A Fiumicino col caricatore Arrestato un israeliano Aveva 29 colpi inesplosi

Aveva un caricatore per
mitragliatrice con 29 colpi inesplosi calibro 556 nella tasca
laterale dello zainetto: il cittadino
israeliano è  stato portato nel carcere
di Civitavecchia con l’accusa di trasporto d’armi a bordo di
aerei

Roma - Aveva un caricatore per mitragliatrice con 29 colpi inesplosi calibro 556 nella tasca laterale dello zainetto. Per questo motivo un cittadino israeliano in partenza dall’aeroporto di Roma Fiumicino per Tel Aviv è stato arrestato ieri dalla Polaria. E' stato portato nel carcere di Civitavecchia, con l’accusa di trasporto d’armi a bordo di aerei.

Con un mitra a Fiumicino L’uomo era in partenza dal Terminal 5 di Fiumicino, dedicato ai voli cosiddetti "sensibili" diretti negli Stati Uniti e in Israele, e per questo controllati da tiratori scelti della squadra laser. A far scattare l’allarme è stato il rinvenimento di un caricatore per mitragliatrice con 29 colpi non esplosi calibro 556 che il cittadino israeliano, R.A.E., di 54 anni, in partenza da Roma per far ritorno a Tel Aviv dopo una settimana di vacanza trascorsa in Italia in compagnia della moglie, aveva nella tasca laterale del suo bagaglio a mano: uno zainetto che, appena passato al metal detector, ha fatto suonare l’allarme. Alle richieste di spiegazioni da parte della Polizia, l’uomo ha risposto che quello zainetto in realtà apparteneva al figlio, un militare delle Forze armate israeliane, e che lui pensava fosse vuoto. Con l’accusa di trasporto d’armi a bordo di aeromobili, l’uomo è stato arrestato e rinchiuso nel carcere di Civitavecchia.