Anche i merluzzi piangono

Ma perché se spari a un tordo sei un criminale e se uccidi un pesce sei un benemerito?

Spiavo al mare un pescatore che afferrava euforico il pesce abboccato alla sua canna e la gente intorno si congratulava a vedere il povero sgombro agitarsi e disperarsi e soffrire con quel feroce amo in gola.

Ma perché se spari a un tordo sei un criminale e se uccidi un pesce sei un benemerito? Sono due creature di uguale dimensione, presumo stessa sensibilità e intelligenza; anzi il pesce ha più fosforo, invece tordo sta per fesso. Eppure la triglia non commuove e nemmeno la spigola, pesce federalista, che al nord muta in branzino.

Sia chiaro, io sono uomo di mare, mangio il pesce, gli uccelli a tavola mi fanno senso. Con la caccia sono in perfetto equilibrio tra cacciatori e anti: da ragazzo presi la licenza di caccia ma non uccisi mai un animale. Forse per imperizia, forse per stucchevole pietà, ma mi pareva brutto sparare a un uccello disarmato, era una lotta impari. Lo avrei fatto solo se avesse sparato prima lui o se mi avesse insultato pesantemente.

A me della caccia piaceva tutto, il rito, la natura, l'alba, l'arma, la tenuta, il cammino, l'appostamento, l'ascolto e la scoperta. Non l'esecuzione. E se anziché sparare gli facessimo la foto? Beccato, ora finisci su facebook.

Ma torno a chiedervi: perché vi commuove l'uccello e non il pesce, che pure è simbolo cristiano, non vi sporca i balconi, l'auto o la vostra testa, e non vi sveglia con i suoi versi? Quando vi fa gli occhi di triglia, la boccuccia da merluzzo, lo sguardo da totano, non vi commuove? Su Brambilla, pensi anche al Pesce. Santa Orata martire.

Commenti

fishnchips

Sab, 20/07/2013 - 15:35

Caro Veneziani, ha ragione. Tanto che mi vergogno un po' a dire che sono daccordo con lei quando ho scelto come 'soprannome' "fishnchips", cioe "fish 'n' chips", inglese colloquiale per "fish and chips": pesce e patate fritte. The best food nature invented, slurp! Questo wuo cucu' in difesa della fauna ittica mi ha convinto a cambiare nomignolo. (Sono curiosa di vedere se anche questo mio post innocente verra' censurato.)

Dario40

Sab, 20/07/2013 - 15:48

ha dimenticato di descrivere come vengono trattate le trote dopo essere state pescate : "randellate sulla testa" perché così sono più buone quando le mangiano. Se non ci credete andate in un qualsiasi laghetto di "pesca sportiva" !

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Sab, 20/07/2013 - 15:56

L'uomo è lupo verso tutti gli esseri viventi,ma possiamo permetterci la compassione?Anche a voler essere vegetariani nascono difficoltà da quando hanno scoperto che anche le piante sono dotate di una forma di sensibilità.

Ritratto di michele lamacchia

michele lamacchia

Sab, 20/07/2013 - 15:57

Non sono un conoscitore; premesso questo, vado a braccio e ricordo che Gesù liberò i poveri uccelli dalle gabbie ma poi moltiplicò i pesci per mandarli in massa ai forni e alla griglia. Certamente, lui doveva saperlo il perché è così che devono andare le cose. Eppure il pesce era il suo simbolo, anche se poi lo umiliò tanto condannandolo alla umiliazione degli scherzi di aprile, mentre la colomba promossa al grado di portatrice di pace, ogni volta che può ci sgancia addosso delle deiezioni ad alta corrosione che anche la vernice delle auto non risparmia. Ed ogni casineria lo chiamiamo piccionaia e non certo per complimento, come non lo è, quanto ad intelligenza, quando si prendono due piccioni con una sola fava. Eppure il pesce lo vogliamo di giornata, lo mangiamo vivo persino ed il volatile, invece, lo facciamo frollare. L’arcano del mistero avrà bisogno quanto prima di una bella sentenza a sezioni riunite che stabilisca la verità e la giustezza dell’ affaire. Anche perché,quando ci fa comodo, ci rompiamo indifferentemente l’ uccello ma anche il pesce, e potrebbe risultare pericolosamente abusivo retroattivo scassare uno piuttosto che l’ altro. Questo popolino che ciancia tanto di giustizia e non sa nemmeno cosa sia. Azze!

Ritratto di la fuga di logan

la fuga di logan

Sab, 20/07/2013 - 16:30

acuta osservazione, parliamone!

Ritratto di ludaucr

ludaucr

Sab, 20/07/2013 - 17:37

Io lascerei aperto tutto l'anno il periodo della caccia. Lascerei che, chi vuole, possa andare a caccia; compiuti i 18 anni, ovvio. Però, devono essere armati solo di ARCO E FRECCE! E poi...vediamo!

rino biricchino

Sab, 20/07/2013 - 18:11

E quindi? Boicottiamo anche la pesca o svincoliamo del tutto la caccia? Non ho ben capito...

Giacinto49

Sab, 20/07/2013 - 18:56

Credo che sia perchè il mare, salvo che per le zone costiere dove è comunque sinonimo di ricchezza, è lontano dagli animalisti di città.

guidode.zolt

Sab, 20/07/2013 - 20:22

Credo che quello che frega il pesce è il fatto che sia muto e non si lamenti anche se, come pescasportivo, in Romania ho trovato un pesce che "grida" il suo sdegno alla cattura e lì lo chiamano tipar (si legge zipar) e vuol dire "urlatore". Ne ho preso uno una volta e l'ho rimesso in acqua immediatamente dicendogli.."scusa scusa ma in fin dei conti te l'ha ordinato il medico di mangiare quello che metto in acqua...? e stai più attento!" Lo sa che le orate, ne ho preso una anche oggi, si lasciano accarezzare nel secchio e dimostrano piacere abbandonandosi alla carezza sul fianco..? io pratico il no kill e, in Romania, mi consideravano un po' "strambo" perchè liberavo tutto il pesce pescato...lì vanno a pesca per sfamarsi e cambiar la solita dieta a base di carne di maiale...

Ritratto di sydneysider

sydneysider

Dom, 21/07/2013 - 04:27

@fishnchips; rispetto I suoi gusti e le sue scelte pero' definire pesce fritto e patatine il miglior cibo al mondo mi sembra italianamente azzardato; ne parli con il suo fegato. L'elenco dei piatti, anche restando solo a quelli di ambito italiano, che mi vengono in mente prima del pesce fritto e patatine e' talmente lungo che non voglio abusare della pazienza degli altri lettori. In piu' sarebbe bello avere un po' piu' di autostima nazionale. Tra l'altro sul cibo non e' difficile, siamo unanimemente riconosciuti tra i migliori al mondo. Capisco che l'erba del vicino e' sempre piu' verde ma ci sono anche dei limiti ... complimenti a Veneziani per la leggiadria dell'articolo.

tonipier

Dom, 21/07/2013 - 09:28

" SIAMO IN BALIA DELLE ONDE" I gonzi sono prigionieri della propia credulità, mentre i messeri delle religioni continuano incessanremente a dare espansione alla propria ingordigia, mai satolli di privilegi e di dovizie, e si deve osservare come in nessun altro settore della vita sociale gli sfarzi del nababbismo sono così evidenti come nell'ambito della cristianità.

EL AMOR BRUJO

Dom, 21/07/2013 - 09:43

SIDNEYSIDER, mi pare che Lei non abbia preso per il giusto verso l' intervento sul pesce e patatine, il cui gusto - a prescindere dalla valenza della cucina - è diffusamente il più gradito e accettato al palato del mondo. Non diceva altro. Per il resto, si sa, al mondo tutto ciò che piace o è peccato o fa ingrassare. Non scomodi l' autostima nazionale, i primati, le graduatorie, il fegato...non è questo il caso.

Ritratto di rapax

rapax

Dom, 21/07/2013 - 09:59

Caro Veneziani, lei per coerenza ha ragione, è il discorso del povero cane e gatto..e invece i polli in batteria, i manzi..ecc non godono la stessa compassione, ma non sarà perchè da noi(da noi!) semplicemente i gatti e i cani non si mangiano??? allora è tutto facilitato, pensiamo alla questione cavallo, per gli anglosassoni mangiare cavallo è rivoltante..è come i cani e gatti(quasi)..da noi il cavallo si mangia..e non ci impietosisce una bella bistecca in tavola..comunque i tempi attuali sono tempi di cretini, un tempo Caligola era considerato Matto perchè fecce una stalla di marmo per il suo incitatus, lo nomino pure senatore..dandogli dignità pari agli umani..ora sarebbe considerato un GRANDE ANIMALISTA SENSIBILE e all'avanguardia..

Silver54

Dom, 21/07/2013 - 10:17

Anch'io da molto tempo mi arrovello sul quesito senza arrivare ad una conclusione. L'unica che mi viene in mente è che i cacciatori per definizione sono del nord e la caccia è un hobby, mentre i pescatori, per definizione, sono del sud e la pesca è un lavoro e questo non piace agli ipocriti radica chic, ma non è una buona giustificazione!

charliehawk

Dom, 21/07/2013 - 11:33

Caro Veneziani, appena ho visto l'annuncio del suo articolo, son subito corso a leggerlo, perchè è un dubbio che mi attanaglia da molto tempo. Anche in televisione, animaliste convinte come la "stucchevole" Dalla Chiesa che avrebbe lapidato in diretta un cacciatore, più volte parlava con simpatia della pesca. Ma lo sa che, in una per altro bella manifestazione che si svolge ogni anno per avvicinare i bimbi ai vari sport, c'era anche una minipiscina per la pesca facilitata. Mio nipotino era andato a prendersi la sua bella trota, poi me l'aveva consegnata ancora guizzante nel suo sacchetto di plastica,chiedendomi come doveva fare perchè non si muovesse più... si immagina lei, il putiferio, se avessero allestito un tiro al fagiano con l'arco, o la doppietta ?

EL AMOR BRUJO

Dom, 21/07/2013 - 12:30

SILVER, ma dove le vai a scavare certe teorie antropologiche, e le definizioni, poi, alle svendite dei cinesi? povera cultura italiana.

petra

Dom, 21/07/2013 - 14:36

Signor Veneziani, ho colto la metafora di questo paragone. Perchè se spari addosso ingiurie ad un federalista è cosa buona e giusta, mentre se fai lo stesso con un comunista ti vogliono lapidare?

Luigi Farinelli

Dom, 21/07/2013 - 14:57

Si potrebbe estendere il concetto: come mai tanta compartecipazione (per quanto sentimento nobile e ammirevole) per

Lino1234

Dom, 21/07/2013 - 16:05

Secondo me l'argomento è molto più importante di quanto sembra. Non sono mai riuscito a credere che un Dio possa aver creato un mondo dove gli esseri viventi sono costretti a divorarsi a vicenda per poter vivere. Questo argomento mi ha portato a preferire l'agnosticismo. Ovviamente non è il solo argomento che mi ha fatto scegliere di essere agnostico. Ma non ne ho trovato nessun altro che mi desse la certezza dell'esistenza di un Dio buono, onnipotente, ecc. B. Russell ha molti argomenti che mi convincono di più, ad es. : "non so se Dio c'è. Non so neppure se Dio non c'è". La fede è la sola che può portare a credere. La fede però non è logica e non "prova" l'esistenza di Dio. Saluti. Lino.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Dom, 21/07/2013 - 16:36

@Lino1234 - Il suo commento è molto interessante.Almeno per quanto riguarda la crudeltà inscritta nel suo destino,l'uomo ha elaborato la teoria antropocentrica giustificativa, per cui tutto è a lui inferiore essendo l'unico essere fornito di un'anima,fatto a immagine di Dio.Ma per molti l'orrore del 'divorarsi a vicenda' comunque resta.

Agev

Dom, 21/07/2013 - 17:37

Tutto è Uno . Noi Siamo Uno immerso nel tutto infinito Uno . Di fatto non c'è separazione o divisione . Solo l' Unità nel Uomo (come singolo ) .. del Uomo ( come gruppo .. mondo .. terra ) saprà tradurre in realtà le reali leggi naturali e cosmiche che lo governano ed alle quali appartiene . Noi siamo quelli della Legge del Uno . Nella nostra vibrazione o densità le polarità ( gli opposti ) sono armonizzati , le complessità semplificate , i paradossi hanno una soluzione . Noi sia Uno . Questa è la nostra natura e scopo . Tutto il resto appartiene a ciò che fino ad oggi si è chiamata cultura/religione/metafisica . La mia affermazione è un invito a ricercare la conoscenza dell' essere e divenire Uno ... per poter vivere l' unità e l' unicità che tutti noi siamo .. e tradurla in realtà .Gaetano