Cassano-Genoa «Non si può fare»

Come ogni calcio mercato che si rispetti il nome di Antonio Cassano viene accostato al Genoa. Figuriamoci se non poteva uscire in questo lungo calcio mercato estivo. A chiarire in maniera limpida la situazione ci ha pensato il dt dell'Inter Marco Branca a Gazzetta.it. «Non c'è stato e non ci sarà alcun incontro con il Genoa. Cassano? È solo una boutade». Per quello che riguarda le comproprietà il Genoa continua a lavorare. Si tratta il rinnovo di Cofie con il Chievo Verona, ma il discorso potrebbe allargarsi anche a Sampirisi e Seymour, attualmente ai clivensi in prestito con diritto di riscatto. Per il ghanese ci sono però alcuni problemi legati alla valutazione del suo cartellino. Con la Fiorentina si discuterà della comproprietà di Tomovic che i viola vorrebbero rinnovare. Col Palermo si parlerà di Pisano (che interessa al Verona) e Anselmo. Con la Roma sono addirittura quattro i casi da risolvere: Bertolacci e Tachtsidis, Verre e Piscitella. In più con i giallorossi c'è sempre aperto il discorso Borriello (che il Grifone vorrebbe trattenere), oltre a quello di Destro. Vicina l'ufficialità per Quintero del Pescara, dove potrebbero andare il giovane Said. C'è poi l'idea Oduamadi. L'esterno del Varese, ma di proprietà del Milan, con la Nigeria ha realizzato una tripletta in Confederations Cup. Sarebbe funzionale al 4-3-3 di Liverani.
Capitolo Samp. Eramo è stato riscattato dal Crotone. «Finalmente. Era da tanto che aspettavo questa notizia e non riesco a descrivere quanto sono felice», le sue prime parole al sito ufficiale blucerchiato. Edoardo Garrone ancora una volta ha detto no al ritorno di Cassano, mentre per Sansone e Vasco Regini le buste cominciano a diventare una realtà sempre più difficile da evitare. Su Zaza il patron e il ds Osti continuano a dichiarare che il futuro della punta sarà deciso dal Doria. Per il riscatto di De Silvestri si dovrebbe chiudere per una cifra vicino a 1,5 milioni. Capitolo Paulinho, il suo agente Bagnoli: «La Sampdoria è l'unica che l'ha cercato. Dopo le comproprietà qualcosa si può smuovere».