Botte e scippi nel cuore della città

(...) più pittoresche e frequentate e che assistono ad aggressioni e scippi. Pochi giorni fa da queste colonne era stato ricordato al sindaco Marco Doria che esiste un'emergenza sicurezza mentre non passa giorno senza che lui rilasci tre o quattro dichiarazioni sulle strategie per il governo o per la scelta del capo dello Stato, con attacchi a Berlusconi o «consigli» a Grillo. Intanto delle annunciate pattuglie speciali che dovrebbero intervenire per controllare sbandati, questuanti e barboni non s'è vista l'ombra. Anzi, la giunta ha cancellato anche il nucleo antiabusivismo della polizia municipale.
Domenica, in quella che è stata la prima bella giornata festiva di primavera, si sono verificati alcuni episodi preoccupanti. Il primo, alle 5 di pomeriggio, la polizia è intervenuta in largo Zecca, alla stazione della funicolare che porta al Righi. Lì un pensionato di 73 anni era stato aggredito, sotto gli occhi di molti turisti sconvolti, da un tunisino clandestino. Lo straniero ha colpito l'uomo che attendeva l'arrivo del trenino con ditate negli occhi, pugni e schiaffi, praticamente senza motivo. All'arrivo degli agenti si era già allontanato ma sono stati gli stessi turisti presenti a indicarlo alle pattuglie che lo hanno fermato. In questura l'uomo ha continuato a pregare in arabo con gli occhi rivolti al cielo e ha poi aggredito i poliziotti che lo hanno arrestato.
Poche ore dopo, verso le 21, la volante del commissariato Centro è intervenuta in piazza De Ferrari, dove tre sudamericani hanno cercato di scippare una donna di 76. La vittima è stata scaraventata a terra e trascinata per alcuni metri dai malviventi che sono però fuggiti vedendo che la pensionata non lasciava andare la borsetta e che qualcuno stava chiamando la polizia. La vittima è stata accompagnata al San Martino dove è stata medicata alla caviglia. Un altro episodio violento è stato denunciato ai carabinieri della Maddalena da un marocchino di 23 anni, che ha spiegato di essere stato aggredito, picchiato e rapinato da due connazionali, uno dei quali è stato poi rintracciato e arrestato. Genova è in balia dei delinquenti. Ma almeno suggerisce all'Italia come superare la crisi.