Genova, l'invasione dei pappagallini verdi Fuggiti dalla cattività, vivono nei parchi cittadini

Le prime coppie in libertà sono state viste negli anni '70. Ora la popolazione è cresciuta: circa 200 pappagalli hanno colonizzato i parchi di Genova. La Lipu: "Non hanno predatori. Bisogna studiare l'impatto sulle specie autoctone"

Genova - Chiacchieroni e rumorosi, con colori sgargianti, come il verde del piumaggio e il rosso corallo del becco. Sono i pappagalli della specie Parrochetto dal collare che ormai hanno colonizzato alcuni dei parchi genovesi.

A Genova dagli anni '70 Il Parrocchetto è originario della fascia temperata del pianeta, vive in natura in zone ricche di alberi o in campi coltivati, nell’Africa centrale, in Medio Oriente, Asia (India, Singapore, Sri Lanka, Isole Mauritius). È grande più o meno come una tortora, ma con la coda raggiunge una lunghezza di 45 cm. "Si notano ora i Parrocchetti - dichiara Aldo Verner, delegato provinciale Lipu di Genova - ma sono qui da parecchi anni. I primi esemplari, due o tre coppie, erano presenti già negli anni Settanta, alla fine degli anni Ottanta nidificavano ai Parchi di Nervi. Ora dovrebbero essere dai cento ai duecento esemplari, che nidificano principalmente in piazza Corvetto, al Parco dell’Acquasola, nella zona di Castelletto. Si nutrono di ghiande dei lecci, semi di magnolia, pinoli delle conifere. Il Parrocchetto è presente in altre città europee, a Genova, probabilmente, il clima temperato va incontro alle sue necessità".

I primi esemplari scappati dalle gabbiette "Sicuramente - precisa Verner - all’origine della popolazione genovese di Parrocchetti sono esemplari fuggiti dalla cattività, ma ora ci si domanda se almeno alcuni non siano venuti qui dai loro paesi d’origine. Si tratta di volatori potenti. Comunque a Genova stanno avendo successo, si riproducono e, a quel che si sa, sono senza nemici, venendo da fuori non hanno predatori specializzati. Hanno arricchito la nostra fauna, bisognerà studiare l’impatto sulle specie autoctone. Da notare che vivono soltanto in città, dove forse trovano un clima più mite in inverno e cibo". Secondo Verner, "il Parrocchetto è la più numerosa ma non l’unica specie di pappagallo presente a Genova. Si sono notati anche altre specie, ciascuna con poche decine di esemplari, come l’Amazzone fronte blu (20 - 30 unità) e l’Amazzone fronte gialla. E queste sono presenze più sorprendenti, perchè l’Amazzone è originaria della foresta amazzonica, il suo clima è quello tropicale".