Il giudice scarcera jihadisti di Merano: "Non processiamo l'ideologia"

Il procuratore capo di Trento, Giuseppe Amato difende la decisione di scarcerare i presunti jihadisti di Merano: "I fatti di Parigi non possono influenzarci"

Nemmeno il tempo di arrestarli, che i presunti jihadisti di Merano sono stati già scarcerati dal giudice. La decisone del Gip di Trento, che ha confermato solo dieci delle 17 ordinanze di custodia cautelare disposte dal gip di Roma per associazione con finalità di terrorismo internazionale, ha sollevato diverse polemiche.

Così oggi il procuratore capo di Trento, Giuseppe Amato, è tornato sulla vicenda. Ed ha difeso la sua richiesta di rendere inefficaci 7 ordinanze di arresto, poi accolta dal Gip. Da questa decisione ne era scaturita la scarcerazione di due soggetti detenuti in Italia. Secondo il procuratore, la decisione presa è corretta perché "non possono essere solo il contatto con presunti terroristi o la rappresentazione del pensiero a sostanziare un reato". Non solo: secondo Amato non si processano "manifestazioni verbali o ideologie, a meno di livelli concretamente istigatori, ma il concreto pericolo della commissione di atti di terrorismo".

Insomma, non basta conoscere terroristi (magari non averli denunciati) o professare un'ideologia che inneggia all'odio e alla guerra all'Occidente. Serve la pistola fumante. Serve, in pratica, che i terroristi di Merano stessero montando una bomba o qualcosa di simile. "Le fattispecie di reato di cui stiamo parlando - aggiunge - non sono sempre autoevidenti, non si sostanziano sempre nella commissione di atti concreti finalizzati al terrorismo. Per ciascun soggetto deve essere verificata la proiezione di un comportamento efficiente, materiale, che non sia limitato alla conoscenza di altri soggetti. Serve verificare il contenuto obiettivo delle intercettazioni e il fatto che da espressioni verbali derivi anche un atteggiamento concreto".

Per quanto riguarda l'impianto accusatorio, dopo l'arrivo del fascicolo da Roma per competenza territoriale, gli inquirenti trentini hanno "seguito convintamente la posizione di Roma, dunque l'esistenza dell'associazione con finalità di terrorismo, poi siamo passati a valutare le singole posizioni". Da queste valutazioni sono poi nate le scarcerazioni. Sarebbero emersi, infatti, elementi di "insussistenza di un compendio indiziario grave".

I due scarcerati in Italia sono Hama Mahmoud Kaml, 31 anni, detenuto a Trento, e Mohamad Fatah Goran, 29 anni, alias Kury Chanchamali, detenuto a Bolzano. Gli altri cinque, tutti di origine irachena, sono: Seddek Kadir Karim, 35 anni, di cui viene ipotizzata la morte in Iraq nel 2014; Sheda Sameer, 33 anni; Jamal Ibrahim, alias Hitler, 31 anni; Mahmod Mahamad Arkan, 28 anni (tutti irreperibili) e Kadir Sharif, 52 anni, che sarebbe stato arrestato in Gran Bretagna.

Tutti loro, sia quelli rimasti in carcere che quelli in libertà, rimangono indagati. Quindi, rimangono potenzialmente coinvolti nei progetti terroristici, ma le indagini si faranno con loro in libertà. "l compito di un magistrato - ha detto Amato - non è di adottare un provvedimento popolare o impopolare, ma di valutare con assoluta serenità. Certo l'emozione per fatti gravissimi come quelli di Parigi colpiscono tutti come uomini, ma nel lavoro è ingiusto e non rispettoso farsi guidare da queste". Secondo lui non c'era motivo di tenere dentro i presunti jihadisti.

Però, mentre (troppo) spesso i cittadini italiani indagati vengono tenuti agli arresti per lungo tempo, per i presunti jihadisti i magistrati hanno usato i guanti bianchi. Visto quello che sta accadendo in Francia e nel mondo, avremmo fatto a meno di saperli in libertà.

Commenti

carpa1

Ven, 20/11/2015 - 17:27

Bene, avanti così. Ma che li manteniamo a fare questi magistrati? Mandiamoli fuori dai cxxxxxxi che ne abbiamo abbastanza.

brunog

Ven, 20/11/2015 - 17:35

L'Italia e' il paese dove vige ancora il reato di apologia del Fascismo, invece il comunismo e terrorismo islamico vengono incensati.

Ritratto di Riky65

Riky65

Ven, 20/11/2015 - 17:36

hanno indagato gente e per molto meno come per esempio un gesto oppure appartenenza alla guardia padana , dopo diciannove anni prosciolti , ma va là dite la verità ,non nascondetevi dietro un dito!!

Zizzigo

Ven, 20/11/2015 - 17:43

Mettono in galera dei vecchi che non possono né scappare né nuocere, solo per "partito preso", ma quelli che possono essere realmente pericolosi, per la sicurezza, circolano liberamente. Cosa facciamo, li paghiamo per il brivido di vivere pericolosamente?

Ritratto di PELOBICI

PELOBICI

Ven, 20/11/2015 - 17:47

Il reato è solamente non essere di sinistra

Tobi

Ven, 20/11/2015 - 17:47

quanti sono lasciati marcire in galera in attesa di un processo, anche se innocenti, oppure se colpevoli di reati di pericolosità minima o nulla per la comunità (si pensi ad un povero ladro di galline). In questo caso per certi giudici invece professare l'ideologia del terrorismo islamico non costituisce pericolo. Due pesi e due misure. Ma più che altro, a mio parere, questo è un atto di viltà dei giudici.

Antares-60

Ven, 20/11/2015 - 17:49

"non processiamo l'ideologia", ma chi processa i magistrati? La disparità di trattamento tra cittadini onesti e i delinquenti è diventata insopportabile, per i secondi si trovano scuse inimmaginabili pur di non metterli in galera, fermate le toghe rosse amiche di Gino Strada, Centri Sociali, ROM, etc.!

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Ven, 20/11/2015 - 17:54

Bravi,processate gli italiani che si difendono !!!!!

Ritratto di tomari

tomari

Ven, 20/11/2015 - 17:55

...Non processiamo l'ideologia...Vale solo per i mussulmani? Visto che, se io faccio il saluto fascista vengo perseguito! Il fascismo non era una ideologia? Signor (eufemismo) magistrato, guardi che ho scritto ERA una ideologia. Loro, invece, sono tuttora in SPE. (per chi ha fatto il militare, sa cosa significhi).

INGVDI

Ven, 20/11/2015 - 18:01

Le interpretazioni ideologiche di certi magistrati di fatti e leggi mettono in pericolo i cittadini e spianano la strada all'islamizzazione del Paese.

Ettore41

Ven, 20/11/2015 - 18:04

In alter parole: Li arrestiamo solo se ammazzano, per ideologia, un centinaio di persone. Che dire..... No meglio non dire, c'e' solo di aver terrore e sperare.....

Italiano_medio

Ven, 20/11/2015 - 18:10

Ma una legge speciale NO ? Siamo o no in guerra con questa gente ? O ci occupiamo solo di veline etc. etc. ...

LAMBRO

Ven, 20/11/2015 - 18:20

DI QUESTI GIUDICI NON SE NE PUO' PIU'..SIAMO IN GUERRA E QUESTI SCARCERANO I NEMICI . SE QUESTO NON E' ALTO TRADIMENTO COS'E'? E IL CSM COL SUO PRESIDENTE TACCIONO VIGLIACCAMENTE.

Ritratto di Zohan

Zohan

Ven, 20/11/2015 - 18:21

se faccio il saluto romano mi arrestano...se preparo bombe mi pagano l'affito...ma dove mxxxxxa sono nato ? nel paese dei balocchi ?

Ritratto di 100-%-ITALIANA

100-%-ITALIANA

Ven, 20/11/2015 - 18:28

Ma certo non processate l'ideologia........solo se è rossa e/o mussulmana

Opaline67

Ven, 20/11/2015 - 18:32

Oriana scriveva: “in America, oggi, il rischio della dittatura non viene dal potere esecutivo: viene dal potere giudiziario. E nel resto dell’Occidente, lo stesso. Pensi all’Italia, dove, come ha capito la Sinistra che se ne serve senza pudore, lo strapotere dei magistrati ha raggiunto vette inaccettabili. Impuniti ed impunibili, sono i magistrati che oggi comandano. Manipolando la Legge con interpretazioni di parte cioè dettate dalla loro militanza politica e dalle loro antipatie personali, approfittandosi della loro immeritata autorità e quindi comportandosi da padroni”. Qui però si oltrepassa la follia

Ritratto di Gios'',,40.

Gios'',,40.

Ven, 20/11/2015 - 18:32

Solo quelli Italiani i giudici perseguitano.

Opaline67

Ven, 20/11/2015 - 18:36

Ho cercato invano, pur disprezzando l'operato di certi magistrati (quello del 90% di essi) di comprenderne invano la psicologia perversa che li guida. Missione sempre fallita. Oriana Fallaci li reputava un cancro tutto italiano ed aveva ragione anche in questo.

Ritratto di Civis

Civis

Ven, 20/11/2015 - 18:38

Le ideologie vanno processate, eccome! Se un credo qualsiasi, religioso, politico o sportivo propaga violenza e sopraffazione, va sanzionato, senza se e senza ma. Il dovere è prevenire, per evitare di leccarci poi le ferite. Le parole possono essere armi quanto e più di un Kalashnikov. Amato mi sembra un magistrato che vuol far parlare di sé a tutti i costi e non solo per il vezzoso ricciolo sulla fronte.

stogu

Ven, 20/11/2015 - 18:40

diamo l'indirizzo di casa dei magistrati ai barbudos

VittorioMar

Ven, 20/11/2015 - 18:44

...con la speranza che non si debba pentire..!!

capitanangelik

Ven, 20/11/2015 - 19:00

i magistrati: degli idioti che applicano in maniera idiota leggi fatte da gente piu' idiota di loro

Ritratto di No_sinistri

No_sinistri

Ven, 20/11/2015 - 19:02

Sinistri, fate la pace con voi stessi! Quei due neuroni che avete, fateli girare insieme! Non avete capito che i musulmani non vi voteranno mai? Puntate di più sugli africani, avrete miglior fortuna!

Beaufou

Ven, 20/11/2015 - 19:05

Ben detto, Amato. Non può essere"...la rappresentazione del pensiero a sostanziare un reato".Il mio pensiero, per esempio, rappresenta la magistratura come un'accozzaglia di impuniti vestiti da pagliacci, ma non per questo commetto un reato.

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Ven, 20/11/2015 - 19:18

Trasferiamoli agli arresti domiciliari in casa del magistrato.

Giampaolo Ferrari

Ven, 20/11/2015 - 19:19

TRISTE MA VERO.

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Ven, 20/11/2015 - 19:43

Mi piacerebbe sapere se la madre di certi magistrati sia quella cui si riferiva spesso Maurizio Costanzo!

fisis

Ven, 20/11/2015 - 19:46

Questa magistratura rossa è una vergogna. Oltretutto, di questi tempi, si dimostra anche molto pericolosa per la nostra stessa incolumità.

Cheyenne

Ven, 20/11/2015 - 19:47

BRAVO IN OGNI PAESE CIVILE SAREBBE PROCESSATO PER ALTO TRADIMENTO (A PARTE L'INCOMPETENZA)

Linucs

Ven, 20/11/2015 - 19:47

Fossero stati leghisti con un trattore e quattro pezzi di cartone avrebbero preso l'ergastolo.

istituto

Ven, 20/11/2015 - 20:02

Una writer ha scritto con lo spray in rumeno sul muro di Villa Forno a Cinisello Balsamo "Questo é il Paese delle meraviglie. Ruba più che puoi" Più o meno la stessa cosa devono averla pensata questi jihadisti :"Questo é il Paese delle meraviglie. Complotta più che puoi ,tanto ti scarcerano" . Con queste premesse chi vuole invaderci si starà facendo delle matte risate.

Publio Sestio Baculo

Ven, 20/11/2015 - 20:07

Giuseppe Amato, sarà la Storia a giudicare il suo operato!

Invisibleman

Ven, 20/11/2015 - 20:23

intelligence italiana!!!

Italianoinpanama

Ven, 20/11/2015 - 20:27

itaglia di merda si merita molto dolore!" e lacrime!

Mapagolio

Ven, 20/11/2015 - 21:05

Non processano le ideologie,io ne ho una, certi magistrati vanno cacciati ,non sono aggiornati sull animo umano,sono inadeguati.

Ritratto di hardcock

hardcock

Ven, 20/11/2015 - 21:08

Che i magistrati in questione siano immediatamente giustiziati dal popolo. Molice Linyi Shandong China

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Ven, 20/11/2015 - 21:13

Ma che squallore questi magistrati. Sono dei pusillanimi

eternoamore

Ven, 20/11/2015 - 21:19

Magistrati all'anime i chi temuoty

nunavut

Ven, 20/11/2015 - 21:24

Amato = Trentino ???? tomari -- tomari!! per i komunisti il fascismo (italiano) non é considerato un'ideologia ma un peccato mortale a parte che se esaminiamo correttamente,sia i komunisti sia i fascisti imponevano le loro idee con la forza e la violenza,dunque alcuna differenza ma purtroppo i bella ciao "loro vinsero" e i partigiani bianchi vennero considerati quasi quasi dei traditori.

Koch

Ven, 20/11/2015 - 21:35

Condannare gli jihadisti? Ma scherziamo? Sono bravi ragazzi ! Solo chi fa il saluto romano è pericoloso e va severamente punito!

Renee59

Ven, 20/11/2015 - 21:42

Veramente un grande esempio di Giustizia tutta di Sinistra. Se faccio un saluto romano, quanti anni mi becco?

Mobius

Ven, 20/11/2015 - 21:45

Mamma mia, quante menti idiote vegliano sulla nostra sicurezza... Lo ripeto, le questioni di importanza nazionale non vanno lasciate nelle mani di legulei, sia pure statali, abilitati ad occuparsi soprattutto di ladri di polli. Occorre istituire una Procura nazionale che si occupi di questioni militari e della sicurezza dello Stato, e che in tali questioni sia gerarchicamente superiore alla comune magistratura. E se i magistrati ordinari si vedranno "esautorati", strillino pure e vadano al diavolo.

Dinobozen

Ven, 20/11/2015 - 21:56

giudici? coglioni! che Dio li fulmini

jeanlage

Ven, 20/11/2015 - 22:25

A questo istigatore del vilipendio della magistratura, nessuno ha mai raccontato che politici, ovviamente non comunisti, sono stati condannati ad anni di galera per il reato di partecipazione esterna ad associazione mafiosa, reato che si concretizza nell'aver preso un caffè in un bar dove mezz'ora prima l'aveva preso un mafioso o, di fatto, essere siciliano? Con giudici così, l'unica soluzione è farsi giustizia da soli!

jeanlage

Ven, 20/11/2015 - 22:27

Spero che, per ringraziamento, falcino a colpi di mitra il giudice, la mogli, i figli, i genitori ed i nipotini. Forse, così, li potranno tenere in galera per un paio di mesi.

mariod6

Sab, 21/11/2015 - 08:43

Ho scoperto che posso mettermi a fare il cartomante. Quando li hanno arrestati ho scritto che tanto qualche giudice li avrebbe messi fuori subito. Avevo letto il futuro, senza alcun tentennamento. Concordo pienamente con quanto scrive "jeanlage" nei suoi post. Se fossero stati degli aderenti a Forza Nuova o a Casapound sarebbero ancora dentro e con una filza di accuse lunga da qui a Pechino. E il CSM che fa?? Va in giro alle inaugurazioni con l'ermellino e la toga rossa (guarda caso la sfoggiano anche!!)