Importanti novità sulle tecniche di autotrapianto capelli

L’autotrapianto capelli è da sempre considerato come una delle migliori soluzioni per riavere la propria capigliatura, senza dover ricorrere a protesi sintetiche o improbabili camouflage che non sono in grado di raggiungere risultati estetici pienamente naturali.

L’autotrapianto capelli è da sempre considerato come una delle migliori soluzioni per riavere la propria capigliatura, senza dover ricorrere a protesi sintetiche o improbabili camouflage che non sono in grado di raggiungere risultati estetici pienamente naturali.

Si parla di autotrapianto capelli in quanto i follicoli utilizzati per coprire perfettamente le zone diradate vengono prelevati da determinate aree della testa, come la nuca, e hanno la caratteristica di essere praticamente immuni all’azione del DHT (l’ormone che provoca l’alopecia androgenetica). In questo senso l’autotrapianto capelli si presenta come una redistribuzione dei propri capelli che, una volta innestati nelle zone colpite da calvizie, non cadranno più proprio per merito di questa loro peculiarità.

Come ulteriore vantaggio, la nuca da cui vengono prelevati i capelli non subirà praticamente variazioni, grazie al perfezionamento delle più moderne tecniche di autotrapianto capelli che non prevedono incisioni rilevanti sul cuoio capelluto rendendo, di conseguenza, l’intervento minimamente invasivo per il paziente.

Quali sono le tecniche più innovative?

Più che una singola tecnica, oggigiorno la resa migliore viene sicuramente offerta dall’utilizzo combinato di metodiche differenti.

La tecnica FUE (Follicular Unit Extraction) è eccellente per il prelievo delle unità follicolari dalla nuca, che avviene per singole unità non lasciando, come già anticipato, alcuna differenza nella zona dopo il prelievo.

Per la fase di impianto dei capelli il sistema DHI (Direct Hair Implantation) offre i risultati migliori grazie alle peculiarità dello strumento necessario per poterla eseguire, definito Implanter, che consente l’impianto diretto dei follicoli sul cuoio capelluto piuttosto che allocarli in alveoli (o piccole cavità) creati precedentemente, come previsto invece nelle altre tecniche.

Questa importante novità nella chirurgia dell’autotrapianto capelli garantisce l’attecchimento dei follicoli con percentuali vicine al 100%, riduce notevolmente i tempi di intervento e consente di ottenere un risultato di estrema naturalezza.

Ovviamente per avvalersi di un autotrapianto capelli eseguito con metodiche combinate e strumentazioni di ultima generazione è necessario rivolgersi a cliniche e chirurghi con la massima abilità ed esperienza.

Un’altra novità da aggiungere è rappresentata dall’ideazione di protocolli a supporto dell’intervento che permettono la realizzazione di un “autotrapianto personalizzato” (tramite uno studio accurato condotto sulla casistica personale del paziente) e la continua verifica della corretta ricrescita dei capelli trapiantati.

A chi rivolgersi?

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 13388 DEL 12/12/2018 R.R. 6/2017 – IHS Surgery S.r.l. – Direttore Sanitario Dr. Claudio Mazzeo

Grazie ad un’analisi gratuita prenotabile in uno dei 23 centri Istituto Helvetico Sanders semplicemente chiamando il numero verde 800 283838 o compilando il modulo presente nel sito web si ha l’opportunità di sottoporre la propria situazione a tutte le valutazioni necessarie per inquadrare esattamente il tipo di problematica in atto. Successivamente, sarà possibile pianificare insieme a esperti del settore, avvalendosi di una GARANZIA SCRITTA sul trapianto capelli, un autotrapianto con tecnica FUE e DHI supportato dal protocollo Istituto Helvetico Sanders SMART FUE.