questa Italia ormai fallita in toto speriamo che ci mettono mani chi ha pieno le palle di questo sistema marcio e sudicio. Queste persone che hanno preso questa infida decisione non sono ITALIANI!!!!!!!e mai più dovrebbero essere chiamati tali. Meglio traditori.

Ritratto di mark911

mark911

Sab, 23/03/2013 - 11:19

Raoul Pontalti...su Nasiriyya (con una "S") possiamo anche discuterne ma sugli altri punti credo che questa mattina lei abbia esagerato con la "correzione" del caffè!!!

Alex1948

Sab, 23/03/2013 - 11:25

Per "Raoul Pontalti" ma tu sei proprio sicuro di quello che dici? non è che dovresti prima chiederti se è vero quello che asseriscono le cosiddette autorita indiane (minuscolo voluto)a quanto risulta agli atti veri e non dell'india la nave era in acque internazionali e i fori dei proiettili trovati sui pescatori non corrispondono al calibro delle armi in dotazioone ai nostri militari, altro punto perchè gli indiani non hanno voluto che nostri esperti assistessero sia alla prova balistica sul peshcereccio che all'esame autoptico dei pescatori che sono stati cremati subito dopo? forse perchè sapevano che avevamo un governo che non contava nulla

Ritratto di Ovidio Gentiloni

Ovidio Gentiloni

Sab, 23/03/2013 - 11:51

Raoul pontalti, le ha risposto bene pasquale esposito. L'unica cosa triste è che invece lei è di destra. Nemmeno la soddisfazione di darle del kompagno ci lascia!

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Sab, 23/03/2013 - 11:52

"Lo sconcerto dei generali". Ma quali Generali? Se in Italia ci fossero davvero dei Generali non staremmo quì a discutere di queste prese per il culo senza fine!

pajoe

Sab, 23/03/2013 - 11:52

Ancora una volta questo Governo di si è mostrato inadeguato a gestire le vicende Italiane in ogni settore,dall'economia, al welfare, dalla diplomazia,alla difesa,quest'ultima, presieduta da Qualcuno che ha fatto della sua vita una brillante carriera militare, ma che non ha saputo opporsi ai Suoi colleghi, Ministri dilettanti,per evitare questa ennesima Caporetto o Badogliata e trattenere in Patria i Suoi due Sottufficiali.

MARCO 34

Sab, 23/03/2013 - 11:55

Raoul Pontifica come al solito, ma è solo un poveruomo.

MALEFICO59

Sab, 23/03/2013 - 11:58

Pontalti vai a fare una passeggiata e annaffia il cervello da povero komunista che sei esci da quel centro sociala e non sparare cazzate. Io sono un militare, incontriamoci e ti faccio vedere come faccio la guardia ad un bidone vuoto stronzo che non sei altro. Ti faccio vedere come stiamo zitti. Adesso basta rischiare la pelle per proteggere quattro figli di p......a di komunisti merdosi, vogliono il sangue e sangue avranno, vediamo se alla resa dei conti avranno ancora la forza di sparare stronzate

Ritratto di ludaucr

ludaucr

Sab, 23/03/2013 - 12:00

Raul Pontalti. Punto primo: sali sull'alto del tuo Ponte(Alti). Punto secondo: Buttati giù. Punto terzo: hai finito di ammorbarci con le tue "Pontificazioni" di MERDA !!!!!

Ritratto di ludaucr

ludaucr

Sab, 23/03/2013 - 12:00

Raul Pontalti. Punto primo: sali sull'alto del tuo Ponte(Alti). Punto secondo: Buttati giù. Punto terzo: hai finito di ammorbarci con le tue "Pontificazioni" di MERDA !!!!!

Ritratto di ludaucr

ludaucr

Sab, 23/03/2013 - 12:00

Raul Pontalti. Punto primo: sali sull'alto del tuo Ponte(Alti). Punto secondo: Buttati giù. Punto terzo: hai finito di ammorbarci con le tue "Pontificazioni" di MERDA !!!!!

Ritratto di onollov35

onollov35

Sab, 23/03/2013 - 12:05

Per Raul pontalti,prima di parlare a vanvera,si ricordi che un Paese che non rispetta le sue Forze Armate,non merita rispetto dai suoi appartenenti. Prove che i due Marò abbiano ucciso i due pescatori? non esistono,in quanto, i proiettili estratti dai corpi degli sventurati, non sono stati sparati dalle armi in dotazione alla Nato nè tantomeno ai due Marò. Non mi interessa la sua appartenenza politica, ma le voglio ricordare che l'errore più grave di questa faccenda, l'ha commesso il Capitano della nave.Doveva rimanere in acque internazionali e, se minacciato, chiedere il pronto intervento della Nato. Speriamo che si risolva per il meglio dei due Marò, altrimenti...........

Ritratto di micuomo

micuomo

Sab, 23/03/2013 - 12:15

Paragonare questo avvenimento (figura di m..da avrebbe detto Emilio nazionale)all'otto settembre del 1943 sembra una vera esagerazione....mentre se il capo della Marina avesse pre- sentato le dimissioni per avvallare la protesta avrebbe fatto una ottima impressione a tutta la nazione!

mborrielli

Sab, 23/03/2013 - 12:42

Raoul Pontalti: chiuda quella fogna che si ostina a chiamare bocca.

@ollel63

Sab, 23/03/2013 - 12:53

presidente al colle in testa, e poi monti patinato di cera viscida a coprire ammassi di putridume e fetore, e ancora ministri e parlamentari d'identico contenuto, rappresentanti d'indegno squallore di una Italia che non merita di cadere così in basso, anche se purtroppo vi è sospinta dal peggio del peggio dei sinistrati Komunisti che ammorbano, non solo le istituzioni politiche, ma anche magistratura, scuola, sindacati, corporazioni finanziarie, media, ... . Viva l'Italia dei mediocri conigli e dei grilli parlanti al comando di questo sciagurato paese!

imodium

Sab, 23/03/2013 - 13:07

X TALE RAUL PONTALI: MA CHI TI FA PARLARE??? MA CHE MESTERIE FAI??? I PUNTI?? DI SUTURA!!! PER QUELLI COME TE SOLO DI SUTURA...E NON SOLO 4.

Fabrizio74

Sab, 23/03/2013 - 13:19

Raoul, la mia prima tentazione era quella di non risponderti, perché come dimostrato dal tuo post, il tuo livello culturale ti definisce e le tue riflessioni sono lo specchio di quanto vale una persona come te. credo sia comunque il caso di farti presente che l'unico a non dover parlare saresti dovuto essere proprio tu, i militari sono liberissimi di esprimere la loro opinione anche perché sono in grado di aver e una a differenza di chi forse dovrebbe mettersi in quel barile vuoto e nascondercisi a lungo. Parli di Nassiryya o di protocolli senza neanche sapere di cosa si tratta, sei sicuramente uno di quelli che spara sentenze dal suo divano e pertanto vali nulla. Posso solo dirti che tu a differenza di altri meriti il governo che abbiamo.

Ritratto di rapax

rapax

Sab, 23/03/2013 - 13:31

e queste mERDE come possono fare i moralisti, gli "integerrimi" con la "polizia" fiscale..se lo stato allarghe le gambe con tutto il globo terracqueo..paghiamo le tasse per chi? per questi mentecatti?? andate a fare in ..

janry 45

Sab, 23/03/2013 - 13:31

E che cosa aspettano?

waytogomrt

Sab, 23/03/2013 - 13:31

A Raoul Pontati Le Auguro di cuore di andare in vacanza o in missione per conto dell'italia in uno di questi paesi stile India, e le auguro di finire sotto una di queste inchieste gestite ad Hoc da questi paesi del terzo mondo e poi mi auguro di Cuore che i conigli dei nostri politici le facciano fare la fine dei due maro'.

Ritratto di rapax

rapax

Sab, 23/03/2013 - 13:39

CONTINUO A NON CAPIRE, I NOSTRI MILITARI DEVONO ESSERE STATI MINACCIATI DAL NOSTRO PRESIDENTE DEL "CONIGLIO" E DAL SUO SODALE KAPOKOMUNISTA se lo stato di cui tu fai parte ti consegna ad uno stato in CUI VIGE LA CONDANNA A MORTE tu HAI IL DIRITTO E DOVERE DI RIFIUTARE O NON RENDERTI REPERIBILE, ma come qua in Italia c'è gente che ha stuprato sabotato e conserva lo stipendio, E UN SOLDATO NON PUO'RIFIUTARSI DI ESSERE CONSEGNATO AD UN'ALTRO PAESE? ma si sono bevuti il cervello..non penso che abbiamo idea di che livello di criminali abbiamo al vertice!! chissà quali minacce e "persuasioni" hanno fatto ai nostri soldati..questo stato PROSTITUTO PER "DUE" MILIONI DI EURO di commesse...

Ritratto di charry_red_wine

charry_red_wine

Sab, 23/03/2013 - 13:40

guidati da agnelli? ..magari..gli agnelli sono ancora ingenui e con poca esperienza..SIAMO GUIDATI DA PECORE PER DI PIU' MESSE A PECORA.. e dove sta scritto che i militari devono stare zitti?..si sta zitti se si è governati da persone serie..ma è doveroso da parte di un militare sinanco stracciarsi la divisa per l'onore della bandiera..ricordate il cermis?..da wikipedia :I pubblici ministeri italiani richiesero di processare i quattro marine in Italia, ma il giudice per le indagini preliminari di Trento ritenne che, in forza della Convenzione di Londra del 19 giugno 1951 sullo statuto dei militari NATO, la giurisdizione sul caso dovesse riconoscersi alla giustizia militare statunitense..." sarà un caso certamente diverso questo..ma porca put..E' ORA CHE I GENERALI INIZINO A FARE I GENERALI E AD ALZARE LA VOCE..sempre che non siano a pecora anche loro (e tanto mi sa purtroppo)

Ritratto di rapax

rapax

Sab, 23/03/2013 - 13:40

CONTINUO A NON CAPIRE, I NOSTRI MILITARI DEVONO ESSERE STATI MINACCIATI DAL NOSTRO PRESIDENTE DEL "CONIGLIO" E DAL SUO SODALE KAPOKOMUNISTA se lo stato di cui tu fai parte ti consegna ad uno stato in CUI VIGE LA CONDANNA A MORTE tu HAI IL DIRITTO E DOVERE DI RIFIUTARE O NON RENDERTI REPERIBILE, ma come qua in Italia c'è gente che ha stuprato sabotato e conserva lo stipendio, E UN SOLDATO NON PUO'RIFIUTARSI DI ESSERE CONSEGNATO AD UN'ALTRO PAESE? ma si sono bevuti il cervello..non penso che abbiamo idea di che livello di criminali abbiamo al vertice!! chissà quali minacce e "persuasioni" hanno fatto ai nostri soldati..questo stato PROSTITUTO PER "DUE" MILIONI DI EURO di commesse...

Ritratto di rapax

rapax

Sab, 23/03/2013 - 14:06

charry_red_wine "che non siano a pecora pure loro"..e infatti guarda un pò che nonostante eccezionalmente un generale(militare) sia in questo governacchio ministro della "difesa" abbiamo fatto lo stesso stà figura di merda..anzi pare proprio che questo "ministro" della "difesa" sia stato proprio il peggio...

giovanni PERINCIOLO

Sab, 23/03/2013 - 15:37

Perché coinvolgere poveri agnelli dolci e inofensivi?? qui si tratta di leoni guidati da CALABRAGHE OPPORTUNISTI VIGLIACCHI E VELENOSI!

Raoul Pontalti

Sab, 23/03/2013 - 15:40

MOLTI NEMICI MOLTO ONORE! Sinteticamente: ribadisco che gli (as)soldati devono solo tacere e se aprono bocca per dire cosa diversa da signorsì è per cantare inni patriottici. D'accordo su Nasiriyya con una esse sola. Sui protocolli militari applicati su nave civile: ribadisco che solo quei coglioni dei nostri responsabili militari potevano immaginare una castroneria simile, ossia di usare una nave civile per compiere azioni militar come fosse una nave corsara che perà all'ultimo istante issavano la propria bandiera da combattimento. La Enrica Lexie nave civile non recava insegne militari né batteva bandiera militare e quindi non poteva dare ordini a chicchessia (a differenza di una nave militare) né poteva sparare per intimidire, eventualmente solo per difendersi (legittima difesa sempre consentita purché proporzionale all'offesa). Il "delitto" dei marò è proprio questo: avere sparato, non avendo alcuna importanza se entro o fuori le acque territoriali indiane o se ai gabbiani piuttosto che ai pescatori. Non dovevano sparare a vanvera e la Nemesi ha provveduto a punire gli empi che osarono sfidare e la giustizia e il semplice buonsenso.

Kurt Steiger

Sab, 23/03/2013 - 15:56

Che DiPaola fosse di sinistra lo sapevamo già da tempo. Che abbia agito di conseguenza, non è meraviglia. Ciò che mi meraviglia è che i Carabinieri e le Forze Armate non abbiano ancora deciso di prendere in mano la situazione e dare un calcio in culo ai politici compreso il nostro beneamato Presidente. Nell'attesa, trepidamente speriamo. Kurt Steiger, croce di ferro al valore.

Ritratto di tenaquila

tenaquila

Sab, 23/03/2013 - 16:28

CHE L’ECO DI TUTTE QUESTE PAROLE RISUONI COME LA PIU’ LACERANTE MITRAGLIA!

terzino

Sab, 23/03/2013 - 17:16

I nostri governanti dovrebbero vergognarsi di farsi vedere in giro, di apparire nelle televisioni e rilasciare interviste. Hanno dimostrato in pieno la loro insipienza, inaffidabilità e la mancanza di amor patrio oltre alla scarsa conoscenza del diritto internazionale comportandosi da veri traditori.

kawa48

Sab, 23/03/2013 - 17:32

a Raoul Pontalti innanzi tutto prima di scrivere le porcate del tuo pensiero sulla situazione dei due Maro' devi sciaquarti la bocca 100 volte con l'acido Muriatico. Tu sei il solito vigliacco che si abbasserebbe i calzoni davanti a tutti. se c'è uno che deve stare zitto sei tu. chissa cosa fai nella vita, sicuramente sei un parassita della societa' e dovresti essere messo al muro

mila

Sab, 23/03/2013 - 17:44

L'esercito italiano e i suoi generali comunque in questo momento storico sono un Ente inutile.

eloi

Sab, 23/03/2013 - 18:02

Permettetemi di scrivere. Se i due Maro non verranno condannati, cioè assolti farebbero bene a restare in India dove non verrebbero sbeffeggiati ma protetti.

pakino02

Dom, 24/03/2013 - 00:41

RAOUL PONTALTI punto primo:lavati la bocca.. punto secondo:non dire minchiate..punto terzo:stai zitto che fai piu figura

epesce098

Dom, 24/03/2013 - 10:59

Forse ci voleva al governo un certo Mussolini, e avremmo visto come avrebbe fronteggiato il problema. Invece ne abbiamo due che sono corsi a lavarsi le mutande impregnate di me...

Ritratto di Giorgio Prinzi

Giorgio Prinzi

Dom, 24/03/2013 - 11:09

MI PREME RICORDARE CHE IL GENERALE TERMENTI, PIU' VOLTE CITATO IN ARTICOLI DE "IL GIORNALE" ED INSIEME A ME AMMINISTRATORE DEL GRUPPO "RIPORTIAMO A CASA I DUE MILITARI PRIGIONIERI" AVEVA FATTO SPECIFICO APPELLO AL CAPO DELLO STATO, INVOCANDO LA NORMA SULLA INACCETTABILITA' DI QUALSIVOGLIA GARANZIA Riproponiamo il testo del comunicato stampa diffuso dal nostra Gruppo con cui è stata divulgata la notizia dell'appello del generale Fernando Termentini al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. . Inequivocabile il fatto che la Costituzione sia vincolate su questo punto e che nessuna garanzia di merito sia sufficiente a violarne lo specifico dettato. A mio avviso potrebbero configurarsi gravissime ipotesi di reato, sulle fondatezza delle quali ovviamente solo la Magistratura può esprimersi in maniera qualificata. http://www.facebook.com/download/preview/351630638268136

chiara2012

Dom, 24/03/2013 - 13:20

Pontalti:Badogliano.

nino47

Dom, 24/03/2013 - 17:21

Leoni guidati da...IMBECILLI!!!

nino47

Dom, 24/03/2013 - 17:29

@RAULPONTALI...PUNTO QUINTO: LA PAROLA D'ONORE DATA A CHI DELL'ONORE FA STRAME, ASSOMIGLIA ALLE PERLE DATE AI PORCI! C'è chi confonde la spina dorsale col misticismo del martire che spera nel santo subito, in ogni caso per quanto "subito" sempre post mortem!E c'è chi tra dover accidentalmente fuori qualcuno contromano preferisce essere ucciso nel prorpio senso di marcia. Almeno, se non altro, avrebbe ragione!!!sà.. sono punti di vista, come quello di dare per scontata la colpevolezza dei nostri marò nonostante le comiche delle perizie eseguite. Saluti.

Raoul Pontalti

Dom, 24/03/2013 - 19:39

per Fabrizio74. Diamo per scontato che entrambi conosciamo le nozioni di regole d'ingaggio e di protocolli operativi. Adesso mi si spieghi per quale arcano motivo (che solo chi ha la notte nella testa vuota come i militari può escogitare) una nave civile che non reca insegne militari e batte bandiera civile e non militare e che resta pertanto civile anche con militari armati a bordo deve comportarsi da nave militare e lanciare dopo segnalazioni luminose in alfabeto Morse colpi di avvertimento nei confronti di imbarcazione incrociata. Se io vado a spasso per mare con la mia barchetta non accetto ordini da una qualsiasi nave civile mentre sono obbligato ad accettarli da qualsiasi nave militare (degli abusi risponderà poi il comandante) che mi può fermare e anche perquisire anche in alto mare (dove peraltro io non potrei navigare). Se dalla nave civile perché continuo a farmi i cazzi miei mi sparano addosso anche se si tratta di militari investiti della funzione di polizia giudiziaria (per inciso: proprio per le funzioni di polizia giudiziaria ricoperte i marò avrebbero dovuto raccogliere le prove del delitto commesso dai "pirati" e anche cercare di assicurarli alla giustizia, non lasciarli semplicemente andare: omissione di atti d'ufficio) gli sparatori rispondono di uso illegittimo di armi in primo luogo e di tentato omicidio in secondo luogo (se i colpi ad es. raggiungono la mia imbarcazione).E non mi si replichi che l'uso dei colpi di avvertimento è generalizzato non solo da parte dei Vessel Protection Detachments (militari) operanti su navi civili nell'ambito di missioni in ambito NATO e UE (e non è il caso dei marò che operavano al di fuori di questi ambiti) e anche da parte dei "contractors" privati perché tale sistema è illegittimo (e la riprova è che ogni volta che accadono "incidenti" con morti o feriti a causa di "tiri d'avvertimento" nei rapporti si fa silenzio per non incorrere in guai giudiziari). Un'ultima considerazione per i miei critici: posso dire anche cavolate, nessuno è perfetto, ma tenete presente che mi firmo per esteso e quindi non ritenendomi né pazzo né stupido non voglio con troppa facilità farmi beccare in castagna, ne andrebbe oltre misura della mia reputazione nella città dove mi conoscono e quindi degli argomenti che tratto una certa qual infarinatura me la sono data leggendo testi normativi, testi sulla materia (in questo caso pirateria) atti di convegni, etc. Siete certi o bananas di aver voi un minimo di conoscenza della materia?

Raoul Pontalti

Dom, 24/03/2013 - 20:02

per Nino 47. Consideriamo le comiche: prima di quelle presunte sulle perizie eseguite (necroscopie e perizie balistiche) consideriamo le comiche fantozziane di chi spara colpi d'avvertimento e non volendo colpire l'imbarcazione intimidita invece ci riesce e per giunta accoppando due persone (tipicamente italico: quando dovevano in guerra colpire obiettivi nemici non ci riuscivano e quando dovevano evitare di colpire obiettivi amici ci riuscivano con sconcertante precisione e regolarità: vedasi il casi di Italo Balbo ad es.) Consideriamo ancora l'imbecillità piramidale di chi non effettua alcun filmato e apre nemmeno foto decente in relazione al momento più emozionante di tutta la corciera sull'Enrica Lexie: l'incontro con i pirati. Consideriamo altresì la sfiga abissale di chi cancella per errore la registrazione della scatola nera della Enrica Lexie proprio nella parte relativa all'incontro con i pirati. Consideriamo infine la dabbenaggine di chi dopo aver fatto la marachella si guarda bene dall'informare il più vicino paese (a 20 miglia di distanza...) che potrebbe intervenire o per mettere il sale sulla coda ai pirati del quale i prodi eroi hanno sventato l'attacco o per prestare soccorso ad eventuali feriti (gli Yankees della USS Rappahannock che il 16 luglio scorso mitragliarono per errore un peschereccio indiano nel Golfo Persico uccidendo un pescatore e ferendone altri provvidero subito a soccorrere il peschereccio e, resisi conto della tremenda cappella (li avevano stupidamente scambiati per Pasdaran in fase d'attacco), chiesero anche immediatamente scusa riconoscendo pubblicamente l'errore e a promettere sollecito risarcimento per le vittime) e poi, quando l'India chiede chi ha sparato ai pirati, risponde: siamo sta noi (come siamo stati bravi, vero?) e quando la stessa india chiede il rientro in porto per il riconoscimento dei pirati risponde prontamente: sì veniamo subito (e a ritirare anche il premio...). E allo caro Nino 47mi dici da che parte si proiettano le comiche? Ma forse hai ragione, dalla nostra parte si proiettano non le comiche ma i racconti dei miserabili per mare, che non hanno il coraggio di assumersi la responsabilità delle proprie azioni, che occultano e sopprimono prove (ecco perché mancano filmati, foto e registrazioni), che accampano scuse di immunità e di giurisdizione. Dei racconti squallidi davvero e allora divertiamoci con le presunte comiche indiane.

millycarlino

Lun, 25/03/2013 - 09:02

Sconcerto, vergogna, e tutto il resto. Ma gli hanno fatto il processo? Quando avverrà, ascolteremo la sentenza e poi si deciderà cosa fare, sempre diplomaticamente. L'India è un paese che ha sempre risentito la mancanza di una guida in divisa inglese. Milly Carlino

nino47

Lun, 25/03/2013 - 20:39

@raul pontali: E allora? visto che da solo le comiche le ha elencate tutte è proprio su queste che Lei sottoscrive il suo giudizio?..e sopratutto le sue certezze? ma allora se è tanto sicuro dall'alto delle sue convinzioni personali e relativa sentenza, come del resto viene spontaneo a chi frequenta troppo i bar dello sport, perchè non si presenta volontario a risolvere il caso?C'è caso che qualche "comico" riconoscimento da qualche omologa corte indiana le venga attribuito! Senza contare poi, che uno come Monti, un bel discorsetto non glielo negherebbe!L'idiozia del comandante della nave, quandanche i marò avessero davvero sparato a quei miserabili, non legalizza nè giustifica tutto il resto!Giustifica solo la nostra stupidità ancestrale e le conseguenze che ci troviamo a subire quotidianamente da tutto il mondo!Con noi anche i pulcini hanno gli artigli!Cordialmente.

PatriaNuova

Dom, 29/05/2016 - 23:16

Solo i cialtroni cattocomunista possono continuare a credere che i marò abbiano sparato ai pescatori quando le perizie balistiche hanno dimostrato esattamente il contrario ed è per questo che a distanza di quattro anni i giudici indiani ben si guardino di iniziare il processo. Spero che il San Marco abbia il coraggio di non sfilare il 2 Giugno mentre sono certo che il CSM della Marina non si giocherà la carriera per ..."l'onore dei suoi uomini".........