Genova racconta il suo passato

Per il Nautico la città di Genova si apre ai turisti regalando decine di appuntamenti, manifestazioni e occasioni per conoscere i suoi tesori di arte, cultura e naturalmente storia. A Palazzo Rosso, nel contesto dei Musei di Strada Nuova, si potrà visitare la mostra Il tormento e l'estasi - confronti e indagini su quattro San Sebastiano di Guido Reni, che vedrà riunite opere dell’artista provenienti dalle collezioni di grandi musei quali il Prado di Madrid, il Louvre di Parigi e i Capitolini di Roma.
Nelle sale di Palazzo Bianco, invece, la mostra Gioielli di filo, organizzata dal Centro studi tessuto e moda, propone al pubblico un affascinante percorso sui merletti delle Collezioni pubbliche genovesi, intesi sia come ornamenti di lusso per la moda femminile e maschile tra XVI e XX secolo, sia come decorazione per la biancheria domestica.
Palazzo Ducale si apre alle culture del mondo con La via della scrittura e l'arte della calligrafia cinese, una mostra che presenta, attraverso opere, installazioni, video, fotografie, testi e tavole didattiche, le caratteristiche e l'evoluzione della scrittura e dell'arte della calligrafia cinesi.
La mostra Transatlantici italiani. Dall'unità alla II Guerra mondiale al Galata Museo del Mare, fino al 31 dicembre, conduce i visitatori in un viaggio nel tempo e nello spazio per conoscere la vita delle e sulle navi passeggeri italiane che, a partire dal 1860, costituirono il grande vettore dell'emigrazione italiana nel mondo. Sempre al Galata in occasione del V centenario dalla morte di Cristoforo Colombo, la mostra Cristoforo Colombo: 500 anni fa... nel Mediterraneo. Viaggi per mare e commercio ai tempi della Scoperta fino al 15 ottobre: attraverso opere iconografiche di importante valore storico, carte nautiche, oggetti, documenti, reperti archeologici la mostra indaga il tema del rapporto tra Colombo e la cultura marittima del Mediterraneo nel suo tempo. Inoltre, esposta in via permanente, Yachts Portrait: la collezione di Beppe Croce, noto per il suo contributo allo sviluppo della cultura velica in Italia.
Al Castello d'Albertis e in diverse sedi espositive, la mostra Foto che capitano offre una selezione di fotografie tra le oltre 20mila immagini dell'archivio del Capitano d'Albertis: immagini di uomini, navi, bambini, mezzi di trasporto, scene di vita quotidiana, monumenti antichi, corredati da materiali archeologici, manoscritti e disegni .
Il Palazzo del Principe organizza una visita guidata della storica dimora sul tema Andrea Doria Signore del mare, nel corso della quale verrà messo in luce l'aspetto di dominatore del Mediterraneo del personaggio più potente a Genova durante il XVI secolo. Da non perdere poi, il 12 ottobre, le celebrazioni Colombiane,.