Obama non c'è più: senza magia si attacca ai numeri

Oggi al via la Convention democratica. Il presidente chiede la riconferma. Per ottenerla deve sperare che la disoccupazione cali. Ma per ora continua ad aumentare

C'è una certezza che accompagna Barack Obama in questi giorni: l'America sta peggio di prima. Peggio di come l'ha trovata. Peggio del 2008. Chiede un altro mandato, il presidente. Si presenta sul palco della convention democratica di Charlotte per chiedere al Paese di sceglierlo ancora. Altri quattro anni. Perché? La domanda a cui deve rispondere Obama è questa. E arriva dopo un'altra: che cosa ha fatto finora? Il presidente che doveva cambiare il mondo, l'uomo che ha ispirato più di mezza America e un bel pezzo di pianeta, il politico nuovo che doveva scavalcare la partigianeria, il leader che doveva ridare lavoro e speranza ai disoccupati si ritrova oggi a dover lottare per la riconferma alla Casa Bianca. A quelle domande, Obama può rispondere senza convinzione: ha fatto la riforma della Sanità e ha ucciso Osama Bin Laden. Non poco, certo. Il primo è un successo politico che non gli ha creato molto consenso popolare: la conferma da parte della Corte Suprema del testo della nuova legge sulla sanità è una vittoria indiscutibile che trova più sponde in Europa che in America. La morte di Bin Laden, invece, fa l'effetto opposto: ha suscitato conforto nella gente d'America e però diverse polemiche politiche e diplomatiche.

La riforma della sanità e il blitz contro il capo di Al Qaida sono due fatti, comunque la si veda. Il problema è un altro, però. E cioè che né la società americana, né la sicurezza nazionale oggi sono centrali. Obama vive e amministra un Paese in crisi, concentrato solo e soltanto sull'economia, depresso da numeri che non vanno e da voglioso di vedere la luce alla fine di una notte troppo lunga. È il Paese che sta peggio del 2008. È la dannazione della Casa Bianca, è l'assist a Mitt Romney che può proporsi al Paese come salvatore: Obama ha fallito, scegliete me. L'Economist ha riassunto in poche righe la situazione, aggiungendo il carico di alcune promesse politiche non mantenute: «Ci sono tre milioni di americani senza lavoro in più rispetto a quattro anni fa. Il debito pubblico è cresciuto di 5mila miliardi. La divisione politico-ideologica è più forte che mai, con la riforma della sanità che è diventata la prima fonte di rancore tra liberal e conservatori; l'Iran resta pericoloso, la prigione di Guantanamo è ancora aperta».

Sono le stesse critiche che qualche settimana fa ha fatto Newsweek: «La disoccupazione avrebbe dovuto essere del 6 per cento, a quest'epoca. Quella di quest'anno è stata invece in media dell'8,2 per cento. Nel frattempo il reddito reale medio familiare annuo è sceso di oltre il 5 per cento dal giugno 2009. Quasi 110 milioni di persone hanno ricevuto un sussidio sociale nel 2011. Benvenuti nell'America di Obama: dove quasi la metà della popolazione non risulta avere un reddito imponibile - quasi esattamente la stessa porzione della popolazione che vive in una famiglia in cui almeno un componente riceve un qualche tipo di sussidio o sostegno dallo Stato. Stiamo diventando una nazione fifty-fifty: la metà di noi paga le tasse, l'altra metà riceve i benefici».

C'è un mondo di anti-obamiani che cresce, sapendo che non tutte le colpe sono del presidente, ma avendo in mente anche che le aspettative che lui aveva creato e che gli altri avevano alimentato sono state deluse. È un momento complicato per lui. La prova ultima è che gli ultimi dati sull'andamento dell'economia, a partire da quelli sulla disoccupazione saranno resi noti dopo il discorso di Obama a Charlotte: saranno pessimi, evidentemente. Fossero stati buoni, li avrebbero tirati fuori in fretta, ora, a ridosso della convention per fare da traino al suo intervento.

L'elezione che un anno fa sembrava scontata, adesso non lo è più. Un candidato repubblicano non del tutto convincente come Romney adesso lo tallona, lo minaccia, lo mette in difficoltà. Mancano due mesi al voto, ma saranno due mesi di campagna pesante, vera, dura. È un voto da uno-due al totocalcio. Niente di scontato, niente di prevedibile. Obama ha il vantaggio di essere il presidente. Conta ancora nella politica americana. Conta ancora quel rispetto nei confronti della Casa Bianca che ha garantito, nel Novecento e poi nel Duemila, il secondo mandato a tutti i presidenti tranne tre (Ford, Carter e Bush padre). Non solo: oggi Obama è anche in vantaggio nei sondaggi di molti degli Stati chiave nei quali si decideranno le elezioni del prossimo 6 novembre. Però questo Obama non c'entra nulla con quello che ispirava fiducia quattro anni fa: ha perso il tocco, ha perso la voce, ha perso il sorriso. Per i suoi detrattori non li ha mai avuti, è stata la proiezione che gli altri hanno fatto su di lui dei propri desideri a spingerlo fino al cuore di Washington. A chi gli chiede che cosa hai fatto, allora, il presidente può rispondere a denti stretti: può vantare meriti che però sono incredibilmente irrilevanti per la situazione attuale. Succede. È la vita, è la politica.

Allora risponda all'altra domanda, per provare a tenersi il Paese: che farà nei prossimi quattro anni? Il programma parla di aumentare le tasse ai più ricchi e di dare sgravi alla classe media, insiste sulla necessità di una sanità per tutti, continua con la green economy (anche se meno convinto di prima), vuole soluzioni di politica internazionale concordate con l'Onu. Poco. Molti si aspettano un altro messaggio, il nuovo yes we can. Il paradosso è che adesso l'unica ispirazione sono i numeri, quelli orribili di queste ore: più posti di lavoro recupererà l'America in questi due mesi, più il presidente s'avvicinerà alla conferma. Obama fa la danza dell'occupazione. Senza magie, quelle non servono più.

Annunci
Commenti

Berna

Mar, 04/09/2012 - 09:43

Si è rivelato per quello che realmente era: un bluff. La sua era stata una vittoria mediatica. Il fatto che Guantanamo sia ancora aperto ha veramente del comico.

Cinghiale

Mar, 04/09/2012 - 10:44

Può sempre dire che il problema è la crisi che sta attanagliando l'europa. Risolti i nostri problemi anche loro staranno meglio.

marco1927

Mar, 04/09/2012 - 11:06

peccato per lui che in America i cittadini non si accontentano di fumo e che visto il suo fallimento non sono soliti porgere l'altra guancia, cosa che in Italia invece viene ancora bene: il sig. Monti distrugge e in tanti sono li fermi a 90° per godere ancora, sotto certi aspetti godo anche io nel vedere che Monti continua nel suo massacro almeno molti Italiani apriranno gli ochhi e se non ne hanno abbastanza allora che dire? tenete pure la foto di Monti sul comodino come fa Casini, almeno a lui conviene!

Ritratto di marforio

marforio

Mar, 04/09/2012 - 14:58

E se lo rivotano staranno ancora peggio.

Ritratto di cangrande17

cangrande17

Mar, 04/09/2012 - 15:25

Gli americani mi sembrano mediamente maturi dal punto di vista politico. Quando la riconferma era una buffonata, l'hanno sempre evitata. Dal mio punto di vista Obama merita nettamente di entrare nel ristretto club dei "non riconfermati". Yes, he can!

framont

Mar, 04/09/2012 - 15:27

OBAMA GO HOME...ARRIDATECI ER PREMIO NOBEL

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mar, 04/09/2012 - 15:49

Yes, we can do nothing

bobsg

Mar, 04/09/2012 - 16:23

Obama potrebbe confortare gli americani dicendogli che c'è chi sta peggio: gli italiani con Monti.

G_Gavelli

Mar, 04/09/2012 - 19:09

Quando dissi ai miei famigliari in America e postai su Il Giornale, 4 anni fa, che Obama era incapace ed inesperto, avevo torto. Vero? E potrebbe essere riconfermato....

G_Gavelli

Mar, 04/09/2012 - 19:17

Sacrosanto! Sacrosanto! A Maggio scorso ho sentito uno dei "suoi" Senatori dire, in privato: Obama non ha idee sull'Economia; le avrebbe Biden ma non gliele passa, perchè non vanno d'accordo; lui è il Presidente in carica e, purtroppo, lo dovremo ricandidare...

FRANCK56

Mar, 04/09/2012 - 19:35

Obama avra'anche deluso,ma il suo avversario che promette 12 milioni di posti di lavoro........

Ritratto di stock47

stock47

Ven, 07/09/2012 - 19:50

Obama si può attaccare a quello che preferisce, anche al tranv, ma gli americani non perdonano i perdenti e Obama lo è su tutta la linea. E' un pò troppo per sperare di essere rieletto.