Honduras, ucciso italiano Giustiziato al semaforo: killer esplodono 48 colpi

Un imprenditore italiano, Massimo Cassinera, di 49 anni, è stato ucciso mentre si trovava in auto con la moglie, morta anche lei. I killer si sono accostati e hanno sparato 48 colpi

Tegucicalpa - Una scena classica: i killer che si accostano alla macchina ed esplodono i colpi. Un imprenditore italiano, Massimo Cassinera, di 49 anni, è stato ucciso a La Ceiba, in Honduras, dove abitava dal 2008. Nell’agguato è morta anche la moglie, Jessica Padron Perez. I due sono stati ammazzati a colpi di mitraglietta sull’auto da alcuni killer che sono fuggiti. Pare che Cassinera e la consorte tornassero a casa, nel rione residenziale di Los Angeles. L'imprenditore, che per alcuni anni ha gestito un negozio di moto, è stato raggiunto da dieci colpi di arma da fuoco, la moglie da quindici. La moglie, cubana, aveva 34 anni. La coppia è stata uccisa intorno alle 2 del mattino. Non si conoscono al momento i motivi del duplice omicidio. I killer hanno esploso 48 colpi che hanno raggiunto le vittime al volto, al petto e all’addome. La polizia locale sta indagando. L’attività svolta nel paese centroamericano dal connazionale riguardava la vendita di motociclette con il nome di "Tropical Motors".