I candidati a sindaco di Napoli

Dopo lo scandalo delle "primarie taroccate" (il cui esito poi è stato annullato) la sinistra si è affidata a un prefetto, Mario Morcone. Il centrodestra lancia l'ex presidente degli Industriali Gianni Lettieri. A contendersi il ruolo di terzo incomodo due nomi: l'ex pm De Magistris (Idv), Raimondo Pasquino (Terzo polo). Corre anche Clemente Mastella

MARIO MORCONE
Ha salvato il centrosinistra napoletano da una crisi senza sbocchi, nata dallo scandalo delle primarie "taroccate" in cui si era affermato il bassoliniano Andrea Cozzolino, impostosi su Umberto Ranieri (sostenuto dal Pd). Annullate le consultazioni popolari con l'accusa di brogli– un video sul sito del Corriere mostrava un gruppo di cinesi in coda per votare – la sinistra si è affidata al prefetto Mario Morcone. Cinquantotto anni, laureato in Giurisprudenza, si è occupato della crisi in Kosovo, dell’emergenza immigrazione e della gestione dei beni confiscati alla mafia. E' stato anche commissario straordinario a Roma.

Liste collegate Pd, Sinistra e Libertà, Napoli Riformista, Le competenze per Napoli. I nomi dei candidati per lista

GIANNI LETTIERI
All'ombra del Vesuvio il centrodestra ha scelto di affidarsi a un  uomo del fare che viene dal mondo dell'impresa, l'ex presidente dell'Unione industriali. Cinquantaquattro anni, Lettieri è presidente e amministratore delegato di Meridie Investimenti Spa (energie rinnovabili). Prima era attivo nel tessile. Corteggiato a lunga dalla politica, è al suo primo impegno attivo. Iscrittosi a Economia aziendale, per gli impegni di lavoro non è riuscito a completare gli studi. Nel gennaio 2011 ha ricevuto la Laurea honoris causa in Giurisprudenza, con la specializzazione in “Amministrazione e legislazione di impresa”, dall’Università degli Studi di Napoli Parthenope.

Liste collegate Pdl, Liberi con Lettieri, Giovani in corsa con Lettieri, Forza del Sud, Noi Sud, La Destra di Storace, I Popolari di Italia Domani, Partito Repubblicano, Insieme per Napoli, Alleanza di Centro-Pionati, Terzo Polo Libertas. I nomi dei candidati per lista

RAIMONDO PASQUINO
Rettore dell'Università di Salerno, Raimondo Pasquino ha 68 anni. Laureatosi in Ingegneria aeronautica a Napoli, ha insegnato a Bari e poi a Salerno. Ha una precedente esperienza da amministratore: è stato sindaco del Comune di San Giorgio a Cremano dal 1986 al 1988. Avrebbe dovuto correre già nel 2006: il suo nome fu lanciato dalla Margherita. Poi, però, la sinistra decise di puntare sempre sulla Iervolino. Pasquino è stato tra i fondatori del Pd a Napoli. Poi si è spostato sul Terzo polo (area cattolica). E Casini, leader dell'Udc, lo ha proposto come candidato a sindaco.

Liste collegate FLI, API, UDC, La città con Pasquino sindaco. I nomi dei candidati per lista

LUIGI DE MAGISTRIS
Quarantaquattro anni, entra in magistratura nel 1995. Pubblico ministero a Napoli e a Catanzaro, finisce al centro dei riflettori per le inchieste “Toghe lucane” e “Why Not. Trasferito a Napoli, come giudice, viene eletto al parlamento europeo nelle liste dell'Italia dei valori. Successivamente decide di lasciare la magistratura.

Liste collegate Di Pietro-Italia dei Valori, Lista civica Napoli è tua, Federazione della sinistra, Partito del Sud. I nomi dei candidati per lista

CLEMENTE MASTELLA
L'ex ministro della Giustizia dell'ultimo governo Prodi attualmente è parlamentare europeo eletto nelle file del Pdl. Sessantaquattro anni, giornalista, è sindaco del suo paese, Ceppaloni, dove ha ricoperto l'incarico anche dal 1986 al 1992. E' diventato parlamentare della Dc nel 1976, poi sottosegretario per lo scudocrociato. Con Casini fonda il Ccd nel 1994 ed entra nel primo governo Berlusconi come ministro del Lavoro. Poi fonda l'Udr (trasformatosi poi in Udeur). Nel 2006 è eletto senatore e diventa Guardasigilli nel governo Prodi. Si dimette dopo l'inchiesta che ha portato all'arresto di sua moglie, Sandra Lonardo, presidente del Consiglio regionale della Campania.

Liste collegate Popolari per il Sud. I nomi dei candidati per lista

GLI ALTRI CANDIDATI:
- Raffaele Di Monda (Progetto innovazione nazionale, Insorgenza)
- Roberto Fico (Movimento 5 stelle)
- Vittorio Lamberti (Movimento sociale)
- Pino Marziale (Sinistra critica)
- Ciro Formisano (Comunisti per il lavoro).