"Solo la soluzione politica può salvare l'Italia da un conflitto pericoloso"

L'ex ministro Sandro Bondi contrattacca: "Il ritorno del Paese alla serenità non c'è se non si ripristina l'equilibrio di poteri alterato dalla magistratura"

Gentile Direttore,
sono stato riempito di critiche per avere espresso un'opinione molto semplice, che non si presta ad equivoci, di nessun tipo. La mia opinione è che o si trova una soluzione politica che ripristini un normale equilibrio fra i poteri dello Stato, gravemente alterato dalla magistratura, e si restituisce l'agibilità politica al leader del maggior partito italiano, oppure c'è il rischio - il rischio - di una nuova forma di guerra civile. Solo dei politici ignoranti, privi della sia pur minima cultura storica possono far finta di non capire il nocciolo di verità della mia opinione. D'altra parte chi mi ha attaccato è anche sfortunato, perché nello stesso giorno, il direttore del Corriere della Sera, Ferruccio de Bortoli, ha scritto, per sostenere una tesi diversa dalla mia, di un Paese «piagato da una ventennale guerra civile».

In effetti, chi conosce la storia dell'Italia, dal Dopoguerra ad oggi, sa bene che una guerra civile strisciante, mai dichiarata ma dagli effetti ugualmente drammatici, ha caratterizzato senza interruzione l'intera vita politica. La divisione dell'Italia durante la Resistenza, le stragi dei decenni successivi, il terrorismo, lo scontro ideologico fra comunismo e libertà, fino all'eliminazione per via giudiziaria dei partiti democratici della cosiddetta Prima Repubblica, raccontano di un'Italia perennemente sull'orlo di una guerra civile, di una contrapposizione politica che ha deformato ogni istituzione e ogni angolo della società.

Oggi che il disegno di eliminare anche Silvio Berlusconi dalla vita politica, perseguito dal 1994 in poi, è giunto a compimento, che cosa dovremmo dire? Che non siamo di fronte ad un nuovo capitolo di una guerra civile, non combattuta con le armi ma ugualmente violenta negli esiti finali? Come dobbiamo definire una sentenza che toglie i diritti politici e infligge il carcere, pur se domiciliare, al leader del partito di maggioranza relativa che è stato più volte presidente del Consiglio? E tutto questo - badate bene - per una supposta infrazione di carattere amministrativo, un'ipotetica evasione fiscale compiuta da una azienda in cui Berlusconi non ha più da decenni alcuna responsabilità formale. Che cosa sarebbe avvenuto in Italia se un trattamento giudiziario simile fosse stato inflitto ad un leader storico della sinistra? Non oso neppure immaginarlo. L'Italia sta vivendo un altro momento della propria storia in cui il tragico e il grottesco si uniscono inscindibilmente. Un altro momento storico in cui scopriamo di non essere un Paese predisposto al bene o alla conciliazione, ma in cui la ferocia e la barbarie possono scoppiare e esplodere in ogni momento, accanendosi preferibilmente contro capri espiatori delle colpe nazionali. Le mie parole erano rivolte alla politica, quella vera, la politica che sa scongiurare le divisioni e le rotture insanabili.

In questo momento solo la politica può salvare l'Italia dalla rovina, dalla disgregazione politica e da conflitti che possono avere esiti imprevedibili. Solo la politica può trovare quelle soluzioni che restituiscano serenità al Paese, permettendo innanzitutto al leader del più importante movimento politico del nostro Paese di non essere privato della propria libertà personale e di rappresentanza degli interessi e delle speranze della maggioranza degli italiani. Se la politica mancherà a queste responsabilità, l'Italia continuerà purtroppo ad essere avvelenata da una latente guerra civile, sì una latente guerra civile che è un tratto permanente della nostra storia nazionale, almeno dalla nascita del fascismo in avanti.
Chi mi conosce sa che sono personalmente uomo di concordia e di conciliazione, ma questo non mi impedisce di guardare in faccia la realtà per quanto essa mi spaventi e mi faccia orrore.

Sandro Bondi
Senatore, coordinatore Pdl

Commenti

Duka

Dom, 04/08/2013 - 09:16

E' vero Bondi ha ragione. L'alzata di scudi della sinistra è solo una occasione persa per stare zitti e/o una occasione (becera) in più per "dagli all'untore". Se questo fosse una paese pacificato che necessità ci sarebbe di cambiare governo ad ogni piè sospinto? Non capisco perchè il Presidente si sia offeso di ciò che sta sotto gli occhi di tutti anche i suoi da oltre 50/anni.

Ritratto di utentegiornale12

utentegiornale12

Dom, 04/08/2013 - 09:16

Bondi fai la pace col tuo cervello che e' meglio, e complimenti a tutti quelli che rilanciano le frasi di questi fini intelletti nei momenti difficili: non saranno sicuramente Bondi la Biancofiore e a ristabilire la fiducia di un PdL alla frutta.

soldellavvenire

Dom, 04/08/2013 - 09:19

bondi, il mondo ti guarda. e ride

Ritratto di LoZioTazio

LoZioTazio

Dom, 04/08/2013 - 09:21

Massimo sostegno alle parole di Bondi. 20 anni fa la sinistra ha cercato di eliminare per via giudiziaria i suoi avversari politici, e in parte c'é riuscita, i vecchi partiti di centro e di centro destra furono spazzati via, e con loro fu eliminata anche quella immunitá parlamentare garantita dalla costituzione che metteva dei picchetti all

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Dom, 04/08/2013 - 09:25

SU IDEAZIONE DEL gen-feb 2002, il compianto ILLUMINATO VINCENZO CAIANIELLO, Emerito Presidente della CONSULTA, nel suo dottissimo articolo :-GIUSTIZIA, Torniamo alla Costituzione-: .." .. Carlo Arturo Jemolo, la più alta coscienza morale del Novecento, ne parlò nel Convegno su 'Lo sperpero del danaro pubblico', a fronte di chi invocava un organo di autogoverno della Corte dei Conti. Jemolo rispondeva con riferimento al già costituito CSM -: Non nascondo che guardando la realtà italiana ogni auto-governo mi fa paura; non ho mai visto nè facoltà universitarie, nè ordini professionali non dico avere severità, ma esercitare il richiamo al senso del dovere verso gli appartenenti che sgarrano. Spossessare l'esecutivo, spossessare il Parlamento, mi sembra una distruzione dello Stato. Gli autogoverni generano le caste chiuse, le mentalità gelose dei propri privilegi, le paratìe stagne, per cui ci si separa dal sentire della massa, più ancora che non si resti separati in seno alla burocrazia o nell'ambito di Montecitorio. So di andare controcorrente (concludeva Jemolo) insorgendo così contro quelli che per molti miei amici sono valori della democrazia, e che per me sono gli idoli di una falsa democrazia; ma non mi è possibile tacere:-"- Continua Caianiello, Per essere organo di autogoverno, sarebbe stato necessario che i componenti del CSM fossero rieleggibili per avere il riscontro di fiducia dei loro elettori, che essi provenissero esclusivamente dal Corpo separato arroccato in se stesso, mentre la Costituzione prevede che il CSM sia composto anche da persone elette dal Parlamento ed estranee alla Magistratura. Dai lavori della Costituente emerge in modo nettissimo che questa commistione era stata concepita proprio per evitare che la magistratura si trasformasse in contropotere avulso dalle Istituzioni. Ma per porre altra barriera a questa allora solo paventata eventualità poi malauguratamente realizzatasi. La Costituzione definisce la Magistratura un ORDINE, giustapponendolo così nell'art. 104 agli altri POTERI. Cioè, a differenza dei secondi che sono un POTERE-APPARATO (in senso soggettivo), un POTERE-FUNZIONE, proprio come voleva Montesquieu. La trasformazione definita del CSM da organo di amministrazione della carriera dei magistrati, in ASSEMBLEA POLITICA, che pretende addirittura di condizionare ed interferire nella SOVRANA FUNZIONE DEL PARLAMENTO, attribuendosi compiti estranei a quelli previsti dalla Costituzione, e che, se compiuti da altri organi amministrativi, sarebbero reati (quis custodet custodes?), ha raggiunto le più alte vette per effetto della modifica del sistema elettorale a metà anni 70, da uninominale in proporzionale. L'organo di amministrazione delle carriere, è divenuto così il terminale delle correnti del sindacato di categoria. OLIGARCHIA AUTOREFERENZIALE DI QUALCHE CENTINAIA DI PERSONE CUI I MAGISTRATI NON POSSONO SOTTRARSI PERCHE' PERDEREBBERO I LORO REFERENTI NEL CSM PER I PROBLEMI CHE CONCERNONO LE LORO CARRIERE. Lo negano sempre i mestieranti di questa politica in sedicesimo, ma emblematica è la nomina di Primo Presidente della Corte di Cassazione, magistrato di eccezionale valore, NICOLA MARVULLI, avvenuta...CHI, in difesa dei magistrati, della loro indipendenza interna, del loro prestigio, osa stigmatizzare questa sconcertante occupazione della magistratura da parte dell'oligarchia sindacale, è accusato dal suo capo, come mi è accaduto in un recente dibattito radiofonico, di "fare la consueta requisitoria contro i magistrati". Frutto del delirio di onnipotenza dell'OLIGARCHIA che identifica se stessa con i magistrati. Chi difende i magistrati dall'OLIGARCHIA SINDACALE che li strumentalizza, E' NEMICO DELL'ORDINE GIUDIZIARIO. GLI OLIGARCHI si ritengono la Magistratura, in giro perenne tra convegni, tavole rotonde, dibattiti televisivi, per precostituirsi future carriere politiche, e coloro che attendono GIUSTIZIA si chiedono insistentemente dove poi trovino il tempo per svolgere le loro funzioni. Una occupazione che somiglia a quella degli HYKSOS che stava per condurre alla rovina l'Impero dei Faraoni, che riuscirono ad un certo punto a sottrarsi al giogo dei 're pastori'. Prenda esempio la stragrande parte sana dei magistrati. Anche nella articolazione organizzativa dell'ordine giudiziario, la Costituzione si ispira fortemente a Montesquieu, che nella sua concezione del Giudice, non poteva neppure lontanamente immaginare uniti in una stessa organizzazione i funzionari di accusa con il giudice. UNA INNATURALE COMMISTIONE dal punto di vista organizzativo di una delle parti del processo penale con il giudice, che vanifica la sua posizione di terzietà del secondo rispetto alle parti. Sorvolo (io Dario Maggiulli) su moltissime pagine SACRE. CAIANIELLO, nelle conclusioni :- Sono questi solo alcuni degli aspetti del marasma derivato dalla difformità del modello reale rispetto a quello voluto dalla Costituzione e che bisogna immediatamente ripristinare. ORDINE e non POTERE-CORPO SEPARATO; APOLITICITA' DELLA FUNZIONE DEI GIUDICI; DIVIETO DI ISCRIZIONE A PARTITI POLITICI E DI PARTECIPAZIONE O COLLEGAMENTO AD OGNI ATTIVITA' DI QUESTI ULTIMI; NATURA ESCLUSIVAMENTE AMMINISTRATIVA DELLE FUNZIONI DEL CSM ELENCATE NELL'ART 105, E DIVIETO DELL'ORGANO DI OCCUPARSI DI ARGOMENTI DIVERSI DA QUELLI SCRITTI IN COSTITUZIONE; ROTTURA DEL CORDONE OMBELICALE DI QUEST'ORGANO AMMINISTRATIVO CON LE CORRENTI DI POTERE DEL SINDACATO TORNANDO AL VECCHIO SISTEMA ELETTORALE UNINOMINALE SE MAI INTEGRATO DAL SORTEGGIO; NETTA SEPARAZIONE DELLE CARRIERE DEI MAGISTRATI DI ACCUSA DAI GIUDICI, SENZA MEZZI TERMINI, PURCHE' ENTRAMBE AMMINISTRATE DAL CSM IN BASE ALLA LEGGE ORDINARIA;..RESPONSABILITA' SE RESPONSABILITA' CIVILE DEL PUBBLICO MINISTERO NEL PROCESSO PENALE, ai sensi dell'art.28 della Costituzione come era prima del referendum in base all'art.74 cpc, che limitava espressamente la sua IRRESPONSABILITA' SOLO NEL PROCESSO CIVILE; UNA LEGGE DELLO STATO CHE DISCIPLINI I CRITERI DI PRIORITA' PER L'ESERCIZIO DELL'AZIONE PENALE, DA ATTUARSI SOTTO L'ALTA DIREZIONE DEL PROCURATORE GENERALE DELLA CORTE DI CASSAZIONE, E ATTUATA DAI PROCURATORI GENERALI, RESTITUITI ALLA LORO DIGNITA'. TUTTO QUESTO A COSTITUZIONE INVARIATA.-..- ISTITUZIONE DI UNA CORTE DISCIPLINARE INDIPENDENTE, SEPARATA DAL CSM, COMPOSTA DA PERSONALITA'-GARANTI DI ALTISSIMO PROFILO PER GIUDICARE IL COMPORTAMENTO DEI MAGISTRATI. -...- UNA VOLTA "un magistrato televisivo" disse che i politici sono tutti ricattabili. Come presagiva Carlo Arturo JEMOLO, fu assolto in sede disciplinare: Il Potere Politico non reagì come avrebbe dovuto.-------- HO SACRIFICATO PAGINE PREZIOSE, PER NON ABUSARE, più di tanto. DM --- Prego vivamente i consiglieri giuridici del Presidente Berlusconi, di avocare a sé, nel profilo riformista auspicato, questa pregevole dottrina consegnataci dal Nobilissimo Presidente Emerito della Consulta, Prof. Vincenzo CAIANIELLO.

procto

Dom, 04/08/2013 - 09:26

ah ah ah ma cosa dici Bondi? Hai preso un insolazione? Facciamo la guerra civile coi pensionati prelevati in corriera col cestino del pranzo? ah ah ah

Ritratto di LoZioTazio

LoZioTazio

Dom, 04/08/2013 - 09:27

(continua).... e insieme ai partiti politici 20 anni fa fu vergognosamente spazzata via quella immunitá parlamentare garantita dalla nostra costituzione, e che rappresentava l' unico vero picchetto alla ingerenza del potere giudiziario nella vita politica. Ma una volta tolti di scena per via giudiziaria i vecchi partiti moderati, proprio quando la sinistra era ormai sicura di vedersi servire il governo dell' Italia sul piatto d' argento della magistratura, ecco che comparve Berlusconi a romperle le uova nel pániere. E lí inizió l' assalto giudiziario a Berlusconi, culminato in questa ridicola condanna. É ora di dire basta a questo modo barbaro e vile di eliminare l' avversario politico, mica siamo in Russia o Ucraina dove i tribunali vengono usati per eliminare gli avversari politici scomodi!

maxmello

Dom, 04/08/2013 - 09:30

Sandro, mi rivolgo a te con parole semplici considerando il fatto che il tuo è lo sguardo di un cane al quale hanno fatto un giovo di prestigio con le carte e come faceva un uomo infinitamente migliore di me cerco di farti il concetto con una "parabola". Silvio mi ricorda tanto il ragazzo che viene processato perché ha ammazzato i suoi genitori e vuole comprensione dai giudici in considerazione del fatto che è un povero orfano. Se ci arrivi bene altrimenti fattela spiegare.

Ritratto di filippo agostani

filippo agostani

Dom, 04/08/2013 - 09:33

Caro Bondi. Tu leggi la storia a tuo uso e consumo. Per quasi 40 anni di repubblica i poteri dello stato sono sempre stati equilibrati. Ora è la politica ad essere distorta. la politica che ha potere illimitato su tutto, nominando generali, boiardi di stato, primari di ospedali, dirigenti sindacali,amministratori di banche e di aziende pubbliche, con il risultato che tutti sono al servizio della politica e deferenti verso i politici anche economicamente.Avete cercato negli ultimi anni,anzicchè pensare al bene dei cittadini, di difendere accanitamente un indifendibile, rendendovi ridicoli col voto sulla nipote di Mubarak. Ieri il finalcial time scriveva "cala il sipario sul buffone di roma". Questa è l'opinione degli stranieri. Non pensi neanche lontanamente al suo pensiero sulla guerra civile, perchè vi sono molti italiani incazzati per quanto avete fatto negli ultimi 20 anni portando l'italia a questi livelli. Guardi la realtà lei che vive nell'adorazione di un Dio (bugiardo) fatto di carne ed ossa che si costruisce un sarcofago come i faraoni...

Adalberto Tonini

Dom, 04/08/2013 - 09:33

Vorrei vedere se e quando un qualsiasi politico di qualsiasi partito dichiarasse di voler portare avanti la riforma della giustizia con la separazione delle carriere e la responsabilità civile dei magistrati (con tutte le relativa conseguenze) quanto dovrebbe aspettare per trovarsi accusato di crimini più o meno fantasiosi op teoremi basati sul nulla.

Gius1

Dom, 04/08/2013 - 09:34

Bondi, sono con te. Hai spiegato bene quello che e´sucesso. Deve finire la storia che vede i sinistri con piu´poteri legislativi. I pm e giudici devono essere GIUDICABILI se fanno degli errori non voluti e LICENZIATI se lo fanno apposta. Solo cosi si puo´ ricredere nella lealta e giustizia

Gius1

Dom, 04/08/2013 - 09:34

Bondi, sono con te. Hai spiegato bene quello che e´sucesso. Deve finire la storia che vede i sinistri con piu´poteri legislativi. I pm e giudici devono essere GIUDICABILI se fanno degli errori non voluti e LICENZIATI se lo fanno apposta. Solo cosi si puo´ ricredere nella lealta e giustizia

tonipier

Dom, 04/08/2013 - 09:35

" LE PREMESSE DELLA INVOLUZIONE DEL DIRITTO ITALIANO" Ripudio delle tradizioni nazionali e culturali, settarietà classista, avvento del regno della demagogia e della licenza, individualismo e particolarismo foriere di consumismo e di edoismo, proclamazione di disvalori morali e sociali, aberrazioni della sindacalpartitocrazia, come caratteristiche e peculiarità della pseudo cultura della ripristinata era democratica, hanno informato di sè- e non poteva accadere diversamenre attesa l'interrelazione di connotazioni fra le diverse manifestazioni dello spirito-anche il diritto. le leggi, la formulazioni od anniunciazioni legislative nelle quali il diritto si esprime, si formalizza e si sintetizza, sono stati i vapori nefasti dell'atmosfera politico-sociale che in Italia hanno impregnato la formulazione delle leggi e successivamente parte della amministrazione della giustizia. ( COME FINIRA'?.)

carlo-f

Dom, 04/08/2013 - 09:43

Infatti, lui di guerre e distruzioni se ne intende, basta vedere come ha ridotto Pompei, si e' dovuto pure dimettere. Quello che non ha fatto il Vesuvio e il tempo in 2000 anni c'e' riuscito lui in alcuni mesi.

marco lambiase

Dom, 04/08/2013 - 09:45

Bondi non dice chiaramente quale sarebbe la soluzione politica. Caro Bondi non ci lasci nell'incertezza. Ci illumini. A dimenticavo. L'eliminazione per via giudiziale dei partiti democratici. Non è possibile che si siano eliminati da soli, commettendo i reati contestati?Per quanto riguarda la sentenza, sarebbe opportuno pubblicarla, così ognuno si fa un'opinione nel merito. Grazie.

Giorgio1952

Dom, 04/08/2013 - 09:45

Il delirio di Bondi continua basta una semice constatazione, in nessun altro paese civile e democratico un personaggio come Berlusconi sarebbe entrato in politica. Negli Usa che viene considerata un esempio di democrazia , il presidente fa politica e basta non continua a curare i propri interessi personali, lo dice lei stesso che Berlusconi non ha alcuna responsabilita' formale nelle sue aziende perche' ne ha di effettive in pratica e' lui che comanda, cosi' come tutti nel Pdl fanno quello che dice lui. Quelli che si sono oppostit sono stati tacciati di tradimento, persone "orridissime" le ha definite. Proprio lei Bondi dice che solo la politica puo' salvare il paese, io credo che il paese puo' essere salvato da persone serie ed oneste indipendentemente dai partiti, Lei non puo' dare agli italiani lezioni di politica essendo passato dalla sinistra alla estrema destra se minaccia guerre civili, le ricordo infini che la guerra dei 20 anni e' quella di Berlusconi contro la giustisia non contro i magistrati che la aaministrano, ha sempre proclamato la sua innocenza a parole mai con le prove cosi' come ha sempre governato con le promesse mai con i fatti, ah di.enticavi ma la colpa e' sempre srati dei suoi ex alleati Casini prima, Fini poi e la Lega per ultima non e' mai colpa sua.

Paul Vara

Dom, 04/08/2013 - 09:46

Nessun compromesso con l'illegalità che da vent'anni si permette di attaccare e delegittimare la Giustizia per l'interesse personale di Berlusconi. Torni a scrivere odi al suo presidente, Bondi (e ad incassare l'assegno...).

Ritratto di filippo agostani

filippo agostani

Dom, 04/08/2013 - 09:52

Bondi non le viene il dubbio che è lei a non capire niente. Certo per lei Berlusconi è tutto perchè altrimenti sarebbe ancora a Fivizzano militante nel partito comunista che ora avversate. A tutti è noto il suo trascorso da ministro che non è proprio stato brillante. Da ventanni scrive a ragione De Bortoli è in corso una guerra civile che vede il suo partito teso a difendere colui che già prima di scendere in campo, non aveva certo un passato immacolato. Avete continuato a gridare contro un'altro potere dello stato, voi che avevate in mano la nazione e l'avete portata alle condizioni odierne. Se fosse stato condannato Bersani, D'Alema, Franceschini, Prodi o altro oggi non saremmo a questi eccessi. Chi sbaglia..genio.

pgbassan

Dom, 04/08/2013 - 09:54

Parole sacrosante e più pacate di così non si può. Forse si potrà recriminare che sono molto chiare e nette: la verità deve essere così. Il riequilibrio dei poteri dello Stato è cosa prioritaria dal 1992 in poi. Una cosa ho apprezzato in Craxi: quando in Parlamento ha ammesso il problema tangenti e altro in politica e ha invitato tutti a sedersi e procedere a stabilire nuove regole. Per tutta risposta si è avuto Tangentopoli (Farsopoli) mirante a distruggere una parte politica a vantaggio dell'altra. Fatto questo, spianata la strada al PCI-PDS, ecco l'imprevisto:il grave sacrilegio di Berlusconi: l'aver sbaragliato la gioiosa macchina da guerra rossa. Peccato originale imperdonabile per la magistratura rossa che capeggia la sinistra italiana. E subito guerra. Da sempre stimo Sandro Bondi. Mi spiace di non poter essere a Roma oggi, abitando molto lontano.

tonipier

Dom, 04/08/2013 - 09:54

" LA POLITICA ILLEGALE ANTIECONOMICA DI RIFONDAZIONE COMUNISTA" L'impegno principale di un governo serio ed avveduto è quello di favorire la instaurazione di un ambiente sociale idoneo ad assicurare il massimo benessere possibile al maggior numero possibile di consociati. un governo disposto cedere al ricatto del demagogismo, non può essere garante dell'ordine pubblico e del progresso societario, non può avere stabilità per la sua inettitudine a contenere la forze centrifughe e dissociatrici che insidiano la vitalità della nazione, per la incapacità ad esercitare la propia autonomia, la propia potestà di imperio sormontando l'illeceità di condizionamenti, di ricatti.

stesicoro

Dom, 04/08/2013 - 10:03

Bondi ha fatto benissimo a manifestare il suo pensiero che, essendo persona equilibrata e moderata oltre che gentile, sono convinto, è anche il suo timore. Non dia peso alle critiche e si mantenga saldo nelle sue idee.

Ritratto di Alberto43

Alberto43

Dom, 04/08/2013 - 10:04

Il re è servito! W il re!

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 04/08/2013 - 10:07

Lo hanno crocifisso perché a Pompei è crollato un muro, certamente non per sua colpa. Però a questo punto, dopo le caxxate sparate ieri, farebbe bene a lasciar perdere e a dedicarsi al giardinaggio. "GUERRA CIVILE"!?!? Ma siamo seri, certe espressioni e certi riferimenti sono inaccettabili.

Ritratto di sergio.stagnaro

sergio.stagnaro

Dom, 04/08/2013 - 10:12

Caro Bondi, perfetta la sua diagnosi, ma desolante ed a-scientifica la terapia proposta. Come potete voi politici dello sfascio, di destra, centro e sinistra (la scelta politica oggi è temporanea!) , realizzare quanto è necessario per sopravvivere, secondo la generale ammissione? Possono i responsabili di un "sistema" chiuso procurare i cambiamenti necessari per stare al passo coi tempi? Prendiamo, come esempio, la presente Medicina, Serva dell'Economia, fondata com'è sul gettonato Framingham Heart "ECONOMIC" (mio aggettivo NdR!) Stydy. Parlo di una Medicina che tutti, voi politici compresi, avete contribuito a tenere in piedi da oltre mezzo secolo, e caratterizzata dall'attesa che la malattia insorga per poi curarla con redditizi, ma inefficaci, farmaci: CVD, DM tipo2 e Cancro non li guarisce nessuno e sono epidemie in aumento. Come può essere credibile uno che, dall'interno del "sistema" - sia chiaro - afferma che è necessario ricorrere alla Prevenzione Primaria e Pre-Primaria per combattere le malattie più comuni, gravi e spesso mortali, perché prevenire è meglio che curare? Qualcuno parla di prossime elezioni! Lei crede che verrà raggiunto il 40% dopo quanto sta accadendo a danno degli elettori?

antiom

Dom, 04/08/2013 - 10:15

Nel marasma, accozzaglia e feccia dei discendenti dei così detti vincitori, fra sindacalisti, magistrati e avventurieri vari, che possiamo definire la palla al piede al paese da circa 70 anni: quando qualsiasi uomo si discosta dall'appiattimento del generale sentire, questi viene subito definito eversivo o pazzo. E' successo a Gianpaolo Pansa per i suoi libri sul revisionismo storico, al scrittore straniero del libro su Hitler e a chiunque si discosta dal giudizio tombale di cui prima. Sig Bondi, per quello che possa valere, ha la mia approvazione, tanto più per aver detto una cosa ovvia che i fighetti benestanti di sinistra, favoriti da questo sistema egemone pro domo loro, non capiscono o fanno finta di non capire.

Nadia Vouch

Dom, 04/08/2013 - 10:20

Una soluzione politica, dove però non c'è una destra europea e dove si parla di rifondare Forza Italia, per far presa su sentimenti nostalgici, su qualcosa che oggi ormai si è modificato? Che senso ha che tanti di coloro oggi nel pdl passino a FI? Le persone restano, nella sostanza, le stesse. Quindi, anche il tipo di politica resterà lo stesso.

Ritratto di 1959andrea

1959andrea

Dom, 04/08/2013 - 10:23

quello di sandro bondi è un comportamento passivo/aggressivo, tipico di chi non sta molto bene e avrebbe bisogno di aiuto.

nonmi2011

Dom, 04/08/2013 - 10:26

Bondi, lo dico per lei, non si affatichi troppo. Una guerra civile è faticosa, anche fisicamente. Lei l'unico allenamento che può vantare in questi ultimi 20 anni è la camminata che faceva tutte le mattine dalla sua stanzetta di Arcore per portare caffè e giornali al suo padrone e quella che faceva tutte le sere per sistemargli il letto. Eviti, ha anche una certa età.

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Dom, 04/08/2013 - 10:38

Eccellentissimo Presidente Napolitano. Credo proprio Ella meriti appieno l'appellativo di Uomo della Provvidenza. I fatti sono ai nostri piedi. Una 'Giustizia' che non vogliamo assolutamente stigmatizzare ha ritenuto di 'cancellare' il più importante Partito Politico Governativo. Le conseguenze sono letali per le sorti dello Stato Italiano, Europeo, Mondiale. Nelle Sue 'mani', Preziosissimo Signor Presidente, la possibilità di evitare l'irreparabile. Occorre, come mai in passato, una immediata Concessione di Grazia. Non si tratta di graziare un uomo privilegiato, per il suo personale tornaconto. Si tratta di graziare un ' MOTORE ', vitale, per le sorti del Paese. Purtroppo, non graziandolo, il finimondo. Si andranno poi a cercare le responsabilità. E, Ella Signor Presidente, sarà nel mirino. Ma, considerazioni speculative individualiste a parte, ecco, anche Lei, in queste circostanze, è un 'MOTORE'. Della stessa importanza dell'altro. Possiamo ritenerci d'essere giunti al traguardo ultimo. Che è anche un vicolo cieco. GRAZIA IMMEDIATA, necesse est. Mi inchino davanti alla serietà storica del Suo attuale momento istituzionale. Al quale non può assolutamente voltare le spalle. L'Italia.

Ritratto di palmarius

palmarius

Dom, 04/08/2013 - 10:40

Il ragionamento di Bondi non fa una grinza. E non si tratta della solita contrapposizione fra destra e sinistra. E' l'odio di chi ha visto nel Cav l'ostacolo insormontabile verso la presa del potere, che porta a parlare di guerra civile. Non ci dimentichiamo che sono vent'anni che gli italiani lo votano e quando il risultato non è maggioranza ci va molto vicino. E sono vent'anni durante i quali sull'uomo si sono rovesciate le accuse più gravi senza scalfire la fiducia che gli italiani, i più, hanno riposto in lui. Quella delle urne è la sola vera sentenza da rispettare. Le altre si possono solo subire.

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 04/08/2013 - 10:44

Giusto il riferimento fatto da Bondi all'articolo scritto da De Bortoli, proprio sul Corriere che lo ha attaccato. Del resto sappiamo da anni che alla Sinistra è consentito attaccare il nemico con "armi" che al "nemico" non sono consentite. Sappiamo che in ogni vicenda viene interpretata dalla "grande stampa" in modo diverso a seconda degli interessi politici in ballo. Sappiamo che Sallusti è un pericoloso "delinquente" in quanto colpito a raffica da condanne per quello che egli scrive, mentre analoghe condanne inflitte a giornalisti di sinistra qualche volta cadono "inspiegabilmente" in prescrizione. Resta il fatto che l'opinione pubblica che ragiona con la sua testa non può accettare che si possa parlare di "guerra civile", proprio in quanto di quelle parole conosce il significato, mentre la stessa cosa evidentemente non si può dire dei consimili del De Bortoli di turno.

Ritratto di Marco Marconon

Marco Marconon

Dom, 04/08/2013 - 10:46

Due precisazioni a Bondi e ai lettori di cx. Il PdL NON è è il partito di maggioranza relativa del Paese. Le ultime elezioni hanno definito M5S come partito più votato. Lo schieramento di cx non é la prima forza política in Italia, bensì il sx. Questo per la storia per gli ignavi

Ritratto di Marco Marconon

Marco Marconon

Dom, 04/08/2013 - 10:46

Due precisazioni a Bondi e ai lettori di cx. Il PdL NON è è il partito di maggioranza relativa del Paese. Le ultime elezioni hanno definito M5S come partito più votato. Lo schieramento di cx non é la prima forza política in Italia, bensì il sx. Questo per la storia per gli ignavi

terzino

Dom, 04/08/2013 - 10:52

Che caciara per le affermazioni, pacate, di Bondi. Troppi italiani hanno la memoria corta, o fanno finta di non ricordare, quando alcuni leader dell'IDV, SEL ed anche PD parlarono di guerra civile andando a raccontarla, a pagamento, anche su pagine di giornali esteri mentre quelli di parte, in Italia, tacevano col silenzio assenso.

Requiem sharmutta

Dom, 04/08/2013 - 10:57

Bondi è stato per molti anni un comunista del Partito Comunista Italiano. Ha nostalgia della Rivoluzione d'Ottobre. A proposito.....salutatemi il vostro Caro Leader Berlusconi (sembra di stare in Nord Corea!)

Emigrante75

Dom, 04/08/2013 - 10:58

Sandro Bondi, come tutti i politici di formazione comunista, di storia non capsce nulla. L'Italia è una democrazia giovane poichè la repubblica ha "appena" 78 anni. Il processo di maturazione delle istituzioni avanza a fatica e gli anni difficili del dopoguerra non hanno permesso di avanzare più alla svelta. Ci eravamo quasi arrivati finchè non sono emersi fenomeni populisti come la Lega, che hanno riacceso la fiamma delle passioni di parte. Da circa vent'anni, il Cav. raccoglie voti cavalcando sulla foga anticomunista della parte più reazionaria del paese. Se guardiamo le cose con un minimo di obiettività, dobbiamo ammettere che con il Cav. fuori gioco e Bossi sempre più emarginato, le possibiltà di ritornare sulla strada della dialettica

Anonimo (non verificato)

vacabundo

Dom, 04/08/2013 - 11:10

Come può salvare l'Italia uno che nemmeno ha potuto.voluto e saputo,salvare gli scavi archeologici di Pompei mentre cadevano a pezzi ed è stato anche il motivo di dimettersi da ministro dei beni culturali.Sig.Bondi, non faccia tanto fumo.Fino a che vi è piaciuto, la legge italiana,è servita a qualcosa,adesso che non vi piace più,bisogna cambiarla.COMODI.pERò C'è ANCHE DA DIRE CHE LA LEGGE è LEGGE E VA RISPETTATA.BISOGNA CAMBAIRE I METODI,I TEMPI E I CERVELLI DI MOLTISSIMI MAGISTRATI.EFFETTIVAMENTE MOLTISSIMI HANNO E LO USANO UN POTERE ENORME,QUASI ASSOLUTO E LO FANNO PREVALERE,ALTRI NON SANNO COME USARE QUESTO STRAPOTERE E SI PERDONO,ALTRI SI CREDONO ESSERE I SIGG.DELLA LEGGE E USANO LA LEGGE INTERPRETATA DA LORO ALL'EVENIENZA E LA USANO A LORO COMODO.E' DEFINITA CASTA,DIREI DI PIù.ASSOCIAZIONE SEGRETA NELLA QUALE E' DIFFICILE ENTRARE SE NON FIGLI,NIPOTI,PARENTI DEI VECCHI MAGISTRATI,NON LASCIANO SPAZIO A SCONOSCIUTI ANCHE SE FOSSERO I MIGLIORI.COMUNQUE,C'è ANCHE DA DIRE CHE IL SISTEMA ITALIANO E' UNO DEI PIù CORROTTI DEL PIANETA,MENTRE DOVREBBERO DARE L'ESEMPIO.PROVIAMO A CAMBIARE ATTEGGIAMENTI,TUTTI:POLITICO SERIO E SOPRATUTTO ONESTO.CITTADINI ANCHE.VIETARE AI MAGISTRATI DI FARE POLITICA,E' UN CONTROSENSO ENTRARE IN POLITICA,ANZI DEVONO ESSERE I TUTORI E SALVAGUARDARE LE LEGGI NELL'INTERESSE DEL POPOLO.FORSE QUESTO SUCCEDERà QUANDO L'iTALIA DARà GRATIS GLI STUDI DI QUALSIASI GRADO A TUTTI.QUANDO PROPORRà ANZI COMANDERà CHE TUTTI SIANO LAUREATI MENTRE NEL FRATTEMPO POTREBBERO LAVORARE E DAGLI STUDI PRODOTTI POTREBBERO AVERE ANCHE SODDISFAZIONI NEL LAVORO INCLUSO LA BUSTA PAGA.MI SPIEGO MEGLIO, TUTTI A STUDIARE FORZATI, VOGLIONO O NON VOGLIONO, MENTRE POSSONO LAVORARE ED ESSERE PAGATI IN VIRTù DEI PROFITTI DEGLI STUDI FATTI.PIù STUDI, PIù AVRAI UN BUON POSTO DI LAVORO, PIù AVRAI SOLDI.E VICEVERSA.PERO LA SCUOLA DEVE ESSERE TUTELATA AL 100% IN TUTTO.LA SCUOLA DEVE ESSERE LA PRIMA COSA CHE UN GOVERNO DEVE GARANTIRE,SALVAGUARDARE E TUTELARE CON MEZZI E SOPRATUTTO CON PROFESSORI SERI E PREPARATI E PAGARLI BENE.

Angel59

Dom, 04/08/2013 - 11:12

Finché in molte teste di italiani sarà radicata quella stramaledetta ideologia comunista non potrà esserci pacificazione..le sorti del nostro paese sono incerte e precarie e quando sulle tavole non ci sarà più cibo sufficiente scoppierà il pandemonio e questo sarà un bene perché finalmente ci sbarazzeremo di tutte quelle personalità che hanno portato il nostro paese nel baratro...il nostro sovrano al posto di esternare la sua permalosità si faccia un attento esame di coscienza ammesso che sia in grado di farlo considerata la sua ultra avanzata età e la sua costante presunzione e alterigia che col tempo al posto di diminuire va sempre più aumentando. L'Italia è diventata una brutta nazione perché è stracolma di brutta gente dove i così detti mafiosi possono essere considerate persone brave al confronto degli industriali, dei banchieri, dei politici e dei sindacati e di tutte quelle merdacce che vivono in modo parassitario alle loro ombre. Il nostro paese ha tutte le qualità per essere una delle più belle nazioni del mondo ma per colpa della gentaglia che lo abita è diventato una vera e propria fogna.Personalmente sto considerando seriamente di scappare da questa bolgia infernale.

Ritratto di pinoavellino

pinoavellino

Dom, 04/08/2013 - 11:12

Fossi in Voi io non deriderei più di tanto le parole di Sandro Bondi che, tra l'altro, si è sempre dimostrato un buonista. La possibilità di una "guerra civile" anche più che strisciante esiste e chiunque tasta il polso della situazione del comune cittadino non può che prenderne atto. La Nazione così non va ! Si poteva sopportare quando la maggioranza degli Italiani viveva decentemente ma ora che la suddetta maggioranza fa salti mortali solo per sbarcare il lunario la possibilità è reale ed, inoltre, la gente è cresciuta culturalmente e non si fa più raggirare da un manipolo di delinquenti che credono di essere onnipotenti e di decidere il futuro politico ed economico della Nazione.

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 04/08/2013 - 11:15

Ritorno sull’argomento. Gli Italiani non vogliono sentire neppure parlare di "guerra civile", mentre auspicano che il governo Letta sia difeso, indipendentemente dalla vicenda Berlusconi, nell’INTERESSE del Paese. La condanna può essere criticata, anche se a sinistra si pensa il contrario, ma va “rispettata”, nel senso che bisogna prendere atto del deliberato della (in)Giustizia. Anche ammesso che sia stato commesso un errore, in quanto i fatti perseguiti non costituiscono reato ovvero in quanto Silvio era estraneo ai fatti medesimi, non si può neanche pensare un altro errore più grande, mostruosamente più grande. Con tutto il rispetto per Silvio, che temo sia stato condannato non in base alle prove, ma a presunzioni di colpevolezza. La giustizia – che è “umana” - può anche sbagliare ed essere “ingiusta”, ma ciò non può mai giustificare che si parli di “guerra civile”.

chinawa58

Dom, 04/08/2013 - 11:17

X @Filippo Agostani ma perchè non vai a prenderlo in culo tu e tutti quelli come te ,vorrei essere smentito ma spero tanto che le merde come te spariscono dalla faccia della terra e si portano dietro tutte le loro convinzioni e bile d'odio,se ciò non fosse esaudiente ci penseranno quelli che ormai da troppo tempo prudono le mani e non vedono l'ora di scaldarle sul suo bel viso e quelle merde come lei di sx e M5S alri scemi nel cucuzzaro.

minestrone

Dom, 04/08/2013 - 11:23

boldi è completamente scemo

Pierofco

Dom, 04/08/2013 - 11:30

#maxmello - leggere i tuoi commenti è un piacere. Sono profondi, sagaci ed espressi con la semplicità di uno che ha le idee chiare. Complimenti!

Joecasti

Dom, 04/08/2013 - 11:38

Bondi: é veramente ridicolo quello che dice: "In questo momento solo la politica può salvare l'Italia dalla rovina, dalla disgregazione politica e da conflitti che possono avere esiti imprevedibili". Ma guarda un po'"la politica" é la soluzione di tutti i mali ... ma fammi il piacere. È la politica (casta corrotta ed egoista, pronta solo a fare i loro interessi) che ha portato l'Italia in questa situazione disastrosa indipendentemente dal colore politico, se fosse per me li sbatterei tutti quanti nel colosseo e gli farei fare si una guerra incivile finché si squarciano a vicenda e non ne rimane uno vivo :). Purtroppo resterá solo un sogno e continuerá tutto come adesso. Non capisco questo accanimento da parte di molti italiani, o contro il Pdl o contro il PD o contro il M5S ecc. ogni partito ha qualche proposta buona ma molte altre sono fatte solo per soddisfare le proprie esigenze e interessi. NON VOTERÒ MAI PIÙ. Politici andate tutti quanti all'INFERNO e portatevi con voi Giornalisti e Magistrati, sono convinto che senza questi individui l'Italia funzionerebbe meglio.

Pierofco

Dom, 04/08/2013 - 11:39

Bondi, tu dici, tra l'altro "..e tutto questo - badate bene - per una supposta infrazione di carattere amministrativo, un'ipotetica evasione fiscale compiuta da una azienda in cui Berlusconi non ha più da decenni alcuna responsabilità formale..." Quindi, è questa la linea difensiva e che vi permette di fare le vittime di un Giustizia bugiarda e cattiva? Quindi la frode fiscale, reato gravissimo, diventa una supposta infrazione? Ma quando dici queste amenità, poi vai allo specchio per guardarti negli occhi? Poi, ti prende la nausea o ti metti a sghignazzare? La prossima volta ti rispondo in rime baciate, così forse capisci meglio...

Ritratto di ALESSANDRO DI PROSPERO

ALESSANDRO DI P...

Dom, 04/08/2013 - 11:41

NON COMPRENDO PERCHE' IL "GRANDISSIMO CAPO DEL COLLE E DI TUTTO COMPRESA LA "sua" MAGISTRATURA SI DEBBA OFFENDERE PER COSI' POCO MENTRE NON SI SCANDALIZZA PER PER LE PORCHERIE DEL SUO PD ROSSO KGB,PER GRILLO E PER TUTTE LE IMMENSE ALTRE ANOMALIE ISTITUZIONALI. Beato ....lui !

Ritratto di Baliano

Baliano

Dom, 04/08/2013 - 11:49

Nonò "caro"--- utentegiornale12 --- chi è alla frutta è solo una sinistra sinistrata, che facendosi leva e scudo di una "Giustizia" in fase terminale, da tempo immemore "al caffè" e al conseguente conto da pagare, spera di saccheggiare e fare tabula rasa delle Opposizioni, in quel poco tempo utile che le rimane. Non potendo più usare i carri armati, quelli che ha sempre adoperato nella sua Storia, ovunque abbia preso e mantenuto il Potere per settanta anni di barbarie, sangue, miseria e fame vera. Sono gli stessi di Budapest e di Praga. Cerca di darci ogni tanto una sbirciatina, alla Storia, è sempre "Maestra di Vita" e troppo spesso si ripropone con le sue pagine più nere. Rgrds

Ritratto di alexaria10

alexaria10

Dom, 04/08/2013 - 11:54

Bondi caporivolta??!! Se berlusconi si ferma di colpo, Bondi gli ficca tutto il naso nel didietro.

Ritratto di sgt.slaughter

sgt.slaughter

Dom, 04/08/2013 - 11:55

Tralascio di commentare quanto riportato dai soliti sinistrati. Caro Bondi hai perfettamente ragione. Imparzialità della Magistratura? Sì certo, basta osservare i "fuoriusciti" quali Di Pietro, Ingroia, Violante e tanti altri, tutti rigorosamente di sinistra rossi come pomodori. Gli ignoranti comunisti che scrivono su questo forum non sanno, o fanno finta di non sapere, che negli anni 60 le facoltà rosse erano ben definite e Giurisprudenza era una di queste. Ebbene quei baldi giovincelli che decantavano le meraviglie (sic...) dell'allora URSS ce li ritroviamo tutti oggi con una toga addosso ed un potere ILLIMITATO. Separazione dei poteri? Certo il potere giudiziario è SEPARATO dalla destra ed in mano alla sinistra. Guarda caso nonostante il PCI tradisse il paese riempiendo le proprie casse di rubli questa strana magistratura non ha mai indagato su quel versante, senza poi parlare di coop, Telekom, MPS, Unipol (lo scandalo vero quello di Fassino che si porta a casa una banca, non la nefandezza del segreto istruttorio)etc., etc., etc.. E se lo ha fatto lo ha ftto per favorire giochi interni alla nomenklatura comunista. Fateci caso spesso negli scandali che riguardano la sinistra ci scappa il morto eppure le indagini si svolgono al rallentatore e si chiudono senza colpevoli. Facciamo saltare il banco, consegnamo il paese a questi quattro mentecatti di sinistra che si sono arricchiti con la politica. Diamo il paese a Bersani a Grillo e poi ricostruiamolo dalle macerie, magistratura inclusa.....è l'unico modo. Tanti italiani ammesso che non l'abbiano già fatto apriranno gli occhi.

vince50

Dom, 04/08/2013 - 12:00

Per "tentare" di salvare l'Italia la guerra civile dovrebbe essere un po meno civile ma molto più incisiva.In modo da cancellare in un modo o nell'altro tutti coloro i quali si sono resi responsabili dello sfascio e impoverimento della nazione.Senza fare distinzioni di sorta,ossia sx dx oppure altri farabutti con altre sigle di partito(cioè associazioni a delinquere legalizzate).

Ritratto di Reinhard

Reinhard

Dom, 04/08/2013 - 12:02

Senza usare la violenza caratteristica di sinistri e grullini, basta uno sciopero fiscale degli elettori del PDL, che sono la parte produttiva e sana del Paese, e l'Italia va a ramengo!

makeng

Dom, 04/08/2013 - 12:03

La Corte costituzionale è composta da tutti giudici baresi e napoletani di cui uno Esposito è dichiaratamente contro Berlusconi con dal 2005. Il loro potere è illimitato e non sono stati eletti dal popolo. Con quando potranno usufruire del loro potere per condizionare la politica sempre in guerra civile.

giovanni PERINCIOLO

Dom, 04/08/2013 - 12:21

x procto, maxmello e trinariciuti assortiti. Provate, se avete suffciente cervello, cosa di cui dubito, a leggervi il post di Dario Maggiulli (ore 9,25) invece di continuare come sempre a sputare sentenze e insulti gratuiti. Ma é sicuramente chiedervi troppo, per voi vale solo il verbo degli zanda e colleghi, pensare da soli non é cosa per voi!

Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Dom, 04/08/2013 - 12:49

Bondi, Bondi ....! La grande maggioranza degli Italiani sono piu' sereni dopo la sentenza del 1 agosto 2013. Festa nazionale!!! Non ci saranno barricate per Silvio, solo quelle da lui ordinate e pagate.

Ritratto di alejob

alejob

Dom, 04/08/2013 - 13:03

Caro Bondi, tu sei, almeno spero Italiano, io ho conosciuto gli Italiani dopo quaranta anni fatti fuori dall'Italia. L'Italiano è una persona indecifrabile, incomprensibile, diciamo introverso. Quando uno vuole andare a destra, l'altro preferisce la sinistra Bondi, conosci (Quando si andava scuola) il gioco dei due ASINI legati ad un PALO con due COVONI di FIENO uno a destra e uno a sinistra. Ma nessuno di loro poteva mangiare perchè la CORDA che li legava, era troppo CORTA. Credo tu sappia la soluzione, ma vedi, voi POLITICI, la SOLUZIONE NON L'AVETE ANCORA TROVATA. Perchè, perchè siete più STUPIDI DEI DUE ASINI.

marcopolo767

Dom, 04/08/2013 - 18:51

Ma questo signore, dallo sguardo triste e dimesso, con la pelle e il candore di un neonato, ex-comunista folgorato sulla via di Gerico (ops...di Berlusconi), ha riletto ciò che ha scritto? Sembrerebbe che, secondo l'On.Bondi, un soggetto politico, in quanto tale perchè eletto dal popolo, possa permettersi impunemente di infrangere la legge. E gli altri? I non politici? I non eletti dal popolo? Per quelli c'è una differente giustizia? Sono veramente sconcertato. Un giorno Silvio disse agli eletti di Forza Italia, che la maggioranza degli Italiani ha fatto la terza media e neanche nel primo banco. Sono forse questi gli "elettori" a cui l'On.Bondi si riferisce quando chiede la riabilitazione politica di Berlusconi, condananto con sentenza definitiva? Mi piacerrebbe sapere (senza offesa ma nel senso che non lo so) cosa ha fatto nella vita prima di diventare parlamentare, oltre al Sindaco comunista della sua città. E quali spazi professionali si aprirebbero per lui se improvvisamente smettesse di fare politica e, aggiungo, mantenuto dai contribuenti (ovviamente quelli che, magari a malincuore e con sofferenza, le tasse le pagana tutte). Un noto industriale, in un talk show televisivo lo definì "garzone di bottega". Dopo quello che leggo scritto da lui, un "padrone di bottega" (che non sia Silvio), lo vorrà ancora come suo dipendente?