Governo, Bossi: a gennaio decideremo cosa fare

Si è svolto a Palazzo Grazioli l’atteso incontro tra il presidente del Consiglio Berlusconi e i vertici della
Lega. Secondo alcune fonti sarebbe emersa questa linea: a gennaio si deciderà sull'eventuale allargamento della maggioranza. In caso di impossibilità a governare l'unica alternativa è il voto

Roma - E' terminato a Palazzo Grazioli l’incontro tra il premier Berlusconi e i vertici della Lega. Alla spicciolata sono andati via i ministri Umberto Bossi, Roberto Maroni, Roberto Calderoli e gli altri esponenti della Lega (Rosi Mauro, Roberto Cota, Giancarlo Giorgetti). Nessuno ha voluto rilasciare dichiarazioni a parte il capogruppo Marco Reguzzoni: "Ci siamo scambiati gli auguri di Natale", si è limitato a dire l’esponente del Carroccio lasciando via del Plebiscito.

Le indiscrezioni Secondo alcune fonti dall'incontro sarebbe emersa questa linea: diamoci tempo fino a gennaio per vedere se e come allarghiamo la maggioranza e poi decidiamo il da farsi, fermo restando che se non sarà possibile governare l’unica alternativa è quella del voto. In ambienti del Carroccio resta l’attenzione all’ipotesi di essere pronti a fronteggiare l’ipotesi di un ricorso anticipato alle urne a marzo. Comunque Bossi e Berlusconi resteranno in contatto e torneranno a verificare, alla ripresa dell’attività politica dopo le ferie di fine anno, la possibilità di continuare proficuamente il lavoro dell’esecutivo oppure di valutare ogni altra opzione. Fermo restando che l'intenzione del Pdl e del Carroccio - già altre volte ribadita - è quella di far sempre prevalere la volontà popolare rispetto ai "giochi di palazzo".