"Fusione con Telefonica" e Telecom vola in Borsa: scambiato 3% delle azioni

I forti acquisti portano in asta di volatilità per eccesso di
rialzo Telecom Italia dopo il rilancio dell’ipotesi di fusione con l’azionista Telefonica. Ma Palazzo Chigi smentisce: "Nessun incontro, nessun contatto"

Milano - Vortice di scambi in Borsa per Telecom. I forti acquisti, fin dalle prime battute, portano in asta di volatilità per eccesso di rialzo Telecom Italia sulle indiscrezioni stampa che rilanciano l’ipotesi di fusione con l’azionista Telefonica. Il titolo non rallenta la sua corsa dopo la smentita di pallazzo Chigi. Il titolo italiano avanza del 5,64% circa a 1,13 euro, dopo l’asta di volatilità per eccesso di rialzo, con il 3% del capitale ordinario passato di mano.

Le indiscrezioni della stampa E’ un articolo pubblicato da Repubblica a sostenere il titolo. Ipotesi non nuove ma, spiegano diversi operatori, oggi sembra che il mercato "dia loro più credito". Secondo un trader, la speculazione favorisce anche "ricoperture su un titolo che aveva sottoperformato il comparto". Secondo Repubblica, il governo italiano è d’accordo sull’operazione che porte alle nozze tra il gruppo italiano e quello spagnolo con un’offerta pubblica di scambio da parte di quest’ultima su Telecom Italia.

La smentita di Palazzo Chigi In una nota, la presidenza del Consiglio smentisce le indiscrezioni riportate da Repubblica sul via libera del governo alle nozze tra Telecom e Telefonica. "In merito alle presunte rivelazioni di Repubblica che individuano Palazzo Chigi coinvolto nella vicenda Telecom, la presidenza del Consiglio smentisce nella maniera più totale - si legge in una nota - nessun incontro, nessun contatto, nessun paletto come riferito nell'articolo".