Anche i robottini aiuteranno i bambini disabili

Dalle vasche a farfalla per la cura dei bambini poliomielitici degli anni '50 alla robotica dell'Istituto italiano di Tecnologia. Un lungo percorso quello dell'ospedale Gaslini che amplia l'offerta sanitaria con l'inaugurazione del nuovo Centro Riabilitativo al piano terra del padiglione 1. Il servizio di fisioterapia è stato infatti trasformato in una vera e propria unità operativa di medicina fisica di riabilitazione con nuovi laboratori di analisi del movimento e di robotica per lo sviluppo di ricerche d'avanguardia e di un Day hospital riabilitativo in grado di garantire continuità ai pazienti acuti. «Un primo passo per la nuova riabilitazione all'interno del Gaslini - ha spiegato ieri mattina Paolo Moretti direttore dell'unità operativa di Medicina Fisica e Riabilitazione - in grado di rispondere alla domanda di centinaia di bambini liguri affetti da disabilità grave che posso usufruire di un programma completo di interventi terapeutici concentrati in un unico giorno». «Grazie al contributo della Regione Liguria è stato realizzato il Day hospital riabilitativo» racconta Paolo Petralia, direttore generale del Gaslini, inoltre «grazie alla sinergia con l'Iit è stato attivato il nuovo laboratorio di robotica e attraverso il contributo della Fondazione e della Gaslini onlus abbiamo rinnovato strutture già esistenti come il laboratorio di analisi del movimento, intitolato al dottor Riccardo Camoriano, che avviò questa attività dieci anni fa». Clinica e ricerca dunque al servizio del bambino; un binomio fondamentale che mira a scongiurare i viaggi fuori regione e all'estero e a diventare un punto di riferimento regionale e nazionale. «Il nuovo centro - aggiunge Moretti - rappresenta un punto di partenza per centinaia di bambini gravi che a cui non basta solo un po' di fisioterapia, ma hanno bisogno di psicomotricità, logopedia e terapia occupazionale. Approcci riabilitativi necessari per una presa in carico globale del bambino». E per modulare l'attività riabilitativa con maggiore precisione si utilizzerà la strumentazione all'avanguardia del laboratorio congiunto di robotica gestito dal personale medico del Gaslini in collaborazione con gli ingegneri dell'Iit. «Un esempio di come si possano fare importanti cose insieme - conclude Claudio Montaldo assessore regionale alla Salute -. Una risposta concreta ai bisogni del nostro territorio».