Giornata positiva per le principali borse europee Piazza Affari vola e chiude con un rialzo del 2,3%

Giornata positiva per le principali borse europee. Piazza Affari vola e chiude la prima seduta della settimana in rialzio del 2,3%. Bene i bancari e i titoli industriali ed energetici. Francoforte +2,44%, Parigi +2,2%. Boom di Atene: +15%. Avvio in rialzo per le borse Usa 

Milano - Piazza Affari ha chiuso la prima seduta della settimana in rialzo, in linea con le principali piazze del Vecchio Continente. A supportare il deciso rialzo della Borsa di Milano sono stati gli acquisti su tutto il comparto bancario, sui titoli industriali ed energetici. Il Ftse Mib ha archiviato le contrattazioni in rialzo del 2,3% a 15.140 punti. Chiusura in deciso rialzo anche per le principali borse europee, sostenute anche dai dati macro statunitensi. La migliore performance è quella del Dax di Francoforte che ha terminato le contrattazioni con un +2,44% a 5.672 punti. Bene anche il Cac 40 di Parigi che ha guadagnato il 2,2% a 3.155 punti. L’Ftse Mib di Piazza Affari ha chiuso infine a +2,3% a 15.140 punti. Continua in territorio positivo anche la seduta della borsa di New York: il Dow Jones guadagna l’1,35% e il Nasdaq il 2%.

In rialzo le borse Usa Avvio in rialzo oggi per le Borse Usa, dopo l’arrivo dell’uragano Irene, meno forte del previsto. Oltre ai danni minori del previsto provocati dall’uragano, declassato poi a tempesta tropicale, anche i dati macro hanno dato fiducia ai mercati. Secondo il Dipartimento del Commercio, le spese per consumi personali sono salite in luglio dello 0,8%, la crescita maggiore in cinque mesi. D’altra parte, i redditi personali sono saliti dello 0,3% in luglio. I dati hanno contribuito ad alleviare la preoccupazione degli investitori su una possibile recessione. Il Dow segna +1,63% a 11.468, Nasdaq +1,98% a 2.528.

 

Vola Atene Corre il listino di Atene con l’indice Composite in crescita del 15%. Il mercato insegue le ipotesi di fusioni tra le banche dopo la decisione della borsa greca di sospendere Alpha Bank ed Euro Bank in attesa di una nota sulla fusione tra i due istituti. Alpha Bank, inoltre, ha anticipato ad oggi la diffusione della semestrale prevista originariamente per domani. Corrono nel frattempo le rivali National Bank of Greece (+28,42%) e Piraeus Bank (+28,75%), su ipotesi di ulteriori operazioni di consolidamento del settore.