Una fondazione contro le molestie nella moda

Katia Noventa

«Vogliamo lanciarla qui perchè Milano è la capitale mondiale dell'energia creativa della moda e questa settimana è un momento speciale per noi». Chi parla è Antoniette Costa, l'avvocato di origini italiane che con Kristina Romanova, modella russa, ha fondato Humans of Fashion Foundation la ONG che si pone come obiettivo quello di trattare e prevenire abusi e molestie sessuali nell'industria della moda.

Laureata con lode alla University of Pennsylvania, Antoniette Costa ottiene anche un diploma in legge alla Fordham Law School, scegliendo di concentrare gli studi in Diritto della moda. Qui ha studiato con la professoressa Susan Scafidi, la prima a offrire un corso in Diritto della moda presso una scuola di giurisprudenza americana e ha imparato moltissimo sugli aspetti legali che regolano il settore. La cofondatrice, Kristina Romanova, 23 anni, e nata in Russia e si è trasferita negli Stati Uniti giovanissima dove già a sedici anni inizia a essere impegnata nel mondo della moda. Dal 2010 Kristina lavora nell'alta moda a livello internazionale, vantando contratti in Italia, Francia e Stati Uniti. Erappresentata da Women Management (New York, Milano, Parigi), Traffic (Spagna), Elite (Londra) e ha lavorato con grandi stilisti tra cui Vera Wang, Ralph Lauren, Dolce & Gabbana, Calvin Klein, Marc Jacobs, Alexander McQueen.

«Ci conosciamo da sei anni - continua Costa - Ad ottobre abbiamo iniziato a parlare di quest'idea per favorire un dialogo tra i professionisti del settore e chi si trova in momenti di difficoltà». La fondazione Humans of Fashion si propone di creare una piattaforma che metta in contatto tutti i professionisti del mondo della moda (modelle, stylist, make up artist, hair stylist) bisognosi di supporto o vittime di molestie, abusi, violenze e scorrettezze con professionisti quali legali e psicologi che forniranno loro gratuitamente aiuto e consulenza in un percorso dedicato completamente gratuito. La Fondazione lavora per rendere piusicuro il settore e per incoraggiare il sostegno tra i veterani della moda e la nuova generazione di professionisti. Lanciando un'applicazione facilmente utilizzabile tramite smartphone e volta a offrire consigli in tempo reale, Humans of Fashion Foundation propone un approccio rivoluzionario per riuscire a trattare, e possibilmente prevenire, le molestie sessuali e gli abusi nell'industria della moda. Il primo mercato nel quale la piattaforma sarà attiva, da marzo, è quello USA; subito dopo sarala volta dell'Italia. L'ONG è inoltre composta da un Advisory Board che comprende nomi del calibro di Susan Scafidi e Fashion Law Institute, Doreen Small, Paul Schindler, Panache Desai, Virginia Young e Sara Goore Reeves.