I giornalisti ci riprovano a fare un sindacato non di sinistra

GUERRA TRA SIGLE Lo strappo della Cisl: la Fnsi filo-sinistra esclusa dal convegno sull'informazione

Non era difficile prevedere che la «grande mobilitazione» del 3 ottobre in piazza del Popolo «per la libertà di stampa», dal «profondo significato» come ha scritto Franco Siddi, il segretario del sindacato - finora - unico dei giornalisti, si sarebbe rivelata un boomerang. Sgonfiate la retorica e le mongolfiere con la scritta Cgil, la «straordinaria manifestazione» dei «300mila» in piazza ha lasciato il segno per ciò che è stata: un’iniziativa di parte. Quella che è stata vista come l’ennesima strumentalizzazione sulla richiesta di autonomia e di tutela del mondo dell’informazione, non poteva non provocare reazioni. La risposta della Cisl arriva con l’importante convegno di questa mattina a Roma, fortemente voluto dal leader Raffaele Bonanni. Uno strappo in piena regola, titolo significativo: «Diritto e qualità dell’informazione, ruolo autonomo e libero dei giornalisti, partecipazione dei cittadini». Indovinate chi non è stato invitato? Franco Siddi, il presidente Roberto Natale, né qualunque rappresentante della maggioranza che da 15 anni governa la Federazione nazionale della stampa italiana, appunto il sindacato dei giornalisti.
A rompere le relazioni di bon ton sindacale sono stati gli slogan e i modi con cui è stato realizzato l’appuntamento del 3 ottobre. «Una manifestazione ideata e organizzata dalla Cgil appiccicando sopra l’etichetta della Fnsi e con le parole d’ordine di Repubblica, il giornale-partito per definizione» dicono alla Cisl. «Bell’esempio di autonomia», rincarano. Cisl e Uil non avevano aderito.
Per togliere ogni dubbio ecco cosa dirà, tra molte altre cose, Anna Maria Furlan, segretario federale del sindacato d’ispirazione cattolica, nella relazione introduttiva: «Non crediamo siano produttive certe iniziative condotte in nome della libertà di informazione se esse non sono animate da un costante impegno a ritrovare le ragioni della convivenza e del dibattito civile. È bene ricordare che nessuna posizione di parte, nessun organo di stampa che a suo modo si fa "partito", può oggi strumentalizzare il principio inviolabile della libertà di informazione per far prevalere il proprio disegno politico, sia esso in nome della maggioranza e dell’opposizione». Più chiari di così...
«Pluralismo» è la parola d’ordine che risuonerà oggi. Insieme a un altro concetto: la Fnsi fa politica e poco sindacato. È quello che come associazione Lettera 22 e come sparuta pattuglia all’opposizione nella Federazione della stampa ripetiamo da tempo. Anna Maria Furlan cita gli ormai fatidici due euro a pezzo con cui vengono «pagati» alcuni colleghi, «meno dei lavavetri». Ma gli esempi potrebbero essere molti. Risultato - anche - della politica assecondata, blandita, talvolta scientificamente perseguita, in questi 15 anni: la «proletarizzazione» della categoria. Tutti più poveri, tutti più ricattabili. E tutti più «intruppabili» nei pullman diretti a piazza del Popolo per rovesciare i governi sgraditi.
*consigliere nazionale Fnsi-l’Alternativa
pierangelo.maurizio@alice.it