Ma non conta nulla il buon governo?

Ma non conta proprio nulla aver governato bene per così tanti anni? Dobbiamo a forza volere l'unanimità anche nel malgoverno, dalle Alpi alla Sicilia?

Ma non conta proprio nulla aver governato bene per così tanti anni? Dobbiamo a forza volere l'unanimità anche nel malgoverno, dalle Alpi alla Sicilia?

È proprio irrilevante che la Regione Lombardia sia stata presa per anni a modello e paragone rispetto alle altre regioni spendaccione e inefficienti, dal numero dei dipendenti alla sanità?

C'era un sistema di potere forte, è vero, non si poteva far nulla se non eri dei loro: ma la stessa cosa si può dire per le regioni rosse e intoccabili, a partire dall'Emilia. A ognuno le sue coop. È vero, troppi gli inquisiti, i corrotti e le porcate al Pirellone, trotato e introiato; ma la colpa è più dei partiti, Lega inclusa, che del governatore. Il bilancio della Regione Lombardia è buongoverno condito da malaffare e malcostume.

Di questi tempi è quasi un bilancio invidiabile. O avreste preferito Penati alla guida del Pirellone? Non sorge il sospetto che la guerra a Formigoni sia stata ingaggiata da certi settori della finanza laica contro l'impresa cattolica per mettere le mani su grandi business come la sanità? Il ciclo perfetto di un governo è dieci anni, due legislature consecutive per realizzare opere e progetti; dopo è meglio cambiare perché il potere tende a degenerare. Un Formigoni rientrato nella politica nazionale qualche anno prima, con un ruolo importante, sarebbe stata una gran risorsa per il centro-destra allo sbando. Sarà narciso e indisponente, soprattutto quando ripete «forte» arrotando la erre, ma è uno dei migliori.

Non mettetelo in croce, si monterebbe la testa.

Commenti

Massìno

Mer, 17/10/2012 - 15:03

Certo che se le altre regioni sono peggio di qui non immagino quale sia il livello. Tanto per fare un esempio della sanità lombarda, l'ospedale di bergamo, costo preventivato 150 milioni apertura prevista 2009 è tuttora chiuso, con l'acqua che entra negli scantinati e finora è costato 500 milioni. Buona gestione?

tzilighelta

Mer, 17/10/2012 - 15:21

Buona gestione? In confronto alla Sicilia che è peggio dello Zambia certamente! Ma affermare in senso assoluto che è il meglio di cui possiamo disporre mi sembra troppo! Soprattutto dopo le ultime vicende ndranghetiste, e poi, come scrive Veneziani dieci anni posson bastare, il celeste ha sforato di otto, quindi anche per lui è giunto il momento di passare dallo sfascia carrozze per la giusta rottamazione! Auguriamogli buone vacanze con e senza ricevute, questo almeno gli è dovuto!

Rossana Rossi

Mer, 17/10/2012 - 16:12

E' vero in Italia non conta il buon governo (che in Lombardia c'era checchè ne dicano i bamba) ma conta solo arrivare al potere per mangiare. Lega compresa, che non perde occasione di ribaltare e ,dopo Berlusconi ,c'è arrivata anche con Formigoni. Questa è la squallida pseudo-politica all'italiana.....

Ritratto di Rosella Meneghini

Rosella Meneghini

Mer, 17/10/2012 - 16:49

#Rossana Rossi# Perfettamente d’accordo con lei. L’errore di Berlusconi è stato quello di non fare una selezione accurata delle persone sulle quali dare la sua fiducia. I suoi governi sono stati tenuti sotto ricatto non solo dalla magistratura e dell’opposizione con il beneplacito del Colle, ma soprattutto dalle beghe interne dovute ad una smodata sete di potere dei capo partiti ai quali proprio Berlusconi ha offerto la prima coppa per non farli soccombere. Se li avesse lasciati al loro destino, non saremmo a questo punto. Per quello che riguarda la Lombardia, l’altro errore fatale è stato quello di non cambiare il candidato a sindaco di Milano. mantenendo Letizia Moratti che dava già segno di calo di consensi. Ora che hanno Milano in pugno, vuole che non tentino il colpo gobbo? Anche se non ho ancora risolto il rebus Maroni, penso proprio che se si presentasse candidato lo si dovrà sostenere per non ripetere lo steso errore fatto a Milano. Perlomeno mi auguro che faccia qualcosa per regolare l’immigrazione e per contrastare la criminalità che, specie per quello che riguarda il contrasto alla criminalità, come ministro dell’interno, ha saputo gestire molto bene.

lunisolare

Mer, 17/10/2012 - 17:05

Il motivo delle dimissioni sono da ricercare nel calcolo politico della lega che ha preso spunto dal caso Zambetti implicato con la ndrangheta, perchè abbia scelto questo momento bisogna chiederlo a Maroni. Formigoni ha seminato qualche dubbio con la sua amicizia con Daccò, daccordo siamo garantisti, ma in politica un sospetto a livello mediatico è un macigno insormontabile, Formigoni poteva anche declinare l'invito per vivere tranquillo. La sua ricandidatura è sconsigliabile per lo strascico di polemiche che la vicenda causerebbe non solo verso se stesso ma in linea generale al centro destra che non attraversa un momento di forma, anzi è atonico, apatico, anemico, assente, praticamente in coma farmacologico.

peter46

Mer, 17/10/2012 - 17:09

Veneziani quest'articolo non è degno di Lei.Con tutto il rispetto possibile ,"Quello"è indifendibile.Se la gestione è stata buona,allora non è stato buono Lui.Se Lei ,come ha dichiarato Lui,ha sentore di qualcosa di strano sul nominativo zambetti,non solo lo accetta ma gli dà anche incarichi importanti?Il culo da parare era principalmente il suo,come pres.di regione,non di altri.E'stato imposto come la Minetti?Capisco la politica,ma non era un Boni nominato dalla lega,unica responsabile dei suoi nominati.Quello era "approdato"dall'udc al PDL,ed era Lui il responsabile.O se vuole avrebbe dovuto essere (paradosso ma non tanto)"intercettato"(Lei ha capito cosa voglio dire) prima da Lui che dalla magistratura e accompagnato all'uscita.E per i rimborsi pro-capite dello stato a me risultano al contrario di come ha dichiarato il Formigoni.Mi piacerebbe che qualcuno più addentro nella sanità li desse veritieri.

Massìno

Mer, 17/10/2012 - 17:21

Gentile signora Rosella, contrastato bene la criminalità Maroni ? Ma se la mafia è riuscita a entrare in consiglio regionale in Lombardia, dove credevamo di essere esenti. Il suo contrasto è stato voler andare in tv da Fazio a ripetere che qui la mafia non c'è. Infatti.

franco.cavola

Mer, 17/10/2012 - 18:02

CONCORDO IN PIENO CON QUANTO CONTENUTO NELL'ARTICOLO: NON CAPISCO L'ATTEGGIAMENTO MASOCHISTA DEL PDL E DELLA LEGA.

Ritratto di Rosella Meneghini

Rosella Meneghini

Mer, 17/10/2012 - 18:42

#Massimo# E’ vero che purtroppo la mafia si è infiltrata anche in Lombardia, Ma Maroni allora, era ministro degli interni e sul territorio nazionale di capi, capetti e gregari, ne ha arrestati un pel po’. E lei sa benissimo che per estirpare completamente questo cancro, ci vuole un governo integerrimo che riesca a riformare tutto, costituzione in testa. Il che, è semplicemente utopia. Come Berlusconi, era Formigoni a dover stare attento agli uomini dei quali si circondava specie di quelli che venivano da certe zone. Ma con i personaggi che ancora si presentano, tra giullari, voltagabbana di professione, traditori al cubo, vecchio ciarpame democristiano, mummie leniniste, contrastati da un Renzi che ha coraggio da vendere, ma che è tutto da verificare alla prova dei fatti, la mafia può dormire sogni tranquilli. Noi invece, no. Il nostro futuro potrà essere o rosso, o nero, o coronato con dodici stelline che infileranno le loro aguzze punte nelle nostre carni. Cordialmente - Rosella-

Raoul Pontalti

Mer, 17/10/2012 - 19:38

Gli Ateniesi perdonarono una prima volta Alcibiade che ai tempi di Pericle, di cui era sodale, pure aveva malversato perché gli avevano riconosciuto grandi doti e riconobbero anche che per poter rubare di più aveva fatto funzionare la macchina pubblica che gli era stata affidata. Non lo perdonarono però una seconda volta.Sicuramente è preferibile un gran ladro capace che se pure ruba fa funzionare bene l'amministrazione ad un inetto anche se onesto che manda in rovina l'ente affidatogli. Ma il Celeste non ha fatto meraviglie, la Lombardia funziona di suo nonostante i politici, e le sue puerili mancanze ora sono insopportabili. Non si puoò essere ciechi e sordi e non accorgersi da quali delinquenti si è circondati, alcuni dei quali amici propri. E il caso Minetti che ti sei trovata nel listino? e le firme false? Non ha preso le distanze da queste sconcezze e ora qualcuno nell'alto dei cieli ha fatto pollice verso. Pentiti Celeste e fai penitenza...

Carlafly

Mer, 17/10/2012 - 22:21

Sono solo giochi e riequilibri di potere.....sempre che il centro destra riesca a vincere le elezioni.

Ritratto di Luca Scialò

Luca Scialò

Mer, 17/10/2012 - 23:02

Non vivo in Lombardia, quindi non posso giudicare il suo operato sul territorio. Ma da campano sicuramente so che se la passano molto meglio di noi. Comunque se ha sbagliato paghi, il consiglio regionale lombardo è un coarcevo di indagati

Ritratto di Geppa

Geppa

Mer, 17/10/2012 - 23:27

Ma di quale buona gestione parla Veneziani??? Quale? C'è più camorra e ndrangheta in Lombardia che a Pizzocalabro! Scandali sanità e imbarazzanti ritardi Expo...ma di cosa stiamo parlando??? E' ma la regione dell'intrallazzo e mangia mangia!

Ritratto di venividi

venividi

Gio, 18/10/2012 - 08:18

Ce l'avete tutti con Formigoni, è diventata una moda. Formigoni è quello da abattere senza uno straccio di ragione valida. Quello che si è strusciato alla n'drangheta ? Ma allora non parliamo di Bassolino, vero ? E che dire del governatore della Sicilia che sta facendo carne di porco prima di andarsene ? E di Errani, e di Vendola ? Questi no, sono intoccabili.

andrea da grosseto

Gio, 18/10/2012 - 08:56

Raoul come fa un'intera regione a funzionare nonostante i politici? Mi sembra un pò esagerato. Una città come Firenze funziona da sola, nonostante Renzi, visto il turismo e la storia che sindaci incapaci si sono ritrovati in dote. Mi piace ricordare Alcibiade, grande personalità e grande generale mandato via con accuse false e per scarsa moralità (secondo i suoi avversari ovviamente). E così Atene ha perso la guerra...mi ricorda qualcosa che sta avvenendo qui.

pgbassan

Gio, 18/10/2012 - 09:31

Le cose si valutano sempre complessivamente e non per settori: quello che conta di più è il risultato, positivo o negativo. Punti di critica se ne trovano sempre, anche nei casi migliori. Nel caso in oggetto è proprio la finanza laica che vuol prendere i l sopravvento e penso che anche nazioni seppur forti abbiamo l’interesse ad abbattere la Lombardia (questa più forte della stessa Baviera, e da fastidio a tedeschi e francesi, oltre che ai sinistri nostrani ). E poi c’è la tendenza consolidata di omologare tutti: tutti ladri allo stesso modo anche se uno ruba 100 e uno ruba 1 miliardo. Violento è chi da uno schiaffo come uno che uccide: è sempre violenza: soprattutto quando chi commette il reato minore è l’avversario. Il potere conservato troppo a lungo porta inevitabilmente alla corruzione (e questo in tutto il mondo), per cui è bene dare dei limiti alla governabilità.

pgbassan

Gio, 18/10/2012 - 09:46

Rosella Meneghini: parole sacrosantissime, sia il primo che secondo commento. Massimo: colpa dei governi che non prendevano i mafiosi, merito dei magistrati che prendevano i mafiosi (non del ministro dell'interno, venuto il quale si ha una accelerazione fortissima per la causa): che bella maniera di argomentare. Ma la logica non è di casa per tante persone. La Lombardia è ben governata? Non è merito della presidenza. E' merito delle opposizioni? Per quanto riguarda l’ospedale di Bergamo, brutta faccenda, allora fermiamoci qui e non vediamo il miliardo appena traferito alla Sicilia, oltre ai 343 milioni mandati un mese fa. E questo oltre ai 10 miliardi annui prelevati dal Nord (70 miliardi dalla sola Lombardia) per trasferirli al sud. Spero che tu non sia del Nord o peggio di Bergamo.

gigggi

Gio, 18/10/2012 - 10:24

Non riesco a capirla, veneziani da bisceglie ! Le rivelo un segreto che tutti conoscono: "è preferibile la peggiore delle democrazie alla migliore delle dittature" (winston churchill).Ma lei veneziani che non prende esempio dagli intellettuali pugliesi ( è inutile che le faccia i nomi...li conosce...bene)continua a inanellare gaffes ed errori continuando ad amare bluff politici e uomini risolutori.Mussolini è morto quasi 70 anni fa e berlusconi ha fallito numerose volte ...ma lei........( mia opinione, prego rispettare anche se non d'accordo)

Ritratto di Rosella Meneghini

Rosella Meneghini

Gio, 18/10/2012 - 10:30

#venevidi# Anche i più scalmanati oppositori in cuor loro sanno benissimo che la Regione Lombardia è stata la regione modello, ma quando certi personaggi riescono ad infiltrarsi, è giusto mettere tutto in discussione. La cosa importante e non buttare il bambino insieme all’acqua calda. Cosa che non succede all’opposizione. Come al solito, poverini, tutti i governatori da lei citati, sono solo compagni che sbagliano, vanno compresi, l’esame di coscienza è bandito, per consolarli dell’errore commesso, vanno anche premiati. E dall’alto delle loro nuove onorificenze pagate da noi unitamente alle loro gestioni spericolate (chiamiamole così per carità cristiana), si ergono a giudici implacabili degli errori altrui, bollando i rei con gli epiteti più infamanti che rispecchiano quello che loro sono in realtà: sepolcri imbiancati. Buona giornata -Rosella-

andrea da grosseto

Gio, 18/10/2012 - 10:30

Geppa per mafia in Lombardia senta Boccassini e compagni. Magari chieda anche ai signori magistrati come mai, invece di masturbarsi con i filmini di Berlusconi, non si sono accorti dei mafiosi sul loro territorio. O forse ce l'hanno portati proprio loro.

Ritratto di Rosella Meneghini

Rosella Meneghini

Gio, 18/10/2012 - 10:59

#pgbassan# Caro Signore, che leggo sempre volentieri. Sono nata a Bolzano, ma abito a Milano fin dall’infanzia, ho sposato un milanese e posso dire che Milano è la mia città che amo in modo viscerale. Mio marito ha scritto persino un libro tutto in dialetto milanese e che è catalogato nelle biblioteche più prestigiose della città. Di conseguenza potrà comprendere cosa provo nel vederla ridotta nell’attuale stato di continuo degrado, che giorno dopo giorno la soffoca. Il Milano (non è un errore, il nome Milano è al maschile) della mia infanzia lo conservo nel mio cuore con straziante nostalgia. Con stima, la saluto cordialmente -Rosella-

Ritratto di Ninaninafvg

Ninaninafvg

Gio, 18/10/2012 - 11:42

Bravo e coraggioso come sempre il dott. Veneziani.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Gio, 18/10/2012 - 12:05

#Geppa- Io non conosco personanalmente la situazione lombarda,lei avrà le sue buone ragioni per lamentarsi,ma dovrebbe andare a vivere anche per breve tempo in qualche regione meridionale e sperimentare situazioni inerenti al settore sanità e pubblica amministrazione,sono sicura che cambierebbe opinione sulla gestione lombarda della cosa pubblica.

stefanopiero

Gio, 18/10/2012 - 12:15

Un conto è dire che in un sistema democratico è accettabile una quota "fisiologica" di corruzione. Qui è come dire il contrario e cioè che in un sistema corrotto come la pubblica amministrazione italiana si può ancora trovare qualche isola di onestà. Quando il contagio è troppo avanzato è normale mettere tutti in quarantena, sani e malati insieme senza distinzione nell'interesse del grosso della popolazione. Anche questo fa parte della "fisiologia" della sopravvivenza. Quello che emerge dale notizie è che il sistema stesso è malato e che per ogni corrotto c'è una responsabilità ad un piano superiore che in qualche modo ha avallato il malaffare. Allora tutti a casa è meglio per tutti

rubbioni.dino

Gio, 18/10/2012 - 13:59

il mio commento,è un invito al coraggio;non c'è nessuno che à il coraggio di rischiare, per dare un consiglio, che tutti sanno ma nessuno vuole sporcarsi le mani? vorrei leggere sul giornale,la sostanza delle pagine;89-90, del pro e contro Mussolini,e la pagina 72 de pro e contro Roosevelt. ci faremmo un' idea di tutte le giravolte che stanno facendo i nostri TECNICI.....

rubbioni.dino

Gio, 18/10/2012 - 14:16

riguardo all'onesta dei governanti, ho la mia idea che è incotrastabile cioè;i sindacalisti dove erano? quelli che devono proteggere il 75% della socetà? erano (e tuttora sono), a prepararsi la strada per arrivare a quella poltrona, perchè quella che hanno gli stà stretta,ma la cosa più grave per noi,è che la classe; che dicono di difendere, li crede. sveglia ragazzi. 4+4 da 8, e nessuno riuscirà ad aumentare o calare.