Informazione, la Ue boccia la condanna all'Italia Berlusconi al Ppe: "Bravi, merito una medaglia"

No del parlamento europeo alla risoluzione sulla libertà di stampa in Italia presentata dal centrosinistra che denunciava pressioni del governo contro i media. Bocciata anche quella del Pdl. Capezzone: Pd e Idv volevano sputtanare l'Italia e non ci sono riusciti, chi risarcirà gli italiani?

Bruxelles - Il parlamento europeo non ha adottato alcuna risoluzione sulla libertà di informazione in Italia e nell’Unione Europea. La risoluzione del Partito democratico (presentata dai gruppi Socialista&Democratico, Alde, Verdi e sinistra), che sosteneva che in Italia la libertà di stampa è a rischio, è stata bocciata per tre voti di scarto (335 sì, 338 no e 13 astensioni). Quella del Pdl (Ppe, Ecr, Efd), che sosteneva invece che non c’è alcuna minaccia in Italia alla libertà di informazione, è stata bocciata con 297 voti favorevoli, 322 contrari e 25 astenuti. In totale, le risoluzioni messe al voto dopo l’intensificarsi degli attacchi agli organi di informazione da parte del premier Silvio Berlusconi erano otto, alcune di queste presentate dai singoli gruppi parlamentari.

Dibattito acceso Nella risoluzione del centrosinistra si puntava il dito contro i conflitti di interesse in Europa ed in particolare contro "la situazione italiana", vengivano "deplorate le pressioni" contro giornali italiani ed europei da parte delle autorità di governo italiane e si chiedeva alla Commissione Ue una direttiva sul pluralismo. Il centrodestra ha ricordato invece le parole del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e il suo invito a non usare Strasburgo come "istanza di appello" delle decisioni nazionali, concludendo che "la libertà di stampa è un valore fermamente stabilito" in Italia.

Mauro: "La sinistra vuole colpire l'Italia" "Se c’erano dubbi sul fatto che il fare politica della sinistra italiana a Strasburgo ha come unico obiettivo danneggiare gli interessi del paese questi sono stati fugati dal voto di oggi che ha preteso confermare nel titolo della risoluzione che verrà votata mercoledì sulla libertà d’informazione, la pretesa unicità del caso Italia". Lo afferma Mario Mauro, capodelegazione del Pdl all’europarlamento, secondo il quale il voto di oggi rappresenta "una strumentalizzazione bella e buona considerato che molti parlamentari anche socialisti di diversi paesi europei si erano pronunciati durante il dibattito perchè quest’ultimo avesse un tenore europeo e non lo scopo di colpire un paese in particolare". "Sta di fatto che sia il Pd che l’Italia dei Valori hanno optato per mantenere il titolo "Libertà d’informazione in Italia" con il solo evidente scopo di gettare cattiva luce su un Paese, il nostro, che probabilmente preferiscono vedere dilaniato dalle polemiche piuttosto che sostenere nelle sue necessità", conclude Mauro.

Capezzone: vergogna per Pd e Idv "E' una vergogna che, ancora una volta, in sede di parlamento europeo, Pd e Idv abbiano cercato di sputtanare - questo è il termine che più rende l'idea - l'immagine del nostro Paese. Non ci sono riusciti, e sono stati battuti nel voto. Ma chi risarcirà l'Italia e gli italiani per questo ennesimo danno che la cattiva politica ha cercato di procurare?", attacca Daniele Capezzone, portavoce del Pdl, commentando il voto contrario dell'europarlamento alla condanna dell'Italia sul tema dell'informazione.

Bonaiuti: figuraccia sinistra... "La sinistra è scesa in piazza a Roma, è andata a Bruxelles gridando l’allarme per la nostra libertà di stampa, ha cercato in tutti i modi di far fare brutta figura all’Italia e sono tornati indietro facendo la solita figuraccia, loro!".

Berlusconi chiama il Ppe: "Bravi" "È la prova che in Italia sono continuamente attaccato dai media, sono sempre sotto processo mediatico come è successo anche ieri sera..." Silvio Berlusconi dalla Russia è rimasto in contatto con Bruxelles e non ha voluto far mancare i complimenti ai suoi europarlamentari che si sono battuti per respingere la mozione preparata da Pd e Idv sulla situazione della libertà di stampa in Italia. La battaglia, portata avanti dal capo delegazione Pdl, Mario Mauro, è stata vinta grazie allo scarto di tre voti e "sposata" pienamente dal presidente del Ppe, Josef Daul. Il premier ha contattato proprio quest’ultimo per esprimere la sua soddisfazione sul risultato dell’assemblea plenaria di Strasburgo che ha respinto il testo della sinistra. "In Italia - ha ribadito il Cavaliere secondo quanto viene riferito - meriterei una medaglia per quello che ho fatto per l’editoria e l’informazione e invece sono sempre sotto bersaglio mentre faccio gli interessi del Paese". Berlusconi oggi è volato a San Pietroburgo per una visita privata con Vladimir Putin con il quale affronterà - tra i vari argomenti - anche il tema dell’energia e della cooperazione tra i due Paesi.