Il 25 luglio è vivo e lotta assieme a noi

Da settant'anni è il tormentone della storia d'Italia, il paradigma di tutte le cadute dei capi, di tutti i conflitti tra poteri e di tutti i voltafaccia e i tradimenti

Da settant'anni il 25 luglio è il tormentone della storia d'Italia, il paradigma di tutte le cadute dei capi, di tutti i conflitti tra poteri e di tutti i voltafaccia e i tradimenti. Ogni leader deposto nella nostra repubblica ha subito la sindrome del 25 luglio: da Craxi a D'Alema, da Berlusconi a Bossi, solo per dire dei più recenti.

Per i missini, la replica del 25 luglio fu la scissione di Democrazia Nazionale dal Msi (poi venne il caso Fini). Almirante ripeteva che fu coniato un verbo in inglese, To Badogliate, per indicare il tradimento col nome del Maresciallo Badoglio.

Il 25 luglio è anche un evento paradossale: un dittatore che va al Gran Consiglio consapevole del destino che lo attende, cade democraticamente, con voto di larga maggioranza e rimette il suo mandato nelle mani del Re e poi si fa arrestare.

Chi lo abbatte sono i suoi quadrumviri della Marcia su Roma (Balbo era morto), le migliori intelligenze del regime, da Grandi a Bottai, personalità di valore come De Stefani, De Marsico, Rossoni, Federzoni; la destra del regime, sotto l'egida del Re. Col Duce al Gran Consiglio restano in pochi e non i migliori. Mussolini è sfiduciato, non ama la prospettiva di andare al rimorchio dei tedeschi, magari voterebbe anche lui per la caduta.

Poi con l'8 settembre verranno le tragedie, da Salò a Verona, gli eccidi rossi, i rastrellamenti tedeschi, la guerra civile. Ma il Paese spaesato e decapitato, con la classe dirigente che si squaglia, comincia là (salvo antichi precedenti). Il 25 luglio non finì più.

Commenti

Leonard83

Gio, 25/07/2013 - 15:37

"lotta"?!... ..oh è l'anniversario della caduta di questo personaggio che sta nella foto!

MAICOMUNISTA

Gio, 25/07/2013 - 15:52

Un personaggio di altri tempi, grande carisma.

Ritratto di sgnorrossi

sgnorrossi

Gio, 25/07/2013 - 16:07

come si fa a dire che è caduto democraticamente non lo capisco...chi l'ha fatto cadere era l'oligarchia di una dittatura, non eletta, mica un parlamento eletto liberamente. "dopo l'8 settembre verranno le tragedie": eravamo ni dittatura dagli anni 20 e in guerra da 3, sai che risate...

Ritratto di sgnorrossi

sgnorrossi

Gio, 25/07/2013 - 16:10

@MAICOMUNISTA: ma chi, il duce?

Libertà75

Gio, 25/07/2013 - 16:35

@leonard, lotta nel senso che divide gli italiani tra chi si sente di aver tradito e chi si sente di aver fatto il furbo perché il più forte stava per vincere @sgnorrosi, caduto democraticamente secondo le norme che si era creato il regime, vuole che oggi c'è democrazia con una legge elettorale che da a chi ha il 34% la maggioranza del 55%? capisce che è tutto contestualizzato, poi se vogliamo mettere a confronto democrazie lungo la storia, quella non è stata la migliore, ma nel suo frangente di tempo, quella era.

odifrep

Gio, 25/07/2013 - 16:45

E' bello ogni tanto ricordare il Manzoni, che quest'Italia: "muta pensando all'ultima ora dell'uom fatale; né sa quando una simile orma di piè mortale la sua cruenta polvere a calpestar verrà". Dalla Sua caduta ad oggi, tutti i Suoi avversari politici sanno che mai avrebbero potuto sostenere un confronto con il DUCE. Forse, Silberlubenito.

bisesa dutt

Gio, 25/07/2013 - 16:52

oggi si festeggia la caduta del peggiore che l'Italia abbia mai avuto, è stato l'unico atto giusto del gran consiglio fasisssta, la fine del fasissssmo, oggi è un anniversario da festeggiare sempre

Ritratto di wirtshaus-trier

wirtshaus-trier

Gio, 25/07/2013 - 16:58

per me è un paese di grandissimi buffoni e traditori.sgnorrossi cosa sei un tedesco?

un saluto romano

Gio, 25/07/2013 - 17:27

mi rivolgo a coloro che in questi commenti hanno dimostrato solo la loro pochezza e detto solo in senso letterale della parola "ignoranza". si ignoranza perchè fanno parte di quella mandria che si è fatta lavare il cervello da una classe politica che per ben altri intendimenti ha dettato legge sulla storia da insegnare ai posteri. Di uomini in grado di governare un paese come il nostro c'era solo lui e quella che oggi voi chiamete democrazia è solo una grande farsa, visto che in realtà, siamo invece dominati da tutti tranne che dal volere del Popolo Italiano. Ci comanda l'America, ci comandano tutti i più grandi affaristi del mondo, ci comanda l'India, ci comanda anche il Kazakistan e voi quello che sapete fare è solo di sputare sul nostro passato senza un minimo di logicità. Oggi è proprio la vostra festa, si la festa dei traditori. L'Italia, purtroppo sembra meritarsi solo questo.

Ritratto di marinogorsini

marinogorsini

Gio, 25/07/2013 - 18:09

se il re l'avesse fatto custodire a dovere...anzikè al gran sasso...ci saremmo risparmiati la guerra civile...ma forse i savoia si accordarono con berlino...per farglielo liberare.

Ritratto di centocinque

centocinque

Gio, 25/07/2013 - 19:45

Magistrale

Ritratto di centocinque

centocinque

Gio, 25/07/2013 - 19:45

Magistrale

tzilighelta

Gio, 25/07/2013 - 19:51

Ma se è caduto democraticamente perché parlare di tradimento, allora i mancati attentatori di Hitler anche loro dovrebbero essere considerati dei traditori, anzi sono stati giustiziati come traditori, ma oggi in Germania (loro si che hanno cancellato e rivisto il passato)von Stauffenberg, Rommel, sono riconosciuti come eroi, eppure hanno tentato di uccidere il fuhrer, il 25 luglio è arrivato tardi dovevano provarci prima e purtroppo il duce non è stato neutralizzato, ci saremmo risparmiati la repubblica di Salò, la guerra civile, le stragi e oggi forse anche i festeggiamenti osceni e grotteschi del compleanno di Pribke!

Azzurro Azzurro

Gio, 25/07/2013 - 23:35

basta con l'ideologia e ideologie vecchie di 100 anni...

Ritratto di ipnotic71

ipnotic71

Ven, 26/07/2013 - 09:04

Ma l'abbiamo capito o no che in Italia comanda solo l'opportunismo? Davanti ai più grandi regnanti, dittatori, governanti ecc..... ci sono sempre stati e sempre ci saranno i più grandi traditori!

Ghinotto di Tacco

Ven, 26/07/2013 - 09:21

[...]con la classe dirigente che si squaglia[...] con una classe dirigente squallida, di cui l'attuale ne è degnissima erede. per non parlare di un popolo di voltagabbana, prima fascisti entusiasti, poi comunisti vendicativi, dell'ammiraglio Maugeri, dell'entrata in guerra, delle leggi razziali e fascistissime, del biennio rosso e poi del triangolo rosso, che la psudo-destra odierna ha preferito nel triangolo nero ad oltranza. Forse è ora di svegliarsi e di rispolverare il mos maiorum, di guardarsi allo specchio e provare quella giusta vergogna che ogni italiano dovrebbe provare, coinvolti in una politica da stadio senza senso e senza idee, servi di un Europa che da più di un secolo ci fa girare come le bambole.

Ghinotto di Tacco

Ven, 26/07/2013 - 09:30

[...]con la classe dirigente che si squaglia[...] con una classe dirigente squallida, di cui l'attuale ne è degnissima erede. per non parlare di un popolo di voltagabbana, prima fascisti entusiasti, poi comunisti vendicativi, dell'ammiraglio Maugeri, dell'entrata in guerra, delle leggi razziali e fascistissime, del biennio rosso e poi del triangolo rosso, che la psudo-destra odierna ha preferito nella versione triangolo nero ad oltranza. Forse è ora di svegliarsi e di rispolverare il mos maiorum, di guardarsi allo specchio e provare quella giusta vergogna che ogni italiano dovrebbe provare, coinvolti in una politica da stadio senza senso e senza idee, servi di potenze straniere che da più di un secolo ci fanno girare come le bambole.

Ritratto di Dobermann

Dobermann

Ven, 26/07/2013 - 16:13

Concordo con Pietrangelo Buttafuoco che ha detto: l'Italia è stata condannata ad un eterno dopoguerra perché non ha mai firmato una pace. Quindi ha ragione Veneziani a dire che 'il 25 luglio non finì più'. Volenti o nolenti, il 'personaggio' in questione è stato l'unico in grado di guidare la nave italiana (quella senza nocchiero). Unica parentesi prima che diventassimo un giocattolo in mano a quelli che pisciano sui cadaveri talebani uccisi e fanno la morale a tutti.

Holmert

Ven, 26/07/2013 - 18:28

Il 25 luglio 1943 dimostrò in maniera incontrovertibile che il fascismo cadde manu propria. Furono i gerarchi a votare contro il primo ministro e duce Mussolini, che fu costretto a lasciare il potere e fu incarcerato. Altro che resistenza. Il fascismo si uccise da solo, con gli americani che sbarcavano in Sicilia (10/07/1943). Ormai restavano solo macerie. Veneziani usa la parola "democraticamente", in quanto fu frutto di un voto che espresse una maggioranza ed una minoranza e non fu una caduta traumatica, in seguito ad una sommossa. Il resto è storia con uno strascico che ancora riusciamo a scrollarci. Causa l'antifascismo che continua ad essere un ricostituente che alimenta la salute dei partiti comunisti ex e post. Quando qualcosa non è di loro gradimento ecco che ti bollano come fascista ed il gioco è fatto. Una vera risorsa, meglio del complesso vitaminico B.

bruco52

Ven, 26/07/2013 - 19:25

Ai compagni, più che celebrare le loro vittorie, resta solo da festeggiare le sconfitte altrui, specialmente quelle inflitte da terzi, per poi appropriarsene e farle passare per loro....sconfitti dalla storia, non si vergognano dei tentativi vanagloriosi di atteggiarsi a vincitori...facce di bronzo....

michetta

Sab, 27/07/2013 - 08:24

Una cosa e' e sarà sempre certa: NESSUNO PIANGERÀ MAI SUL PERIODO 1946-2013 !!!!! E per favore, che nessuno inventi l'esistenza di Santi, Navigatori ecc. ecc. ecc.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Sab, 27/07/2013 - 12:27

Basta,andiamo avanti; che il passato non sia solo memoria paralizzante,lasciamo che restino solo i kompagni a nutrirsene,con tutte le mistificazioni che su di esso hanno operato,per coprire le loro turpidini e incapacità del presente.

Agev

Sab, 27/07/2013 - 12:43

Aggiungo ... dimenticavo .. i veri Barbari .. sono e saranno .. oggi ne paghiamo tutto l'effetto ... chi ha deciso di esporre il corpo di uomini e donne alla disperazione e rabbia del popolo .. cosa non si fa e si compie in nome e per il popolo ... pure idiozie e barbarie . Signori miei .. per essere e divenire Principi e Signori ... Camminare con passo libero sulla terra e nel cosmo .. ci vuole ben altra volontà e capacità . Gaetano

Ghinotto di Tacco

Dom, 28/07/2013 - 15:10

io sono fascita, e come tale sono necessariamente antifascista, esattamente come ogni vero comunista dovrebbe essere anticomunista (i risultati empirici di entrembe le esperienze sono a fattore negativo, incontrovertibilmente). io sono legato alle idee fondamentali di Gentile vergate sulla Treccani, sullo statuto di piazza San Seplorco. Sono legato alla mia patria, alla storia del mio popolo, perché mi appartiene, è mio, e io sono suo. Come non potrei vedere mia figlia soffrire senza agire, così non posso vedere la mia patria e, senza niente fare, non provare vergogna. Quell'Italia proletaria non si è ancora mossa... ed è anche colpa mia.

Ritratto di Falco1952

Falco1952

Dom, 11/08/2013 - 21:07

un saluto romano@.Commento inattaccabile,ma con i rossi perde il suo tempo.La saluto cordialmente.....

Ritratto di Falco1952

Falco1952

Dom, 11/08/2013 - 21:15

Sbaglio o la grande intesa era fondata su di un punto cardine che si chiamava imu,ma allora Epifani e company ci fanno o ci sono......

Ritratto di Falco1952

Falco1952

Dom, 11/08/2013 - 21:23

Guardando questo volto e confrontando lo con quelli che ci sono adesso,mi viene da sorridere per non piangere.L'Italia poteva essere un grande stato,invece è un ricettacolo di scansafatiche,falsi invalidi,falsi politici,falsi sindacalisti,falsi ecologisti,e falsi comunisti.W l'Italia,W la famiglia,W la Giustizia (di DIO).