Grillo, meglio le grandi opere che le vecchie strade polverose

(...) Così succedette anche per l'autostrada di Aosta che i tuoi amici catastrofisti dicevano che erano miliardi spesi inutilmente... Ma si fece il traforo del Monte Bianco, seguito dal Gran San Bernardo, così ai valdostani arrivò un benessere inaspettato, si triplicò il flusso di turismo e maggior scambio di merci con il centro Europa. Caro Grillo sulle pendici del Col di Tenda ti sei salvato saltando giù dalla Jeep dove i tuoi amici si sfracellarono sopra la galleria di Tenda. La strada militare che sale al Colle Ciaudon circa 2300 m. di altitudine passa al Colle dei Signori 2100 m. sopra il rifugio Barbera. Essa prosegue per scendere le pendici del Saccarello 2200 m. giungendo a Monesi 1379 m. di terra battuta sono complessivi 40 km. Io con la 127 la feci ben due volte con due gomme di scorta (ovviamente misi la mia pratica ed esperienza di alpino). Caro Grillo ti rendi conto che per il tuo (allucinante) e ossessivo orgoglio, pari se non superiore a certi vecchi partiti, portate l'Italia a uno scivolone abissale come il Col di Tenda?
P.S. A coloro che leggono questa lettera (soprattutto a chi ha dato milioni di voti di protesta a Grillo) illudendosi che costui porti a migliorare l'Italia hanno tempo a pentirsene perché il nostro Paese cadrà in una vera e propria dittatura comunista! Alle nuove elezioni ricordatelo.